Agcom: presentata la relazione annuale 2012

di Redazione

Biancamaria Consales

La relazione annuale 2012, presentata dall’Autorità per le garanzie nelle telecomunicazioni, è corredata di numerose tabelle ed appendici ed ha ad oggetto l’attività svolta ed i programmi di lavoro. Qui di seguito un passo della relazione, di cui l’ecosistema digitale rappresenta il perno centrale.

“L’evoluzione del settore delle comunicazioni negli ultimi anni mostra una sempre più accentuata dinamica di convergenza tecnologica e di mercato tra l’industria delle telecomunicazioni e quella dei media. Seppur ancora distinti sotto diversi profili, i mercati dei media e delle telecomunicazioni appaiono infatti attraversati da forti spinte all’integrazione, che incidono sulla catena del valore dell’intero settore delle comunicazioni. Questo va progressivamente assumendo i contorni di un ecosistema digitale sempre più complesso e articolato di relazioni e scambi tra operatori di reti e fornitori di servizi e contenuti audiovisivi, in cui si affermano nuovi attori economici, come le internet company globali, le c.d. “Over The Top”.

In tale prospettiva, il perdurante declino che caratterizza nell’Unione europea il settore delle telecomunicazioni, che registra complessivamente una crescita negativa pari a -1,9%, si giustifica anche per il fatto che il valore tende a spostarsi verso servizi internet a valore aggiunto – in particolare, quelli funzionali allo sviluppo del modello “mobile everywhere” che presuppone reti 4G come LTE, servizi in modalità cloud e stoccaggio di big data – e le imprese europee mostrano difficoltà ad affermarsi in questi mercati emergenti, su cui si stanno invece maggiormente orientando gli investimenti dei nuovi colossi dell’ecosistema digitale (tra cui Apple, Google, Amazon, Microsoft e Facebook).”.

Diventa autore di Diritto.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it  |  www.maggioliadv.it

Gruppo Maggioli
www.maggioli.it

Ricevi tutte le novità di Diritto.it attraverso le nostre newsletter. 

Non abbandonare Diritto.it
senza iscriverti alle newsletter!