Class action contro Facebook che raccoglie e divulga dati impropriamente
Home » News » Focus

Class action contro Facebook per illecita divulgazione di dati

Redazione

Versione PDF del documento

Si parla molto di privacy in questo periodo. Per cui, a tal proposito, non può sottacersi lo scandalo che sta travolgendo Facebook, contro cui l’Associazione per la difesa dei consumatori Altroconsumo – insieme alle associazioni di consumatori di Belgio, Spagna e Portogallo – sta intentando una vasta class action destinata a creare un importante precedente. La richiesta è pari a 200 euro di risarcimento per ciascun utente che vi aderisca, a causa dell’uso improprio di dati personali posto in essere da Facebook. Lo ha reso noto la stessa associazione Altroconsumo, mediante comunicato stampa del 30 maggio 2018.

Cosa si rimprovera a Facebook?

Di aver raccolto grandi volumi di dati dei propri utenti e di averli condivisi con terze parti senza che gli stessi utenti avessero mai espresso consapevolmente il loro consenso. In tal modo il noto social ha violato sia la normativa sulla protezione dei dati che la fondamentale legislazione sui consumatori, traendone indebiti vantaggi.

Infatti, avverte Altroconsumo, ogni qual volta un utente mette un “like” in un post, inizia a seguire una pagina e Facebook raccoglie impropriamente dati sul suo conto, che vengono poi condivisi con terzi. Più nello specifico, si contesta a Facebook la politica commerciale scorretta ed aggressiva per aver violato gli artt. 20 , 21 e 22 Codice del consumo, in quanto, in fase di attivazione dell’account, manca per l’utente una chiara ed immediata informativa riguardo la raccolta e l’utilizzo per finalità informative/commerciali dei dati ceduti, che vengono utilizzati da soggetti terzi in maniera automatica, senza che il consumatore ne abbia consapevolezza;  il sistema, infatti, prevede una casella già spuntata che dà il consenso alla cessione ed all’utilizzo dei dati e la eventuale scelta di deselezionare tale casella comporterebbe un utilizzo limitato della piattaforma.

Si può aderire all’azione collettiva tramite il sito di Altroconsumo. L’atto di citazione sarà presumibilmente depositato a breve presso il Tribunale di Milano, con una proposta di risarcimento di euro 200 per ciascun utente; cifra a cui si è giunti sommando il valore economico prodotto dall’utilizzo (improprio) dei dati, più il danno morale. Sarà dunque il Giudice chiamato a decidere circa l’asserita responsabilità di Facebook per illecita divulgazione dei dati e circa, eventualmente, l’ammontare del conseguente risarcimento spettante ai consumatori.

Volume consigliato 

Il nuovo regolamento privacy

Il nuovo regolamento privacy

Carlo Nocera, 2018, Maggioli Editore

L’avvento del nuovo GDPR rappresenta una svolta epocale per il mondo della privacy, soprattutto in virtù del ripensato approccio alla materia, che prevede il passaggio da un regime autorizzatorio a quello di responsabilizzazione dei diversi attori operanti sulla scena del...



© RIPRODUZIONE RISERVATA


Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it  |  www.maggioliadv.it

Gruppo Maggioli
www.maggioli.it