Corte dei conti – det. N. 26/2008 – sezione del controllo enti – Ente Nazionale delle Sementi Elette (Ense) – relazione sul controllo di gestione ex legge 21 marzo 1958 n. 259.

Corte dei conti – det. N. 26/2008 – sezione del controllo enti – Ente Nazionale delle Sementi Elette (Ense) – relazione sul controllo di gestione ex legge 21 marzo 1958 n. 259.

Versione PDF del documento

 Con la determinazione n. 26/2008, la Sezione del Controllo Enti della Corte dei Conti, dispone, a norma dell’art. 7 della legge 21 marzo 1958, n. 259, la comunicazione alle Presidenze delle due Camere del Parlamento della relazione conclusiva del controllo eseguito sulla gestione finanziaria – esercizio 2006 – dell’Ente Nazionale delle Sementi Elette (ENSE) quale ente assoggettato a tale tipo di controllo ai sensi dell’art. 12 della predetta legge.
L’attività concretamente svolta dall’ENSE, che garantisce allo stesso piena autonomia finanziaria, si è dispiegata nella direzione della diffusione delle sementi elette, della formazione ed aggiornamento professionale, della ricerca e sperimentazione e del controllo della produzione di materiale di riproduzione delle piante; rilevano i giudici che quest’ultimo aspetto, culminante nella “cartellinatura”, riveste particolare rilievo gestionale, anche in termini di entrata e di spesa.
            Preliminarmente il Collegio precisa che nella precedente relazione, relativa all’esercizio 2005, era stato dato atto che l’Ente in relazione alle nuove modifiche al suo ordinamento, recate dall’art. 14 della legge 6 luglio 2002, n. 137, aveva deliberato, in data 21 gennaio 2004, un nuovo statuto e nuovi regolamenti unitamente alla nuova dotazione organica del personale. A seguito delle osservazioni formulate dal Ministero vigilante, l’Ente aveva rielaborato i suddetti documenti approvandoli con apposite delibere in data 19 gennaio 2005. Anche su detta stesura, il Ministero delle politiche agricole e forestali e quello dell’economia e delle finanze formulavano nuovi rilievi. La prolungata gestazione dei suddetti atti normativi ha poi trovato la sua conclusione con l’emanazione di tre decreti interministeriali, tutti datati 4 ottobre 2006, che hanno definitivamente approvato lo Statuto e i due Regolamenti deliberati dal Consiglio di amministrazione dell’Ente sotto la data del 2 marzo 2006.
            Dal controllo emerge che la gestione dell’esercizio 2006 si chiude con un avanzo di amministrazione superiore del 5,21% a quello dell’esercizio precedente.
Per quanto infine concerne il vincolo posto dal comma 57 dell’art. 1 della legge 30 dicembre 2004, n. 311 (legge finanziaria 2005), secondo il quale gli enti possono incrementare per l’anno 2006 le proprie spese, al netto delle spese di personale, in misura non superiore all’ammontare delle spese dell’anno precedente incrementato del 2 per cento, viene evidenziato che l’ENSE, a decorrere dal 1° gennaio 2006, è stato escluso dalla tabella ISTAT, pubblicata sulla Gazzetta ufficiale del 29 luglio 2005, che espone l’elenco degli enti inseriti nel conto economico consolidato della Pubblica Amministrazione; tale circostanza dunque esonera l’ente medesimo, a decorrere dall’esercizio 2006, dal rispetto del vincolo di cui al comma 57 dell’art. 1 della legge n. 311/2004.

Qui determinazione e relazione.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it  |  www.maggioliadv.it

Gruppo Maggioli
www.maggioli.it