Appalti - Perdita di chance - Parametri per la quantificazione del danno ingiusto

Appalti – Perdita di chance – Parametri per la quantificazione del danno ingiusto

SM Redazione

Versione PDF del documento

Quando il ricorrente allega solo la perdita di una chance a sostegno della pretesa risarcitoria, la somma commisurata all’utile d’impresa deve essere proporzionalmente ridotta in ragione delle concrete possibilità di vittoria.

La perdita della chance può essere quantificata in un decimo dell’utile di impresa, presumendo le stesse possibilità di aggiudicarsi la gara per ogni concorrente. Vale a dire in una percentuale pari allo 0,40% dell’importo affidato.

Con riferimento al profilo del danno curriculare, esso deve ritenersi non sussistente  in quanto la decisione del Consiglio di Stato ha annullato la prima aggiudicazione ma non ha decretato il diritto della ricorrente ad ottenere l’aggiudicazione.

 

L’articolo continua qui

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it  |  www.maggioliadv.it

Gruppo Maggioli
www.maggioli.it