Ordinamento penitenziario minorile: così come riformato

di Redazione
PDF

È stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 250/2018 il decreto legislativo 2 ottobre 2018 n. 121, in attuazione della delega di cui all’art. 1 co. 81, 83, 85 lett. p) della legge 23 giugno 2017 n. 203 che disciplina, per la prima volta, in maniera organica l’esecuzione delle pene nei confronti dei condannati minorenni, che introduce novità di rilievo soprattutto per quanto riguarda le misure alternative alla detenzione.

Il decreto legislativo, in attuazione della delega contenuta nella c.d. riforma Orlando del codice penale, di procedura penale e dell’ordinamento penitenziario, introduce una disciplina organica dell’esecuzione delle pene nei confronti dei condannati per reati commessi da minorenni.

Novità

La riforma, è resa necessaria dall’introduzione del nuovo codice di procedura penale, intervenuta nel 2014 per adeguamento alle indicazioni europee in termini di “standard europei di vivibilità carceraria”, aveva esteso fino ai venticinque anni l’età raggiunta la quale, obbligatoriamente, i condannati per reati commessi da minorenni devono transitare in istituti carcerari per adulti. Questa novità, creando un panorama estremamente eterogeneo della popolazione carceraria per così dire di provenienza minorile, aveva ancora di più reso evidente la necessità di intervenire con una disciplina organica ed estesa sulla esecuzione delle pene nei confronti dei condannati da minorenni, non solo per differenziarla ancora di più da quella nei confronti degli adulti, ma soprattutto per fornire degli strumenti normativi validi e sufficientemente elastici ai protagonisti della fase esecutiva in maniera da attagliarla nel migliore dei modi a soggetti molto diversi tra loro.

Il carcere minorile

Il decreto stabilisce una concreta disciplina, per l’esecuzione della pena, nei confronti di condannati minorenni e di cd. giovani adulti con particolare, tenendo conto dei principi già in essere nel processo penale nella sua fase giudicante, riguardo al percorso educativo e di reinserimento sociale. L’esecuzione della pena, in tal caso, è tesa a “favorire percorsi di giustizia riparativa e di mediazione con le vittime di reato. Tende altresì a favorire la responsabilizzazione, l’educazione e il pieno sviluppo psico-fisico del minorenne, la preparazione alla vita libera, l’inclusione sociale e a prevenire la commissione di ulteriori reati, anche mediante il ricorso ai percorsi di istruzione, di formazione professionale, di educazione alla cittadinanza attiva e responsabile, e ad attività di utilità sociale, culturali, sportive e di tempo libero” (cfr. art. 1 comma 2 ).
Si ricorda che la misura detentiva risulta essere l’extrema ratio, da applicare solo qualora vi sia il pericolo che il condannato si sottragga all’esecuzione della pena o commetta altri reati, e vengono introdotte in un quadro organico le cd. misure penali di comunità: – l’affidamento in prova al servizio sociale;  – l’affidamento in prova con detenzione domiciliare; – la detenzione domiciliare;- la semilibertà.

L’approccio della riforma alla concessione delle suddette misure è costruito in termini di residualità dei divieti, o per la particolare gravità del reato commesso o per la presenza di vittime particolarmente deboli ovvero per la presenza di legami di tipo criminale sul territorio che, unitamente alla gravità del titolo di reato, rendono inopportuna la concessione dei suddetti benefici ovvero di alcuni di essi. La scelta della sanzione punitiva impiega il criterio della gradualità e della minore afflittività sulla libertà personale del condannato, in termini oggetto; quanto ai profili soggettivi all’osservanza della personalità del minore, delle sue condizioni di salute psico-fisica, dell’età e del grado di maturità, del contesto di vita e comunque salvaguardando i legami del condannato sul territorio a meno che non sussistano ragioni di prevenzione speciale per non coltivarli.

Volume consigliato

Il processo penale minorile

Il processo penale minorile

Il volume, aggiornato alla L. 23 giugno 2017, n. 103 (Riforma della giustizia penale), è uno strumento di supporto per quanti chiamati a gestire le criticità legate al processo penale minorile.

Con giurisprudenza e formulario, l’opera esamina infatti in maniera ragionata e compiuta l’intero procedimento penale minorile, partendo dai principi generali che lo regolano e dalle principali convenzioni internazionali, passando per la fase delle indagini preliminari fino al dibattimento, alle impugnazioni e all’esecuzione.

Ciascun capitolo è completato con una rassegna di quesiti aventi come risposta le interpretazioni giurisprudenziali sull’argomento trattato.

Notevole attenzione è dedicata innanzitutto ai soggetti: dal giudice al pubblico ministero, dall’imputato ai servizi minorili e agli esercenti la responsabilità genitoriale sino alla disamina della difesa e dell’assistenza tecnica del minore. La trattazione prosegue con l’analisi delle misure precautelari e cautelari, con ampio spazio dedicato alla scelta delle cautele da attuare e alla loro tipologia e durata. Apposita sezione è dedicata al tema, di grande attualità, dell’ascolto del minore e all’incidente probatorio, il cui utilizzo è stato rafforzato sin dalla ratifica della Convenzione di Lanzarote del 2012.

Al volume sono collegate utili risorse on line: al sito www.approfondimenti.maggioli.it è possibile accedere alla raccolta della giurisprudenza, alla normativa di riferimento e al formulario compilabile e stampabile.

Debora Tripiccione, Magistrato dal 1996. Giudice del Tribunale per i minorenni di Roma con funzioni di giudice per le indagini preliminari e per l’udienza preliminare fino al 2015. Attualmente in servizio presso l’Ufficio del Massimario e del Ruolo della Corte Suprema di Cassazione.
Armando Macrillò, Avvocato e dottore di ricerca in procedura penale, è titolare di contratto integrativo di insegnamento in Diritto dell’esecuzione penale presso la LUISS Guido Carli di Roma, ove è altresì docente di Diritto processuale penale presso la School of Law. Dirige la Scuola di alta formazione dell’Avvocato penalista presso la Camera Penale di Roma.
Guido Mussini, Avvocato del foro di Roma dal 1994 con esperienza professionale principale in diritto penale della famiglia, reati di violenza sessuale e reati di sfruttamento sessuale del minore e procedimento penale minorile. Curatore speciale del minore nei procedimenti civili avanti le autorità giudiziarie competenti. 
Fulvio Filocamo, Magistrato in servizio quale sostituto procuratore della Repubblica presso il Tribunale per Minorenni di Roma, già addetto all’esecuzione penale. 

Leggi descrizione
Armando Macrillò - Fulvio Filocamo - Guido Mussini, 2017, Maggioli Editore
58.00 € 46.40 €

 

Diventa autore di Diritto.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it  |  www.maggioliadv.it

Gruppo Maggioli
www.maggioli.it

  • Rimani aggiornato sulle novità del mondo del diritto
  • Leggi i commenti alle ultime sentenze in materia civile, penale, amministrativo
  • Acquista con lo sconto le novità editoriali – ebook, libri e corsi di formazione

Rimani sempre aggiornato iscrivendoti alle nostre newsletter!

Iscriviti alla newsletter di Diritto.it e