Il servizio di tesoreria

di Laura Facondini, Dott.ssa

Ai sensi dell’articolo 209 del Testo Unico Enti Locali, il servizio di tesoreria consiste nel complesso di operazioni connesse alla gestione finanziaria dell’ente locale e finalizzate alla riscossione delle entrate, al pagamento delle spese, alla custodia dei titoli e valori ed agli adempimenti connessi previsti dalla legge, dallo statuto e dai regolamenti dell’ente o da norme pattizie.

Volume consigliato

La revisione degli Enti locali

La revisione degli Enti locali

Marcella Mulazzani (a cura di), 2020, Maggioli Editore

Il manuale si conferma guida insostituibile al corretto svolgimento dell’attività di revisione dei bilanci, dei rendiconti e della regolarità contabile e amministrativa dell’Ente locale. È inoltre un efficace testo per l’attività di...



L’affidamento del servizio di tesoreria

Per quanto attiene all’affidamento del servizio di tesoreria, questo viene effettuato mediante le procedure ad evidenza pubblica stabilite nel regolamento di contabilità di ciascun ente, con modalità che rispettino i princìpi della concorrenza.

Il Tesoriere è un agente contabile esterno tenuto a rendere il conto giudiziale inerente alla propria gestione. Il d.lgs. Testo Unico Enti Locali dispone all’art. 208 che gli enti locali hanno un Servizio di Tesoreria che può essere affidato:

a) per i comuni capoluoghi di provincia, le province, le città metropolitane, ad una banca autorizzata a svolgere l’atti-vità di cui all’articolo 10 del decreto legislativo 1° settembre 1993, n. 385;
b) per i comuni non capoluoghi di provincia, le comunità montane e le unioni di comuni, anche a società per azioni regolarmente costituite con capitale sociale interamente versato non inferiore a cinquecentomila euro, aventi per oggetto la gestione del Servizio di Tesoreria e la riscossione dei tributi degli enti locali e che alla data del 25 febbraio 1995 erano incaricate dello svolgimento del medesimo servizio a condizione che il capitale sociale risulti adeguato a quello minimo richiesto dalla normativa vigente per le banche di credito cooperativo;
c) altri soggetti abilitati per legge.

La giurisprudenza ha precisato che l’affidamento del servizio di tesoreria si sostanzia in una concessione di servizi, pertanto si applicano le disposizioni di cui agli artt. 164 e ss. del D.lgs.50/2016. Il Consiglio di Stato, sentenza n. 3377 del 6 giugno 2011 ha affermato che le  concessioni si distinguono dagli appalti non per il titolo provvedimentale dell’attività, né per il fatto che ci si trovi di fronte ad una vicenda di trasferimento di pubblici poteri o di ampliamento della sfera giuridica del privato, né per la loro natura autoritativa o provvedimentale rispetto alla natura contrattuale dell’appalto, ma per il fenomeno di traslazione dell’alea inerente una certa attività in capo al soggetto privato. Quando l’operatore privato si assume i rischi della gestione del servizio, rifacendosi sostanzialmente sull’utente mediante la riscossione di un qualsiasi tipo di canone, tariffa o diritto, allora si ha concessione: è la modalità della remunerazione, quindi, il tratto distintivo della concessione dall’appalto di servizi. La sentenza chiarisce che, nel caso del servizio di tesoreria, l’assenza di un corrispettivo a carico dell’amministrazione e la conseguente traslazione dell’alea inerente alla prestazione a carico del soggetto privato, non può che sostanziare una concessione di servizio.

La concessione rientra nelle competenze del Consiglio Comunale. Il rapporto viene regolato in base ad una convenzione deliberata dall’organo consiliare dell’ente.

