Made in Italy: opportunità di agevolazioni per enti ed associazioni.

Made in Italy: opportunità di agevolazioni per enti ed associazioni.

Studio Lasala

Versione PDF del documento

Termine ultimo fissato al 30 settembre per il finanziamento delle spese promozionali all’estero da sostenere nel corso del 2006, da parte di istituti, enti e associazioni ai sensi della legge 1083/54, a favore del Made in Italy. Una opportunit? importante dunque per sostenere all?estero la competitivit? italiana. Vediamo gli aspetti pi? interessanti

Finalit?

Obiettivo dei finanziamenti ? quello di incentivare lo svolgimento di specifiche attivit? promozionali a livello nazionale e la realizzazione di progetti a favore principalmente delle piccole e medie imprese, in particolare rafforzando l’immagine del "made in Italy" e sostenendo le produzioni tipiche.

?

Beneficiari
Soggetti destinatari dei finanziamenti sono istituti, enti, associazioni e Camere di commercio italo-estere che intendano svolgere nel corso del 2006 attivit? promozionali di rilevanza nazionale in favore di imprese e che operano senza scopo di lucro. Tra le spese ammissibili rientrano quelle relative a:

a)????? organizzazione e partecipazione a fiere estere;

b)????? partecipazione a fiere internazionali in Italia

c)????? spese di trasferta (viaggio, vitto e alloggio) di massimo due funzionari dell’associazione o ente per assistenza alle imprese durante l’evento promozionale;

d)???? realizzazione, stampa e distribuzione di cataloghi, repertori, depliant, newsletter, brochure, materiale informativo, ecc., redatti in lingua estera sia su supporto cartaceo che informatico
e) campagne pubblicitarie su media esteri (riviste, radio e televisione)
f) workshop, show-room, degustazioni, sfilate, conferenze, seminari, incontri con operatori e giornalisti esteri

e)????? spese di ospitalit? (viaggio, vitto e alloggio) di giornalisti e operatori esteri in Italia, di corsi di formazione professionale, conferenze e workshop;

f)?????? apertura sito internet in lingua estera.

?Domanda di ammissione al finanziamento

Le domande di finanziamento, da presentare in bollo, devono essere redatte secondo lo schema previsto e sottoscritte dal legale rappresentante del soggetto beneficiario, che attesta di essere a conoscenza delle conseguenze penali previste per le dichiarazioni mendaci. Alla domanda deve essere allegata la seguente documentazione, se non in possesso del Ministero: statuto, atto costitutivo, composizione degli organi, bilancio relativo all’esercizio precedente, elenco degli associati con indicazione della ragione sociale, dell’indirizzo della sede, dei recapiti e del settore merceologico, attestazione riguardante eventuali agevolazioni pubbliche ricevute, mandato ricevuto dalla associazione, ente o istituto (in caso di presentazione della domanda da parte della societ? di servizi), relazione sulle attivit? svolte negli ultimi anni? e programma promozionale 2006

La domanda di accesso alle agevolazioni deve essere inoltrata, secondo il modello allegato al decreto, completa della modulistica richiesta e fornita sempre in allegato al decreto, al seguente indirizzo: Ministero delle attivit? produttive, Direzione generale per la promozione degli scambi, Div. III, v.le Boston, 25, 00144 Roma. In particolare, gli allegati B e C, contenenti la descrizione del programma promozionale, devono essere trasmessi anche in formato elettronico su floppy disk o CD.

I termini previsti

La spedizione della domanda deve essere fatta via raccomandata o per corriere entro il 30 settembre 2005. Le domande spedite successivamente a tale data non saranno prese in esame. Per l’inoltro via posta fa fede la data del timbro postale, mentre per l’inoltro via corriere fa fede la data di consegna allo stesso o, in mancanza, la data di ricezione apposta sulla busta

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it  |  www.maggioliadv.it

Gruppo Maggioli
www.maggioli.it