Le Sezioni Unite intervengono sul quesito relativo alla recidiva ai fini del calcolo della prescrizione

La rilevanza della recidiva ai fini del calcolo del termine di prescrizione del reato

di Redazione

Versione PDF del documento

Le Sezioni Unite penali hanno definito i loro dicta relativamente alla questione che era stata loro sottoposta.
Con ordinanza n. 30042 del 2018, era stata rimessa alle Sezioni Unite la seguente questione di diritto: «se, la recidiva contestata e accertata nei confronti dell’imputato e solo implicitamente riconosciuta dal giudice di merito che, pur non ritenendo di aumentare la pena a tale titolo, abbia specificamente valorizzato, per negare il riconoscimento delle circostanze attenuanti generiche, i precedenti penali dell’imputato, rileva o meno ai fini del calcolo del tempo necessario ai fini della prescrizione del reato».

Gli orientamenti giurisprudenziali

Secondo un primo orientamento, la recidiva contestata e accertata nei confronti dell’imputato, ma solo implicitamente riconosciuta dal giudice di merito che, pur non ritenendo di aumentare la pena a tale titolo, avesse specificamente valorizzato i precedenti penali per negare il riconoscimento delle attenuanti, rileverebbe ai fini del calcolo della prescrizione del reato.
Un opposto orientamento, al contrario, rileva che in tale ipotesi debba riconoscersi l’irrilevanza a fini prescrizionali della recidiva.

Le Sezioni Unite

Le Sezioni Unite aderiscono a questa seconda tesi e confermano che se la recidiva contestata e accertata nei confronti dell’imputato è stata solo implicitamente riconosciuta dal giudice di merito, il quale non abbia, per l’effetto, aumentato la pena a tale titolo, essa non rileva ai fini del calcolo prescrizionale.

All’udienza del 25 ottobre 2018, le Sezioni Unite hanno fornito la seguente soluzione: «la valorizzazione dei precedenti penali dell’imputato per la negazione delle attenuanti generiche non implica il riconoscimento della recidiva in assenza di aumento della pena a tale titolo o di giudizio di comparazione delle concorrenti circostanze eterogenee; in tal caso, la recidiva non rileva ai fini del calcolo dei termini di prescrizione del reato».
Al momento l’informazione è provvisoria e si attendono le motivazioni del Supremo Consesso.

Volume consigliato

La revisione penale

La revisione penale

Francesca Sassano, 2018, Maggioli Editore

Con giurisprudenza e tavole sinottiche, l’opera è un’analisi agile e operativa dell’istituto della revisione penale, rimedio straordinario di giustizia avverso un giudicato definitivo, e per questo intangibile, ma erroneo nell’affermazione della...



Diventa autore di Diritto.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it  |  www.maggioliadv.it

Gruppo Maggioli
www.maggioli.it