Lavoro nero: arriva la legge sul contrasto al caporalato

di Redazione

Cerchi un avvocato? Confronta subito i preventivi dei nostri migliori esperti. È gratis!

 

In vigore da oggi, 4 novembre, la legge sul contrasto al lavoro nero e allo sfruttamento dei lavoratori in agricoltura. La Legge n. 199 del 29 ottobre 2016, pubblicata ieri in Gazzetta Ufficiale, affronta il fenomeno criminale del caporalato riformulandone e aggiornandone la definizione, inasprendo le pene per gli sfruttatori e prevedendo nuove misure di reinserimento per le vittime. Vediamo quali sono i punti principali della nuova normativa.

 

Leggi la Legge sul contrasto al lavoro nero e allo sfruttamento.

 

Cosa si intende per caporalato e sfruttamento dei lavoratori?

La Legge n. 199/2016 stabilisce che commette reato di sfruttamento chiunque recluti per conto terzi o impieghi personalmente manodopera approfittando dello stato di bisogno dei lavoratori. In particolare, è indice di sfruttamento la reiterata corresponsione di uno stipendio palesemente più basso rispetto a quello previsto dai contratti nazionali, la violazione delle normative sull’orario di lavoro, sul riposo e sulle condizioni igieniche e la sottoposizione del lavoratore a condizioni degradanti.

 

Quali sono le nuove pene previste?

La nuova legge prevede la reclusione da uno a sei anni e la multa da 500 a 1000 euro per chiunque “recluta manodopera allo scopo di destinarla al  lavoro  presso terzi” o “utilizza, assume o impiega manodopera” in condizioni di sfruttamento. La multa fino a 1000 euro è prevista per ciascun lavoratore reclutato.

Se i fatti sono commessi mediante violenza o minaccia la pena sale alla reclusione da cinque a otto anni e alla multa da 1000 a 2000 euro per ciascun lavoratore reclutato.

Costituiscono inoltre aggravanti specifiche e comportano l’aumento di pena da un terzo alla metà il fatto che il numero di lavoratori sfruttati sia superiore a tre, il fatto che tra i lavoratori ci siano minori in età non lavorativa e il fatto di aver esposto i lavoratori a grave pericolo fisico.

 

Riduzione della pena per chi collabora

È anche prevista, tuttavia, la diminuzione della pena da un terzo a due terzi per chi si impegna ad aiutare concretamente la polizia o le autorità giudiziarie nella raccolte di prove decisive per la cattura dei concorrenti o il sequestro delle somme trasferite.

Il giudice, in ogni caso, può stabilire il controllo giudiziario dell’azienda presso cui è stato commesso il reato quando l’interruzione dell’attività imprenditoriale può comportare “ripercussioni negative sui livelli occupazionali” o “compromettere il valore economico del complesso aziendale”.

 

Le misure a favore dei lavoratori

La nuova Legge n. 199/2016 prevede inoltre l’assegnazione dei proventi delle confische al Fondo anti-tratta, le cui risorse vengono anche destinate all’indennizzo delle vittime del reato di caporalato. Viene inoltre potenziata la Rete del lavoro agricolo di qualità, e prevista la stipula di una nuova convenzione con i soggetti provvisti di autorizzazione al trasporto di persone.

Il Ministro delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali Maurizio Martina ha commentato con entusiasmo la nuova Legge, definendola una “legge di civiltà” e uno strumento molto utile “per continuare una battaglia che deve essere quotidiana, perché sulla dignità delle persone non si tratta”.

Diventa autore di Diritto.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it  |  www.maggioliadv.it

Gruppo Maggioli
www.maggioli.it

Ricevi tutte le novità di Diritto.it attraverso le nostre newsletter. 

Non abbandonare Diritto.it
senza iscriverti alle newsletter!