Consulta: le norme sulla quarantena obbligatoria dei positivi al Covid non violano la libertà personale

di Biarella Laura, Avvocato, Giornalista Pubblicista, Docente
PDF

La quarantena obbligatoria e le relative sanzioni penali, così come regolate dal d.l. n. 33/2020, incidono sulla sola libertà di circolazione. Pertanto, non comportano alcuna coercizione fisica, sono disposte per motivi di sanità e si rivolgono a un’indistinta pluralità di persone, accomunate dall’essere positive al virus trasmissibile ad altri per via aerea. Lo ha stabilito la Corte Costituzionale (Comunicato dell’8 aprile 2022. La sentenza è in attesa di deposito).

La disciplina incriminata

La Corte costituzionale ha esaminato, in camera di consiglio, le questioni di legittimità costituzionale sollevate dal Tribunale rimettente su talune disposizioni del decreto legge n. 33 del 2020, recante “Ulteriori misure urgenti per fronteggiare l’emergenza epidemiologica da COVID-19”, entrato in vigore il 16 maggio 2020, e convertito con modificazioni dalla legge n. 74 del 2020.

La previsione delle sanzioni penali

La censura del giudice a quo ha riguardato le norme che hanno introdotto sanzioni penali nei confronti di chi, risultato positivo al Covid e sottoposto alla quarantena obbligatoria, avesse lasciato la propria dimora o abitazione. In dettaglio, il comma VI dell’articolo 1, aveva fatto divieto di mobilità dalla propria abitazione, o dimora, alle persone   sottoposte   alla   misura   della quarantena, per provvedimento dell’autorità sanitaria, in quanto  risultate  positive al virus  Covid-19,  fino  all’accertamento  della  guarigione  o  al ricovero in una struttura sanitaria, ovvero altra struttura allo scopo destinata. L’articolo 2, rubricato “Sanzioni e controlli”, al III comma, aveva inoltre stabilito che, “Salvo che il fatto costituisca violazione dell’articolo 452 del codice penale o comunque più grave reato, la violazione della misura di cui all’articolo 1, comma 6, è punita ai sensi dell’articolo 260 del regio decreto 27 luglio 1934, n. 1265”.

La tesi sostenuta dal Tribunale remittente

Secondo il giudice a quo la quarantena obbligatoria incide non sulla libertà di circolazione dei cittadini (articolo 16 della Costituzione) bensì sulla libertà personale (articolo 13 della Costituzione) e che, pertanto, i relativi provvedimenti debbano essere adottati dall’autorità giudiziaria o, nell’impossibilità, averne la convalida.

In attesa del deposito della sentenza

L’Ufficio comunicazione e stampa, per l’intanto, ha fatto sapere, con un comunicato dell’8 aprile, che la Corte costituzionale ha dichiarato non fondate le questioni. La quarantena obbligatoria e le relative sanzioni penali, così come regolate dalle disposizioni impugnate, incidono sulla sola libertà di circolazione. Non comportano alcuna coercizione fisica, sono disposte in via generale per motivi di sanità e si rivolgono a una indistinta pluralità di persone, accomunate dall’essere positive al virus trasmissibile ad altri per via aerea.

Diventa autore di Diritto.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA

laura-biarella

Biarella Laura

Laureata cum laude presso la facoltà di Giurisprudenza dell’Università degli Studi di Perugia, è Avvocato e Giornalista. È autrice di numerose monografie giuridiche e di un contemporary romance, e collabora, anche come editorialista, con redazioni e su banche dati giuridiche (tra le altre Altalex, Quotidiano Giuridico, NTPLus, 24OreAvvocato, AlVolante, InSella, Diritti e Risposte, Orizzonte Scuola, Fisco e Tasse, poliziamunicipale.it). Ha svolto le funzioni di membro aggiunto presso la Corte d’Appello di Perugia, ai sensi della L. n. 69/1963. Già “cultore della materia” presso Università degli Studi E Campus nelle cattedre di “diritto privato” e “diritto della conciliazione, della mediazione e dell’arbitrato”, è moderatrice e relatrice di convegni, docente presso corsi di formazione e corsi di preparazione all’esame di abilitazione di avvocato. E' stata professore a contratto di “Arbitrato” presso l’Università degli Studi E Campus, Master in ADR, sedi di Roma e Novedrate. E' stata membro del Comitato Scientifico del corso di preparazione dell’esame di avvocato Altalex. Ha svolto docenze di diritto e procedura civile presso la Scuola Forense dell'Ordine degli Avvocati di Perugia, ed ivi ha ricoperto il ruolo di Segretario del Comitato Scientifico. Svolge la funzione di Tutore legale presso il Tribunale dei Minorenni dell’Umbria. E' membro del Comitato di Redazione del mensile 24Ore Avvocato.


Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it  |  www.maggioliadv.it

Gruppo Maggioli
www.maggioli.it

  • Rimani aggiornato sulle novità del mondo del diritto
  • Leggi i commenti alle ultime sentenze in materia civile, penale, amministrativo
  • Acquista con lo sconto le novità editoriali – ebook, libri e corsi di formazione

Rimani sempre aggiornato iscrivendoti alle nostre newsletter!

Iscriviti alla newsletter di Diritto.it e