Dl enti locali: quali sono le novità previste?

Dl enti locali: quali sono le novità previste?

Redazione

Versione PDF del documento

Il nuovo decreto legge enti locali ha ottenuto giovedì la fiducia dalla Camera e si appresta ora a essere esaminato dal Senato. Il decreto contiene disposizioni di vario genere su una serie di argomenti, dal disastro ferroviario in Puglia alle assunzioni dei Vigili del fuoco e dalle rateizzazioni di Equitalia alle concessioni balneari. Vediamo nel dettaglio quali sono le principali novità previste.

 

Le disposizioni in materia tributaria e di assunzioni

Il decreto legge in discussione in questi giorni prevede innanzitutto, come visto in questo articolo, la riapertura della rateizzazione dei debiti verso Equitalia: chi è già decaduto da una dilazione potrà, in sostanza, accedere nuovamente al beneficio senza essere costretto a pagare tutto lo scaduto in un’unica soluzione. Prevista anche l’istituzione di un fondo, che potrà arrivare a 140 milioni di euro in tre anni, per l’estinzione anticipata dei mutui degli enti locali  con la Cassa depositi e prestiti. Il decreto contiene anche norme che riguardano la sospensione per gli ultimi quattro mesi del 2016 delle addizionali sui diritti d’imbarco dei passeggeri degli aeroporti e la possibilità di riscossione coatta delle multe per le aziende di trasporto comunale e regionale. In materia di posti di lavoro, il decreto legge prevede l’assunzione straordinaria di 193 vigili del fuoco entro la fine dell’anno e una deroga a Emilia, Veneto e Lombardia per assumere personale a contratto flessibile in relazione al terremoto del 2012.

 

Il disastro ferroviario in Puglia e gli altri provvedimenti urgenti

Uno degli emendamenti più recenti al decreto garantirebbe lo stanziamento di 10 milioni di euro per i feriti e i parenti delle vittime dello scontro tra i due treni in Puglia, tra Andria e Corato, del 12 luglio. Un’altra norma del decreto prevede l’apertura di apposite strutture per l’accoglimento dei migranti minorenni non accompagnati; le strutture potranno accogliere un massimo di cinquanta ragazzi ciascuna. Prevista, inoltre, la concessione di contributi a fondo perduto per la prima casa per i cittadini de L’Aquila: l’acquisto della nuova abitazione comporterà il trasferimento della casa distrutta al patrimonio comunale.

 

La concessione degli stabilimenti balneari e le imprese agricole

Tra le altre norme contenute nel decreto legge in discussione, particolare importanza riveste la proroga per le concessioni balneari fino al 2020, anche in conseguenza della sentenza della Corte di giustizia europea che aveva bocciato il rinnovo automatico delle concessioni per le spiagge. Previsti infine lo stanziamento di un fondo di 10 milioni di euro che contrasti la crisi del grano e favorisca la competitività delle imprese agricole italiane e l’estensione dell’indennizzo per i pazienti affetti dalla sindrome di Talidomide ai cittadini nati nel 1958 e nel 1966.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it  |  www.maggioliadv.it

Gruppo Maggioli
www.maggioli.it