Campania: contributi per le Pmi localizzate nei parchi

Campania: contributi per le Pmi localizzate nei parchi

Finanziamenti Campania

Versione PDF del documento

A cura di Finanziamenti Campania ? www.finanziamenticampania.it

?

Opportunit? per le piccole e medie imprese localizzate all?interno dei parchi naturali regionali e nazionali: la Regione Campania ha infatti stanziato ben 28 milioni di euro a sostegno della misura Por 1.10. Stabiliti due possibili di termini: 30 settembre 2005 e 31 gennaio 2006.


Soggetti beneficiari

Rientrano tra i destinatari dell?intervento le piccole e medie imprese localizzate all?interno dei parchi naturali regionali e nazionali presenti in Campania. Gli aiuti saranno erogati alle imprese per la creazione di nuove attivit? e per la riqualificazione o l?ampliamento di iniziative esistenti.

Settori interessati

I settori interessati sono diversi. La normativa prevede ben due macrocategorie: nella prima rientrano artigianato tradizionale, piccolo commercio e servizi turistici strettamente legati alla valorizzazione dei beni naturalistici e piccola ristorazione; nella seconda le iniziative di piccola ricettivit? turistica. ?La distinzione diviene sostanziale in termini di possibilit? di agevolazione: previsti infatti 750 mila euro per la piccola ricettivit? turistica fino a sessanta posti letto e a 300 mila per tutte le altre attivit?, ad eccezione di quelle localizzate nelle aree non Pit, soggette alla regola del de minimis, che prevede un limite massimo di contributi pubblici ricevibili pari a 100 mila euro in tre anni.

?

Spese ammissibili

Per quanto concerne le spese oggetto di contributo ? possibile individuare: acquisto di terreni (in parte) e fabbricati,opere murarie, impianti, macchinari e attrezzature nuove di fabbrica, immobilizzazioni immateriali (acquisizione di brevetti, licenze di sfruttamento o di conoscenze tecniche siano esse brevettate o meno), progettazioni e studi, servizi reali.
L?acquisto di un bene immobile pu? essere finanziato, a patto che sia direttamente connesso con le finalit? dell?investimento e venga utilizzato per le finalit? del progetto, che il prezzo non sia superiore al valore di mercato, che l?immobile si a conforme alle norme vigenti e non abbia beneficiato nei dieci anni precedenti di un finanziamento nazionale o comunitario (in caso contrario si beneficerebbe di un doppio aiuto). Sono invece escluse dal computo delle spese finanziabili quelle per l?acquisto di mezzi di trasporto soggetti a iscrizione nei pubblici registri, e i costi per l?acquisto di impianti, macchine e attrezzature usate.

Le modalit? di attuazione dei bandi

I bandi attuativi prevedono due diverse procedure di concessione delle agevolazioni: a graduatoria e a sportello.? La prima prevede la valutazione comparata delle iniziative ammissibili, nell?ambito di specifiche graduatorie stilate in base a una serie di criteri di merito che saranno specificati dai bandi attuativi.? La procedura a sportello prevede invece l?erogazione automatica delle agevolazioni in base all?ordine cronologico della presentazione delle domande, fino ad esaurimento delle risorse disponibili.

Termini previsti

La richiesta di contributi deve essere inviate in due scadenze: 30 settembre e 31 gennaio 2006 (nel caso in cui i fondi non siano esauriti gi? dopo la prima scadenza).

?

Le istanze

Le domande vanno inviate all?indirizzo: Regione Campania – Assessorato Politiche Territoriali ed Ambiente via A. De Gasperi, n. 28 – 80133 Napoli. Le richieste possono essere presentante a mano oppure con raccomandata con avviso di ricevimento. Non far? fede il timbro postale ma la data di accettazione della domanda.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it  |  www.maggioliadv.it

Gruppo Maggioli
www.maggioli.it