Imprese, entro il 2 aprile la comunicazione dei beni concesso in uso ai soci e familiari

Imprese, entro il 2 aprile la comunicazione dei beni concesso in uso ai soci e familiari

di Redazione

Versione PDF del documento

Lilla Laperuta

Il prossimo 2 aprile 2013 scade il termine per la comunicazione dei beni d’impresa concessi in uso ai soci o familiari, adempimento a carico delle imprese istituito ai sensi dell’art. 2, co. 36-sexiesdecies, D.L. 138/2011. In base alla norma i soggetti che esercitano attività di impresa, sia in forma individuale che collettiva, comunicano i dati anagrafici dei soci – comprese le persone fisiche che direttamente o indirettamente detengono partecipazioni nell’impresa concedente – o dei familiari dell’imprenditore che hanno ricevuto in godimento beni dell’impresa, nonché effettuano qualsiasi forma di finanziamento o capitalizzazione nei confronti della società concedente.

Nella comunicazione che può essere assolta, in via alternativa, dall’impresa concedente, dal socio o dal familiare dell’imprenditore, devono essere indicati i seguenti elementi:

1) per le persone fisiche: codice fiscale, dati anagrafici e stato estero di residenza;

2) per i soggetti diversi dalle persone fisiche: codice fiscale, denominazione e comune del domicilio fiscale o lo stato estero di residenza;

3) tipologia di utilizzazione del bene;

4) tipologia, identificativo del contratto e relativa data di stipula;

5) categoria del bene, durata della concessione (data di inizio e fine), corrispettivo e relativo valore di mercato;

6) ammontare dei finanziamenti e capitalizzazioni.

La comunicazione deve essere effettuata esclusivamente in via telematica, utilizzando il servizio telematico Entratel o Fisconline e deve essere trasmessa entro il 31 marzo dell’anno successivo a quello di chiusura del periodo d’imposta in cui i beni sono concessi in godimento. Al momento essa riguarderà sia il 2011 che il 2012, ovvero dovranno essere comunicati anche i beni concessi nei periodi d’imposta precedenti a quello di prima applicazione, per i quali il godimento sussisteva ancora nel periodo d’imposta in corso al 17 settembre 2011.

Diventa autore di Diritto.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it  |  www.maggioliadv.it

Gruppo Maggioli
www.maggioli.it

Ricevi tutte le novità di Diritto.it attraverso le nostre newsletter. Se sei interessato a un ambito specifico effettua l’iscrizione direttamente a questo indirizzo.

Non abbandonare Diritto.it
senza iscriverti alle newsletter!