Nel caso in esame la polizza fideiussoria (quale documento in-formatico) è stata generata in quattro esemplari dei quali uno è stato utilizzato per la stazione appaltante e gli altri per il contraente, per la sede generale della Compagnia assicuratrice e

Nel caso in esame la polizza fideiussoria (quale documento in-formatico) è stata generata in quattro esemplari dei quali uno è stato utilizzato per la stazione appaltante e gli altri per il contraente, per la sede generale della Compagnia assicuratrice e

Lazzini Sonia

Qui la sentenza: Nel caso in esame la polizza fideiussoria (quale documento in-formatico) è stata generata in quattro esemplari dei quali uno è stato utilizzato per la stazione appaltante e gli altri per il contraente, per la sede generale della Compagnia assicuratrice e dell’Agenzia territoria-le (Consiglio di Giustizia Amministrativa N. 212/11)

Versione PDF del documento

Fideiussione provvisoria presentata quale documento informatico

Nel caso in esame la polizza fideiussoria (quale documento in-formatico) è stata generata in quattro esemplari dei quali uno è stato utilizzato per la stazione appaltante e gli altri per il contraente, per la sede generale della Compagnia assicuratrice e dell’Agenzia territoria-le.

Ne consegue che, trattandosi di esemplare originale e non di co-pia, nessuna attestazione di certificazione di conformità doveva essere apposta per attestare la veridicità della firma.

D’altra parte, come evidenziato dall’appellante Comune di Pa-lermo, la Commissione di gara ha proceduto, tramite il funzionario responsabile del procedimento, a verificare l’autenticità della forma digitale apposta sulla polizza, il che sta a significare che, con tale ac-certamento, si è proceduto anche a verificare l’autenticità della cau-zione.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it  |  www.maggioliadv.it

Gruppo Maggioli
www.maggioli.it