Il part-time nelle pubbliche amministrazioni e secondo lavoro pubblico

Il part-time nelle pubbliche amministrazioni e secondo lavoro pubblico

di Antezza Valeria

Versione PDF del documento

Analizziamo oggi la situazione del dipendente pubblico che presta il proprio servizio con orario di lavoro inferiore o uguale al 50% dell’orario ordinario e che intende svolgere un secondo lavoro part-time con un’altra pubblica amministrazione.

Come è noto la disciplina delle incompatibilità, art. 53 del D.Lgs. n. 165/2001, nel caso di dipendente part-time con orario inferiore o uguale al 50%, subisce delle deroghe (.

Difatti un dipendente pubblico con part-time con orario inferiore o pari al 50% può svolgere un’altra attività di lavoro subordinato con un datore di lavoro privato senza alcun vincolo: ossia potrebbe in teoria svolgere ad esempio 30 ore presso un datore di lavoro privato e 18 ore presso una PA (tenuto conto del limite settimanale di 48 ore stabilito nel D.Lgs. 66/2003).

Tuttavia dobbiamo rilevare quella che sembra un’anomalia vera e propria tra il settore pubblico e quello privato: il dipendente pubblico part-time non può stipulare un contratto di lavoro subordinato con un’altra pubblica amministrazione (seppure fosse un contratto part-time al 50%).

Quindi addirittura il dipendente pubblico, in questa situazione, si troverebbe in posizione di svantaggio rispetto al dipendente privato.

Per citare un esempio il part-time per il comparto Funzioni centrali, è regolamentato contrattualmente dal CCNL 2016-2018 all’art. 57. In particolare l’art. 57 comma 6 statuisce che “I dipendenti con rapporto di lavoro a tempo parziale possono svolgere un’altra attività lavorativa e professionale, subordinata o autonoma, nel rispetto delle vigenti norme in materia di incompatibilità e di conflitto di interessi. I suddetti dipendenti sono tenuti a comunicare, entro quindici giorni, all’amministrazione nella quale prestano servizio l’eventuale successivo inizio o la variazione dell’attività lavorativa esterna.

Nel suddetto art. 57 non viene esplicitata la natura dell’”altra attività lavorativa e professionale”.

Orbene il limite descritto sopra è contenuto nella legge 23 dicembre 1996, n. 662, “Misure di razionalizzazione della finanza pubblica“, che all’art. 58 recita “La trasformazione del rapporto di lavoro da tempo pieno a tempo parziale avviene automaticamente entro sessanta giorni dalla domanda, nella quale è indicata l’eventuale attività di lavoro subordinato o autonomo che il dipendente intende svolgere. L’amministrazione, entro il predetto termine, nega la trasformazione del rapporto nel caso in cui l’attività lavorativa di lavoro autonomo o subordinato comporti un conflitto di interessi con la specifica attività di servizio svolta dal dipendente ovvero, nel caso in cui la trasformazione comporti, in relazione alle mansioni e alla posizione organizzativa ricoperta dal dipendente, grave pregiudizio alla funzionalità dell’amministrazione stessa, può con provvedimento motivato differire la trasformazione del rapporto di lavoro a tempo parziale per un periodo non superiore a sei mesi. La trasformazione non può essere comunque concessa qualora l’attività lavorativa di lavoro subordinato debba intercorrere con un’amministrazione pubblica. Il dipendente è tenuto, inoltre, a comunicare, entro quindici giorni, all’amministrazione nella quale presta servizio, l’eventuale successivo inizio o la variazione dell’attività lavorativa

Considerata la privatizzazione avviata nel settore pubblico a partire dal 1993 e considerato che dal 1996 il mondo del lavoro (così come le attività delle Pubbliche Amministrazioni) è completamente cambiato si dovrebbero rendere compatibili due impieghi part-time (con percentuale inferiore o uguale al 50%) con due pubbliche amministrazioni o con la stessa.

Non verrebbe ridotto il numero dei posti, ma si renderebbe più flessibile il lavoro e ci sarebbe un arricchimento per l’amministrazione vista la doppia professionalità.

