Contratti pubblici: pubblicato il regolamento unico in materia di esercizio del potere sanzionatorio dell’AVCP
Home » News

Contratti pubblici: pubblicato il regolamento unico in materia di esercizio del potere sanzionatorio dell’AVCP

Redazione

Versione PDF del documento

Biancamaria Consales

Pubblicato il Regolamento unico in materia di esercizio del potere sanzionatorio da parte dell’Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture di cui all’art 8, comma 4, del D.Lgs. 12 aprile 2006, n. 163.

Il regolamento, in particolare, disciplina i procedimenti sanzionatori per omesse o false comunicazioni all’Autorità. Il Titolo I della Parte II è, infatti, interamente dedicato al procedimento sanzionatorio nei confronti dei soggetti che abbiano rifiutato od omesso, senza giustificato motivo, di fornire le informazioni o di esibire i documenti richiesti dall’Autorità ovvero che abbiano fornito informazioni o esibito documenti non veritieri
(articolo 6, commi 9 e 11, del D.Lgs. 163/2006). Il provvedimento regolamenta l’irrogazione della sanzione in tutte le sue fasi: dalla fase pre-istruttoria a quella istruttoria, dalla fase di audizione delle parti in fase istruttoria alla conclusione della stessa, fino alla fase decisoria.
Vengono, altresì, stabiliti i criteri per la quantificazione delle sanzioni: a tal proposito il regolamento in oggetto precisa che per la determinazione dell’importo della sanzione pecuniaria l’Autorità segue i parametri contenuti nell’articolo 6, comma 8, del Codice e nell’articolo 11 della L. 689/1981, recante “Modifiche al sistema penale”  ed in particolare la rilevanza e la gravità dell’infrazione, con particolare riferimento all’elemento psicologico, nonché l’opera svolta dall’operatore economico per l’eliminazione o l’attenuazione delle conseguenze della violazione ed, infine, l’eventuale reiterazione di comportamenti analoghi a quelli contestati.

La rilevanza e la gravità dell’infrazione sono valutate anche con riferimento all’effetto pregiudizievole dell’omissione ai fini dell’attività dell’Autorità ed alle motivazioni addotte per giustificare il ritardo o l’omissione.

Il regolamento in oggetto disciplina, altresì, al Titolo II, il procedimento sanzionatorio nei confronti delle stazioni appaltanti e degli enti aggiudicatori che abbiano rifiutato od omesso, senza giustificato motivo, di adempiere agli obblighi informativi ovvero che abbiano fornito informazioni o esibito documenti non veritieri
(articolo 7, comma 8, del D.Lgs. 163/2006) e al Titolo III, il procedimento sanzionatorio per violazione da parte delle imprese dell’obbligo di informazione
(art. 74 del Regolamento di attuazione ed esecuzione del D.Lgs. 163/2006).

In merito alle condotte sanzionate ed al loro ambito di applicazione, alle imprese qualificate ai sensi dell’art. 40 del Codice, l’Autorità può comminare sanzioni in relazione alle seguenti condotte:

a)      mancata risposta alle richieste afferenti la qualificazione;

b)      segnalazione da parte delle SOA di inadempimenti dell’impresa in materia di qualificazione;

c)      produzione, da parte dell’impresa, di informazioni e documenti non veritieri in materia di qualificazione.

Il regolamento disciplina, infine, i procedimenti sanzionatori in materia di comprova dei requisiti di qualificazione e nei confronti delle Soa (in materia di comprova, da parte degli operatori economici, del possesso dei requisiti generali o speciali di qualificazione, e nei confronti degli operatori economici che abbiano reso false dichiarazioni o presentato falsa documentazione alle SOA ai fini dell’ottenimento dell’attestazione di qualificazione).

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it  |  www.maggioliadv.it

Gruppo Maggioli
www.maggioli.it