E’ stalking pregiudicare l’equilibrio psicologico della vittima con pressioni amorose.

E’ stalking pregiudicare l’equilibrio psicologico della vittima con pressioni amorose.

di Redazione

Versione PDF del documento

 

La Cassazione Penale con sentenza n. 839/21, soffermandosi sul reato di atti persecutori afferma che ai fini della configurabilità del suddetto reato, non è necessario che la vittima descriva con esattezza uno o più degli eventi alternativi del delitto, poiché la prova di essi si può desumere sia da elementi fattuali che dal comportamento stesso dell’agente.

 

Configurabilita’ del reato si stalking

Il reato di stalking, si realizza nel caso in cui gli atti persecutori costituiti da minacce, pedinamenti ed insulti alla persona offesa, abbiano un effetto destabilizzante sull’equilibrio psicologico della vittima. Al riguardo, le dichiarazioni rese dalla vittima del reato de quo, previa verifica della loro credibilità soggettiva e dell’attendibilità intrinseca del racconto, possono di per se stesse giustificare l’esistenza della responsabilità penale dell’imputato.

La rilevanza probatoria dei messaggi whatsapp e degli sms ai fini dell’integrazione del reato di stalking

La Cassazione si è più volte pronunciata affrontando il tema dei mezzi di prova, sottolineando che il messaggio whatsapp e gli SMS conservati nella memoria del telefono cellulare hanno natura di documenti, quindi, si ritiene legittima la loro acquisizione mediante riproduzione fotografica. Infatti, all’uopo, non trova applicazione né la disciplina sulle intercettazioni, né sull’acquisizione della corrispondenza.

Gli atti persecutori ed il pregiudizio sullo stato psicologico della vittima

Carattere peculiare del reato di stalking è il nesso di causalità che deve sussistere tra la condotta persecutoria del reo ed il conseguenziale evento pregiudizievole per lo stato di salute psicologico della vittima. Il caso di specie sottoposto all’attenzione della Corte era dato da una sequenza comportamentale dello stalker concretizzantesi in pedinamenti, minacce ed insulti diretti alla persona offesa e di entità tale da alterare le sue abitudini di vita e dall’insorgere di un perdurante stato d’ansia o di paura.

 

Volume consigliato

IL REATO DI STALKING

IL REATO DI STALKING

Paolo Emilio De Simone, 2020, Maggioli Editore

Questo e-book si propone di fornire un’analisi chiara e completa del delitto di stalking (art. 612-bis c.p.) ad un decennio dalla sua introduzione nel nostro sistema penale ad opera della legge n. 11 del 23 febbraio 2009. La fattispecie delittuosa in esame appare oltremodo complessa...



Diventa autore di Diritto.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it  |  www.maggioliadv.it

Gruppo Maggioli
www.maggioli.it

Ricevi tutte le novità di Diritto.it attraverso le nostre newsletter. Se sei interessato a un ambito specifico effettua l’iscrizione direttamente a questo indirizzo.

Non abbandonare Diritto.it
senza iscriverti alle newsletter!