La Corte dei conti si pronuncia sui limiti del ricorso all’anticipazione di tesoreria

Nella Delibera n. 109 del 2 luglio 2021 della Corte dei conti Emilia-Romagna, la Sezione chiarisce che la circostanza che un Comune abbia contratto anticipazioni di Tesoreria per periodi non brevi e per importi che rimangono significativi, rischia di trasformare tale istituto da strumento di correzione degli squilibri temporali tra riscossioni e pagamenti in una forma d’indebitamento vero e proprio, gestito in alternativa al debito commerciale. Tale operazione, quando si verifica senza soluzione di continuità, costituisce comportamento difforme dai criteri della sana e prudente gestione finanziaria e, per l’assenza del presupposto della temporaneità del deficit di cassa, rappresenta un sintomo di violazione della regola per la quale l’indebitamento è destinato alle spese d’investimento.

Nel valutare positivamente quanto riportato con la Risposta istruttoria in merito al mancato ricorso all’anticipazione nelle successive annualità, la Sezione non può comunque esimersi dal rammentare che l’art. 222 del Testo Unico Enti Locali e l’art. 3, comma 17, della Legge n. 350/2003, consentono il ricorso all’anticipazione di Tesoreria, che è una forma di contrazione di debito a breve termine sottratta ai limiti di destinazione alle spese di investimento posti dall’art. 119, comma 6, della Costituzione, esclusivamente per “superare una momentanea carenza di liquidità” e finalizzato a fronteggiare improrogabili e, comunque, momentanee esigenze di cassa. In particolare, l’art. 222 del Tuel prevede che il Tesoriere, a seguito di richiesta dell’Ente corredata da una Deliberazione della Giunta comunale, possa concedere anticipazioni di Tesoreria entro il limite massimo di legge delle entrate riferite ai primi 3 Titoli, accertate nel penultimo anno precedente la richiesta.

 

La responsabilità del tesoriere

Ai sensi dell’articolo 211 Testo Unico Ente Locale, il tesoriere risponde con tutte le proprie attività ed il proprio patrimonio per eventuali danni causati all’ente o a terzi. Il tesoriere è responsabile di tutti i depositi intestati all’ente. Nel giudizio di responsabilità contabile, la giurisprudenza esclude la colpa grave del tesoriere per aver estinto un mandato a favore di soggetto che appariva legittimato alla riscossione in una fattispecie in cui il soggetto esibiva avviso di pagamento del comune e l’amministrazione aveva omesso di comunicare l’avvenuta cessione del credito.

Nel caso di condanna del tesoriere al pagamento nei confronti dell’ente pari alla somma corrispondente all’ammanco, l’ente locale iscrive in bilancio tale credito fra i residui attivi provenienti dall’esercizio nel quale l’ammanco si è verificato.

Volume consigliato

La revisione degli Enti locali

La revisione degli Enti locali

Marcella Mulazzani (a cura di), 2020, Maggioli Editore

Il manuale si conferma guida insostituibile al corretto svolgimento dell’attività di revisione dei bilanci, dei rendiconti e della regolarità contabile e amministrativa dell’Ente locale. È inoltre un efficace testo per l’attività di...



 

Diventa autore di Diritto.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA

laura-facondini

Laura Facondini

Laureata con Lode all’Università di Bologna con tesi in diritto processuale civile correlata in diritto processuale dell’Unione Europea, si specializza in Professioni Legali presso la SSPL E.Redenti e si abilitata all’esercizio della professione forense presso la Corte d’Appello di Bologna. Ha svolto collaborazioni scientifiche in Scuole di Formazione dedicate alla preparazione al concorso in magistratura e ha svolto tirocini formativi affiancando il magistrato affidatario nella redazione di sentenze e provvedimenti giurisdizionali. Svolge la propria attività lavorativa nella Pubblica Amministrazione come Istruttore Direttivo Amministrativo. Si occupa prevalentemente di diritto amministrativo, diritto degli enti locali, contratti e appalti pubblici, servizi, privacy, gestione documentale e nuove tecnologie. Per Diritto.it è curatrice dell’area diritto amministrativo.


Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it  |  www.maggioliadv.it

Gruppo Maggioli
www.maggioli.it

Ricevi tutte le novità di Diritto.it attraverso le nostre newsletter. 

Non abbandonare Diritto.it
senza iscriverti alle newsletter!