Obblighi formativi in materia di sicurezza: chiarimenti del Ministero del Lavoro sul momento di erogazione

Obblighi formativi in materia di sicurezza: chiarimenti del Ministero del Lavoro sul momento di erogazione

Redazione

Versione PDF del documento

Biancamaria Consales

Con interpello n. 16 del 22 maggio 2013, il Ministero del Lavoro ha fornito chiarimenti in merito alla disciplina degli obblighi formativi in tema di salute e sicurezza, rivolta ai lavoratori sospesi dall’attività lavorativa e beneficiari di una prestazione di sostegno al reddito in costanza del rapporto di lavoro.

In particolare l’interpellante chiedeva se gli obblighi formativi ex art. 37 del D.Lgs. 81/2008 possano rientrare tra quelli indicati dall’art. 4, comma 40, L. 92/2012, che condizionano la fruizione degli ammortizzatori sociali alla frequentazione di corsi di formazione o di riqualificazione.

Il Ministero ha riportato l’attenzione all’art. 37 del D.Lgs. 81/2008 che disciplina l’obbligo di formazione e addestramento dei lavoratori in materia di salute e sicurezza in relazione ai rischi insiti nello svolgimento di specifiche attività e alle relative procedure di prevenzione e protezione. In particolare, ai sensi del comma 4 del predetto articolo, l’obbligo formativo deve avvenire “in occasione: a) della costituzione del rapporto di lavoro o dell’inizio dell’utilizzazione qualora si tratti di somministrazione di lavoro; b) del trasferimento o cambiamento di mansioni; c) dell’introduzione di nuove attrezzature di lavoro o di nuove tecnologie, di nuove sostanze e preparati pericolosi prima della costituzione del rapporto di lavoro e deve essere ripetuto in base all’evoluzione o all’insorgenza di nuovi rischi”.

È, inoltre, specificamente previsto dal comma 12 che l’erogazione della formazione debba avvenire “durante l’orario di lavoro e non può comportare oneri economici a carico dei lavoratori”.

Il legislatore ha, dunque, inteso precisare che la formazione in materia di salute e sicurezza, essendo finalizzata all’attività lavorativa, non può avvenire al di fuori dell’orario di lavoro per non andare ad intaccare quel “tempo libero” che deve rimanere a disposizione del lavoratore.

Altra finalità ha, invece, la formazione di cui alla L. 92/2012 che riguarda, invero, la capacità professionale del lavoratore in relazione o al lavoro dal quale risulta momentaneamente sospeso o alla nuova attività alla quale accederà in virtù della riqualificazione lavorativa.

La formazione, oggetto delle due discipline normative in questione, è differente e ciò giustifica anche il diverso momento nel quale risulta logico elargirla.

In conclusione, il Ministero ha ritenuto che nella formazione indicata dalla L. 92/2012 possano farsi rientrare i soli corsi di aggiornamento e formazione erogati nel corso del rapporto di lavoro, funzionali al reinserimento lavorativo e alla salvaguardia dei livelli occupazionali.

In tal senso, infatti, la formazione e/o riqualificazione prevista dalla L. 92/2012 risulta completata dai corsi di formazione finalizzati al trasferimento o cambiamento di mansioni o all’introduzione di nuove attrezzature o di nuove tecnologie, di nuove sostanze e preparati pericolosi, previsti dall’articolo 37, comma 4, lett. b) e c) del D.Lgs. 81/2008, o dai corsi di aggiornamento quinquennali previsti dall’accordo del 21 dicembre 2011, a cui rinvia l’art. 37, comma 2, del D.Lgs. 81/2008.

Pertanto si ritiene che possano essere effettuati nell’ambito della formazione di cui all’art. 4, comma 40, L. 92/2012 sia i corsi di formazione previsti dall’articolo 37, comma 4, lett. b) e c) del D.Lgs. 81/2008, sia i corsi di aggiornamento quinquennali previsti dall’accordo del 21 dicembre 2011, ma non i corsi relativi alla formazione di cui all’articolo 37, comma 4, lett. a).

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it  |  www.maggioliadv.it

Gruppo Maggioli
www.maggioli.it