Corte dei Conti: potenziata la collaborazione con la Guardia di Finanza

di Redazione

Biancamaria Consales

È stato firmato un nuovo Protocollo d’intesa tra la Corte dei Conti e la Guardia di Finanza, con il quale vengono definite le modalità di coordinamento tra le sezioni di controllo della prima ed i reparti del corpo della seconda.

Il Protocollo, che sostituisce integralmente quello sottoscritto il 12 gennaio 2010, ha la durata di due anni a decorrere dalla data di sottoscrizione, con tacito rinnovo, salvo diversa richiesta scritta di una delle parti almeno 60 giorni prima della scadenza.

Il Protocollo, sottoscritto presso la sala Einaudi della Corte dei Conti, dal Presidente, dott. Luigi Giampaolino, e dal Comandante Generale della Guardia di Finanza, Generale di Corpo d’Armata Saverio Capolupo, ha la finalità di adeguare i rapporti di collaborazione tra la Magistratura contabile ed i Reparti operativi del Corpo, anche in

considerazione delle nuove funzioni attribuite alla Corte dal legislatore.

La Corte dei conti e la Guardia di Finanza, dunque, nel rispetto dell’ordinamento giuridico vigente, svilupperanno una regolare e strutturata collaborazione operativa al fine di elevare l’efficacia complessiva delle indagini e delle attività disposte, nell’esercizio delle proprie attribuzioni, dalle Sezioni di controllo della Corte dei conti.

In particolare, l’adozione di tale strumento contribuirà a potenziare la lotta agli sprechi ed alle inefficienze nella Pubblica Amministrazione ed a rendere più incisivi i processi di spending review in atto.

Il Protocollo, dunque, rafforza e rende più efficaci le relazioni operative già instaurate, tra le Sezioni Regionali di Controllo ed i locali Comandi della Guardia di Finanza, nonché, a livello nazionale, tra le Sezioni Centrali ed il Comando Tutela Finanza Pubblica.

Diventa autore di Diritto.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it  |  www.maggioliadv.it

Gruppo Maggioli
www.maggioli.it

Ricevi tutte le novità di Diritto.it attraverso le nostre newsletter. 

Non abbandonare Diritto.it
senza iscriverti alle newsletter!