Infatti è già compatibile un impiego part-time presso una pubblica amministrazione con un impiego subordinato presso un datore di lavoro privato. L’istituto del part-time, poiché di recente introduzione nel pubblico impiego, presenta molti aspetti dubbi e non viene adeguatamente tenuto in considerazione.

D’altronde per gli Enti Locali ed anche per il Comparto Sanità sono già compatibili 2 impieghi part-time con orario al 50%. Quindi si tratterebbe di estendere questa regola anche agli altri comparti del pubblico impiego.

E qui emerge una seconda anomalia.

Riassumendo si hanno due situazioni diverse per i dipendenti pubblici riguardo alla possibilità di un secondo impiego con un’altra amministrazione pubblica:

  • per i dipendenti delle amministrazioni pubbliche diverse dagli enti locali è ancora attivo il divieto generale stabilito dall’art.1, comma 58 della L.n.662/96;
  • per i soli dipendenti degli enti locali tale divieto è stato superato dall’art.92, comma 1 del D.Lgs.n.267/2000 e dal citato art.1, comma 557 della L.n.311/2004.
    Pertanto, un ente locale può procedere alla assunzione a tempo parziale del dipendente di un altro ente locale purché siano rispettate le previsioni dell’art.92, comma 1 del D.Lgs.n.267/2000 o dell’art.1, comma 557 della L.n.311/2004.

Inoltre a dare una risposta definitiva e “super partes” al quesito sull’avere due part-time in contemporanea è stata la Corte di cassazione, che in una sentenza del maggio 2017 (n. 13196/2017) ha chiarito che nessun datore di lavoro può impedire a un dipendente assunto a tempo parziale di svolgere un secondo lavoro part-time.

Citando la sentenza: “sarebbe nulla una previsione regolamentare che riconoscesse al datore di lavoro un potere incondizionato di incidere unilateralmente sul diritto del lavoratore in regime di part-time di svolgere un’altra attività lavorativa”.

Di conseguenza l’unica interpretazione che rende legittima la previsione regolamentare è quella che esige, anche per l’esercizio di un’attività lavorativa al di fuori dell’orario di lavoro, al pari delle altre occupazioni o attività, una verifica di incompatibilità in concreto tra l’esercizio della diversa attività e l’osservanza dei doveri d’ufficio o la conciliabilità con il decoro dell’ente.

Inoltre, asserisce la cassazione, ammettere che il datore di lavoro abbia una facoltà incondizionata di negare l’autorizzazione o di sanzionare in sede disciplinare il fatto in sé dell’esercizio di un’altra attività lavorativa al di fuori dell’orario di lavoro sarebbe in contrasto con il principio del controllo giudiziale di tutti i poteri che il contratto di lavoro attribuisce al datore di lavoro, e proprio con riferimento ad aspetti incidenti sul diritto al lavoro.

L’incompatibilità, dunque, deve essere verificata caso per caso dalle Pubbliche Amministrazioni, restando tale valutazione suscettibile di controllo, anche giudiziale, secondo i parametri di cui agli artt. 2106 e 2119 c.c.

Dall’analisi fin qui fatta è chiaro che serve una pronuncia definitiva sulla questione così da uniformare il trattamento giuridico dei dipendenti pubblici ed allinearsi alla pronuncia della Corte di cassazione.

Volume consigliato

Come farsi pagare dalla Pubblica Amministrazione

Come farsi pagare dalla Pubblica Amministrazione

Bruno Cirillo, 2019, Maggioli Editore

Aggiornato all’introduzione della fatturazione elettronica, nonché al consolidamento della cosiddetta trasparenza amministrativa, il presente volume vuole essere uno strumento utile al Professionista che intenda avviare una procedura di recupero crediti nei confronti del soggetto...



Diventa autore di Diritto.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it  |  www.maggioliadv.it

Gruppo Maggioli
www.maggioli.it

Ricevi tutte le novità di Diritto della settimana 
in una pratica email  direttamente nella tua casella di posta elettronica!

Non abbandonare Diritto.it
senza iscriverti alla newsletter!