Bonus facciate 2022: benefici, requisiti, detrazione, cessione del credito, sconto

di Biarella Laura, Avvocato, Giornalista Pubblicista, Docente
PDF

La Legge di Bilancio per l’anno 2022 ha rinnovato il “bonus facciate”, estendendolo fino alla data del 31 dicembre, tuttavia facendo scendere la detrazione d’imposta, dall’aliquota del 90 a quella del 60 per cento. Coloro che sostengono spese per gli interventi di recupero, o restauro della facciata, degli edifici, possono optare, in modo alternativo, per l’impiego diretto della detrazione spettante, per un contributo sotto forma di sconto sul corrispettivo dovuto, per la cessione di un credito d’imposta di pari ammontare.

Indice:

  1. L’agevolazione bonus facciate
  2. Le zone che rientrano nell’agevolazione
  3. Interventi anche termici
  4. Utilizzo diretto della detrazione, contributo sotto forma di sconto, cessione del credito d’imposta

L’agevolazione bonus facciate

Consiste in una detrazione d’imposta, da ripartire in 10 quote annuali costanti, e pari al 90% delle spese sostenute negli anni 2020 e 2021, ma del 60% delle spese sostenute nel corso del 2022, per interventi diretti al recupero o al restauro della facciata esterna degli edifici esistenti, ubicati in certe zone, incluse le operazioni di sola pulitura, ovvero tinteggiatura esterna. Rientrano nel beneficio esclusivamente gli interventi sulle strutture opache della facciata, su balconi, ovvero su ornamenti e fregi.

Per una guida pratica snella e molto chiara sulle diverse opzioni a disposizione per effettuare spese e investimenti sugli immobili in parte finanziati dalle agevolazioni e dalle detrazioni messe a sistema nella recente finanziaria, consigliamo l’ebook “I Bonus Casa 2022: Guida alle agevolazioni e alle detrazioni in edilizia“.

Le zone che rientrano nell’agevolazione

Gli edifici, per essere ammessi al beneficio, devono risultare ubicati nelle zone A e B, come individuate dall’articolo 2 del decreto n. 1444/1968 del Ministro dei lavori pubblici:

  • la prima (zona A) include le parti del territorio interessate da agglomerati urbani che rivestono carattere storico, artistico o di particolare pregio ambientale, ovvero da porzioni di essi, comprese le aree circostanti che possono considerarsi parte integrante, per dette caratteristiche, degli agglomerati medesimi;
  • la seconda (zona B) include le ulteriori parti del territorio fabbricate, anche solamente in parte, considerando tali le aree in cui la superficie coperta degli edifici esistenti non risulti inferiore al 12,5% della superficie fondiaria della zona, e nelle quali la densità territoriale sia superiore a 1,5 mc/mq.

Interventi anche termici

Ove le opere di rifacimento della facciata non comprendano unicamente la pulitura, ovvero la tinteggiatura esterna, bensì riguardino anche interventi che influiscono, dal punto di vista termico, oppure interessino oltre il 10% dell’intonaco della superficie disperdente lorda complessiva dell’edificio, si richiede che siano soddisfatti i requisiti:

  • elencati al decreto Mise 26 giugno 2015 (titolato “Linee guida nazionali per la certificazione energetica degli edifici”),
  • e quelli, relativi ai valori di trasmittanza termica, indicati alla tabella 2 allegata al decreto Mise 11 marzo 2008.

In tali ipotesi, l’ENEA effettuerà delle verifiche in ordine alla sussistenza dei necessari presupposti, in linea con le procedure e le modalità contemplate dal decreto interministeriale 11 maggio 2018. Si applicano pure le disposizioni del decreto Mef n. 41/1998, ossia il regolamento in materia di detrazioni per le spese di ristrutturazione edilizia.

Utilizzo diretto della detrazione, contributo sotto forma di sconto, cessione del credito d’imposta

Secondo quanto statuito dall’articolo 121 del Decreto cd. Rilancio (decreto-legge n. 34 del 2020), coloro che sostengono spese per gli interventi di recupero, ovvero restauro della facciata, degli edifici, possono optare, in modo alternativo:

  • per l’impiego diretto della detrazione spettante;
  • per un contributo, sotto forma di sconto sul corrispettivo dovuto, fino a un importo massimo pari al corrispettivo medesimo, anticipato dai fornitori che hanno effettuato gli interventi, e da questi ultimi recuperato sotto forma di credito d’imposta, di importo pari alla detrazione spettante, con facoltà di successiva cessione del credito a ulteriori soggetti, inclusi istituti di credito e gli altri intermediari finanziari;
  • per la cessione di un credito d’imposta di pari ammontare, con facoltà di successiva cessione a ulteriori, compresi gli istituti di credito e gli altri intermediari finanziari.

Consigliamo l’Ebook:

  I Bonus Casa 2022
Guida alle agevolazioni e alle detrazioni in edilizia
La detrazione per ristrutturazione
Il bonus facciate
L’edilizia libera
Le regole per ripartire l’agevolazione
Pagamento e documenti
Il bonus mobili
Bonus verde
La cessione del credito
Normativa di riferimento 
Allegato “Modulo per la richiesta di applicazione aliquota IVA agevolata

Diventa autore di Diritto.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA

laura-biarella

Biarella Laura

Laureata cum laude presso la facoltà di Giurisprudenza dell’Università degli Studi di Perugia, è Avvocato e Giornalista. È autrice di numerose monografie giuridiche e di un contemporary romance, e collabora, anche come editorialista, con redazioni e su banche dati giuridiche (tra le altre Altalex, Quotidiano Giuridico, NTPLus, 24OreAvvocato, AlVolante, InSella, Diritti e Risposte, Orizzonte Scuola, Fisco e Tasse, poliziamunicipale.it). Ha svolto le funzioni di membro aggiunto presso la Corte d’Appello di Perugia, ai sensi della L. n. 69/1963. Già “cultore della materia” presso Università degli Studi E Campus nelle cattedre di “diritto privato” e “diritto della conciliazione, della mediazione e dell’arbitrato”, è moderatrice e relatrice di convegni, docente presso corsi di formazione e corsi di preparazione all’esame di abilitazione di avvocato. E' stata professore a contratto di “Arbitrato” presso l’Università degli Studi E Campus, Master in ADR, sedi di Roma e Novedrate. E' stata membro del Comitato Scientifico del corso di preparazione dell’esame di avvocato Altalex. Ha svolto docenze di diritto e procedura civile presso la Scuola Forense dell'Ordine degli Avvocati di Perugia, ed ivi ha ricoperto il ruolo di Segretario del Comitato Scientifico. Svolge la funzione di Tutore legale presso il Tribunale dei Minorenni dell’Umbria. E' membro del Comitato di Redazione del mensile 24Ore Avvocato.


Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it  |  www.maggioliadv.it

Gruppo Maggioli
www.maggioli.it

  • Rimani aggiornato sulle novità del mondo del diritto
  • Leggi i commenti alle ultime sentenze in materia civile, penale, amministrativo
  • Acquista con lo sconto le novità editoriali – ebook, libri e corsi di formazione

Rimani sempre aggiornato iscrivendoti alle nostre newsletter!

Iscriviti alla newsletter di Diritto.it e