Cosa si deve indicare nel caso in cui si eccepisca in sede di legittimità l’inutilizzabilità di atti processuali

di Di Tullio D'Elisiis Antonio, Referente Area Diritto penale e Procedura penale
PDF

Qui la sentenza: Corte di Cassazione -sez. VI penale- sentenza 18970 del 09-02-2022

    Indice

  1. Il fatto
  2. I motivi addotti nel ricorso per Cassazione
  3. Le valutazioni giuridiche formulate dalla Cassazione
  4. Conclusioni

1. Il fatto

Il Tribunale del riesame di Salerno rigettava un ricorso proposto ex art. 309 cod. proc. pen. avverso una ordinanza cautelare del divieto di dimora emessa dal G.i.p. del Tribunale di Salerno, in ordine ai reati di cui agli artt. 416, 353 e 353-bis, cod. pen..

2. I motivi addotti nel ricorso per Cassazione

Avverso il provvedimento summenzionato proponeva ricorso per Cassazione il difensore dell’indagato il quale deduceva i seguenti motivi: 1) violazione di legge processuale ex art. 606, comma 1, lett. c), cod. proc. pen. quanto ad utilizzabilità delle intercettazioni disposte per mezzo del captatore informatico, in violazione dell’art. 6, comma 1, d.lgs. n. 216/2017 e 267 cod. proc. pen.; 2) vizi di motivazione e violazione di legge ex art. 606, comma 1, lett. b) ed e), cod. proc. pen. in relazione alle esigenze cautelari ex art. 274, lett. c), cod. proc. pen.; 3) vizi di motivazione e violazione di legge ex art. 606, comma 1, lett. b) ed e), cod. proc. pen. in relazione all’adeguatezza della misura cautelare del divieto di dimora.


Potrebbe interessarti anche


3. Le valutazioni giuridiche formulate dalla Cassazione

Il ricorso, in quanto manifestamente infondato e generico, era stimato inammissibile.

Quanto alla prima doglianza, si procedeva alla sua reiezione sulla scorta di quell’orientamento nomofilattico secondo cui è onere della parte che eccepisce in sede di legittimità l’inutilizzabilità di atti processuali indicare, pena l’inammissibilità del ricorso per genericità del motivo, gli atti specificamente affetti dal vizio e chiarirne, altresì, l’incidenza sul complessivo compendio indiziario già valutato, sì da potersene inferire la decisività in riferimento al provvedimento impugnato (Sez. Un. N. 23868 del 23/04/2009; Sez. 6, n. 1219 del 12/11/2019; Sez. 6, n. 49970 del 19/10/2012) e alla stregua della considerazione secondo la quale la censura proposta sul punto, per la Suprema Corte, si traduceva in una mera petizione di principio priva di effettiva valenza sul compendio motivazionale posto alla base della ritenuta gravità indiziaria relativamente ai capi di incolpazione provvisoria che non veniva in alcun modo fatta oggetto di censura da parte del ricorrente.

Ciò posto, manifestamente infondata e generica era parimenti stimata tale la critica rivolta alla ritenuta esistenza delle esigenze cautelari ed adeguatezza della misura del divieto di dimora (secondo e terzo motivo) che il Tribunale, per la Corte di legittimità, con motivazione completa e logica, aveva giudicato adeguata.

4. Conclusioni

La decisione in esame è assai interessante essendo ivi chiarito cosa si deve indicare nel caso in cui si deduca in sede di legittimità un motivo di ricorso avente ad oggetto l’inutilizzabilità di atti processuali.

Difatti, in tale pronuncia, è affermato, sulla scorta di un pregresso orientamento nomofilattico, che è onere della parte che eccepisce in sede di legittimità l’inutilizzabilità di atti processuali indicare, pena l’inammissibilità del ricorso per genericità del motivo, gli atti specificamente affetti dal vizio e chiarirne, altresì, l’incidenza sul complessivo compendio indiziario già valutato, sì da potersene inferire la decisività in riferimento al provvedimento impugnato.

Tale provvedimento, quindi, deve essere preso nella dovuta considerazione quando si deve addure, nel ricorso per Cassazione, una doglianza di questo genere.

Il giudizio in ordine a quanto statuito in codesta sentenza, proprio perché contribuisce a fare chiarezza su siffatta tematica procedurale, dunque, non può che essere positivo.

Volume consigliato

Nuovo formulario annotato del processo penale

Aggiornato alla Legge 27 settembre 2021, n. 134 e alla Legge 23 novembre 2021, n. 178

Con il presente formulario gli autori perseguono l’obiettivo di guidare l’operatore del diritto penale verso la conoscenza dei vari istituti che caratterizzano lo svolgimento di un procedimento penale attraverso un testo che si caratterizza per la sua finalità estremamente pratica e operativa.

 

Diventa autore di Diritto.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA

antonio-di-tullio-d-elisiis

Di Tullio D'Elisiis Antonio

Avvocato iscritto al foro di Larino (CB) e autore di diverse pubblicazioni redatte per conto di differenti case editrici. In particolare sono stati scritti molteplici libri, nonché e-book, prevalentemente in materia di diritto e procedura penale per la Maggioli editore, oltre che redatte da un lato, tre monografie rispettivamente sulle vittime di reato, mediante un commento del decreto legislativo, 15/12/2015, n. 212, per Altalex editore e sulla giustizia penale minorile e sui mezzi di prova e mezzi di ricerca della prova per Nuova Giuridica, dall'altro, quattro monografie per la Primiceri editore (dibattimento nel processo penale; le impugnazioni straordinarie in ambito penale, il ruolo della parte civile nel processo penale e l'esecuzione penale). Per Diritto.it è Referente dell'area di Diritto penale e Procedura penale.


Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it  |  www.maggioliadv.it

Gruppo Maggioli
www.maggioli.it

  • Rimani aggiornato sulle novità del mondo del diritto
  • Leggi i commenti alle ultime sentenze in materia civile, penale, amministrativo
  • Acquista con lo sconto le novità editoriali – ebook, libri e corsi di formazione

Rimani sempre aggiornato iscrivendoti alle nostre newsletter!

Iscriviti alla newsletter di Diritto.it e