Le Sezioni Unite intervengono sul quesito relativo alla recidiva ai fini del calcolo della prescrizione
Home » News » Focus

La rilevanza della recidiva ai fini del calcolo del termine di prescrizione del reato

Redazione

Versione PDF del documento

Le Sezioni Unite penali hanno definito i loro dicta relativamente alla questione che era stata loro sottoposta.
Con ordinanza n. 30042 del 2018, era stata rimessa alle Sezioni Unite la seguente questione di diritto: «se, la recidiva contestata e accertata nei confronti dell’imputato e solo implicitamente riconosciuta dal giudice di merito che, pur non ritenendo di aumentare la pena a tale titolo, abbia specificamente valorizzato, per negare il riconoscimento delle circostanze attenuanti generiche, i precedenti penali dell’imputato, rileva o meno ai fini del calcolo del tempo necessario ai fini della prescrizione del reato».

Gli orientamenti giurisprudenziali

Secondo un primo orientamento, la recidiva contestata e accertata nei confronti dell’imputato, ma solo implicitamente riconosciuta dal giudice di merito che, pur non ritenendo di aumentare la pena a tale titolo, avesse specificamente valorizzato i precedenti penali per negare il riconoscimento delle attenuanti, rileverebbe ai fini del calcolo della prescrizione del reato.
Un opposto orientamento, al contrario, rileva che in tale ipotesi debba riconoscersi l’irrilevanza a fini prescrizionali della recidiva.

Le Sezioni Unite

Le Sezioni Unite aderiscono a questa seconda tesi e confermano che se la recidiva contestata e accertata nei confronti dell’imputato è stata solo implicitamente riconosciuta dal giudice di merito, il quale non abbia, per l’effetto, aumentato la pena a tale titolo, essa non rileva ai fini del calcolo prescrizionale.

All’udienza del 25 ottobre 2018, le Sezioni Unite hanno fornito la seguente soluzione: «la valorizzazione dei precedenti penali dell’imputato per la negazione delle attenuanti generiche non implica il riconoscimento della recidiva in assenza di aumento della pena a tale titolo o di giudizio di comparazione delle concorrenti circostanze eterogenee; in tal caso, la recidiva non rileva ai fini del calcolo dei termini di prescrizione del reato».
Al momento l’informazione è provvisoria e si attendono le motivazioni del Supremo Consesso.

Volume consigliato

La revisione penale

La revisione penale

Francesca Sassano, 2018, Maggioli Editore

Con giurisprudenza e tavole sinottiche, l’opera è un’analisi agile e operativa dell’istituto della revisione penale, rimedio straordinario di giustizia avverso un giudicato definitivo, e per questo intangibile, ma erroneo nell’affermazione della...



© RIPRODUZIONE RISERVATA


Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it  |  www.maggioliadv.it

Gruppo Maggioli
www.maggioli.it