Amministratori di condominio: proroga al 19 aprile per invio dati spese condominiali

di Redazione
PDF

L’Agenzia delle Entrate con provvedimento del 7 aprile ha disposto una proroga dei termini per la comunicazione da parte degli Amministratori di condominio all’anagrafe tributaria dei dati relativi alle spese per ristrutturazioni e riqualificazione energetica del 2021.

Proroga al 19 aprile per invio dati spese ristrutturazione

Il termine previsto è il 19 aprile 2022 e precisamente riguarda la comunicazione dei dati delle spese relative:

  • agli interventi di recupero del patrimonio edilizio e di riqualificazione energetica effettuati su parti comuni di edifici residenziali,
  • alle spese per l’acquisto di mobili e di grandi elettrodomestici finalizzati all’arredo delle parti comuni dell’immobile oggetto di ristrutturazione.

Come effettuare la comunicazione

L’Agenzia delle Entrate ha inoltre disposto delle specifiche istruzioni per la compilazione e trasmissione delle comunicazioni delle spese attribuite ai condomini per lavori effettuati sulle parti comuni.
>> Clicca QUI per leggere le istruzioni

Nelle istruzioni, l’Agenzia delle Entrate stabilisce che una comunicazione può contenere i dati riferiti ad uno o più interventi su parti comuni di un condominio, i cui pagamenti sono avvenuti nell’anno di riferimento.
Devono essere comunque inviati i dati degli interventi che hanno usufruito della detrazione al 110% e per i quali il condominio non ha effettuato pagamenti nell’anno di riferimento per effetto della cessione del credito da parte di tutti i condomini ai fornitori o della fruizione del contributo mediante sconto.

In particolare, è stato inserito un apposito codice per la comunicazione di questi dati ed è stato poi introdotto un nuovo codice per individuare il caso in cui il contribuente, in relazione ad un singolo intervento, abbia optato in parte per il contributo mediante sconto in fattura e in parte per la cessione del credito a soggetti diversi dai fornitori.

Sanzioni per gli Amministratori in caso di errata comunicazione

Gli Amministratori di condominio che si occupano della comunicazione possono incorrere in sanzioni nei casi di:

  • omessa trasmissione dei dati: 100 euro di sanzione per ogni comunicazione;
  • comunicazione inviata tardivamente: 100 euro di sanzione per ogni comunicazione;
  • errata comunicazione: la sanzione non si applica se la trasmissione corretta è effettuata entro i 5 giorni successivi alla scadenza, o entro i 5 giorni successivi alla segnalazione da parte delle Entrate.

La sanzione è ridotta a un terzo, ossia 33,33 euro, con un massimo di 20mila euro, se le comunicazioni sono correttamente trasmesse entro 60 giorni dalla scadenza ovvero entro il 15 maggio 2022.

L’Agenzia delle entrate ha cercato di facilitare gli Amministratori nell’individuazione di eventuali errori o mancanze in modo da consentire loro la correzione della comunicazione. L’Agenzia quindi, quando le informazioni sono incomplete o incongruenti, non le inserisce direttamente nella dichiarazione precompilata ma le espone separatamente per consentire al contribuente di verificarle.

Consigliamo il SOFTWARE per invio delle spese edilizie

Potrebbe essere utile anche il seguente volume:

Come difendersi dai reati connessi al Superbonus 110%
Falsità, frodi e reati tributari

L’opera contiene un’esegesi delle più recenti pronunce giurisprudenziali relative alle fattispecie criminose analizzate, ponendosi come strumento utile al Professionista per individuare la migliore tecnica di tutela e la migliore strategia difensiva.

18,05 €

 

Diventa autore di Diritto.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it  |  www.maggioliadv.it

Gruppo Maggioli
www.maggioli.it

  • Rimani aggiornato sulle novità del mondo del diritto
  • Leggi i commenti alle ultime sentenze in materia civile, penale, amministrativo
  • Acquista con lo sconto le novità editoriali – ebook, libri e corsi di formazione

Rimani sempre aggiornato iscrivendoti alle nostre newsletter!

Iscriviti alla newsletter di Diritto.it e