I limiti alla capacità di donare

di Alice Cometto, Avv.
PDF

 Corte Cost., sentenza 7 marzo 2019 (dep. 19 maggio 2019), n. 114

  1. Ratio e contenuti dell’amministrazione di sostegno

Ai sensi dell’art. 774 c.c. non possono donare coloro che non hanno la capacità di disporre pienamente dei propri beni, quindi i minori, gli interdetti e gli inabilitati (salva la donazione fatta dal minore o dall’inabilitato nell’ambito del proprio contratto di matrimonio).

Come emerge dal dato letterale, non vi è alcun riferimento all’amministrazione di sostegno, ossia l’istituto introdotto con la Legge n. 6/2004[1] per cui il giudice nomina con decreto un amministratore di sostegno che assiste l’amministrato con esclusivo riferimento alle materie indicate dal decreto.

Il nuovo istituto dell’amministrazione di sostegno rappresenta la volontà del legislatore di superare l’assetto meramente sostitutivo proprio dell’interdizione e dell’inabilitazione, muovendosi secondo una logica collaborativa, per cui l’amministratore si limita ad assistere il beneficiario con riferimento a quelle specifiche attività che lo stesso non potrebbe svolgere autonomamente -e che sono indicate dal giudice tutelare nel decreto di nomina-, lasciandogli, per contro, una piena libertà di azione con riferimento a tutte le restanti attività[2].

Come già evidenziato dalla stessa giurisprudenza costituzionale, il provvedimento di nomina dell’amministratore di sostegno “diversamente dal provvedimento di interdizione e di inabilitazione, non determina uno status di incapacità della persona[3]. Da ciò discende che dal detto provvedimento di nomina non possono automaticamente derivare i divieti che il Codice collega allo status di interdetto o di inabilitato, altrimenti sarebbe vanificata la ratio di superamento del sistema della sostituzione a favore di una nuova forma di collaborazione. Partendo da tale presupposto, la Corte di legittimità[4] ha recentemente concluso, ad esempio, che al beneficiario dell’amministrazione di sostegno non si estende il divieto di contrarre matrimonio, salvo il caso in cui detto divieto sia stato espressamente previsto dal giudice con il provvedimento con il quale ha disposto l’amministrazione di sostegno (qualora ciò sia conforme all’interesse dell’amministrato)[5].

Al di fuori dai casi previsti dall’art. 411 co 4 c.c. (“il giudice tutelare, nel provvedimento con il quale nomina l’amministratore di sostegno, o successivamente, può disporre che determinati effetti, limitazioni o decadenze, previsti da disposizioni di legge per l’interdetto o l’inabilitato, si estendano al beneficiario dell’amministrazione di sostegno, avuto riguardo all’interesse del medesimo ed a quello tutelato dalle predette disposizioni”), nessuna previsione normativa costituisce un appiglio per sostenere l’applicazione anche per l’amministrato di divieti e limitazioni previsti dal Codice per altri fini.

Il caso

Nel caso in esame, una donna che, a seguito di un’emorragia cerebrale era stata valutata incapace di compiere tutti gli atti utili alla gestione della propria sfera giuridico-patrimoniale, si era vista nominare, come amministratrice di sostegno, la sorella, alla quale era stato affidato il compito di compiere, in nome e per conto della beneficiaria tutti gli atti di ordinaria e straordinaria amministrazione. L’amministratrice di sostegno chiedeva al Giudice tutelare di poter concludere, facendosi interprete della volontà della sorella, in nome e per conto della beneficiaria, una donazione di modico valore in denaro, a favore della figlia della beneficiaria, in occasione delle nozze della stessa.

Il Giudice tutelare del Tribunale di Vercelli, con ordinanza del 19 febbraio 2018 affermava che: “Ritenere che i beneficiari di amministrazione di sostegno non possano porre in essere valide donazioni, neppure con le forme abilitative previste dal panorama normativo, confligge con gli artt. 2 e 3, primo e secondo comma della Costituzione[6].

Con la questione di legittimità dell’art. 774 c.c., per violazione degli artt. 2 e 3 Cost., sollevata in tale occasione dal Giudice tutelare del Tribunale di Vercelli, si è, implicitamente, considerato che il divieto di cui all’art. 774 c.c. fosse da estendere anche ai beneficiari dell’amministrazione di sostegno. Secondo tale concezione, ad avviso del giudice remittente, privare i soggetti sottoposti all’amministrazione di sostegno della capacità di donare sarebbe irragionevole e mortificante.

La decisione della Consulta

La Corte costituzionale[7] ha respinto il ricorso del giudice rimettente pur riprendendone, con la propria decisione, il fondamento. La questione proposta è stata, infatti, ritenuta infondata dal momento che dall’art. 774 c.c. non deriverebbe un divieto di donare per i beneficiari dell’amministrazione di sostegno. Ciò si coglie, in particolare, nella delineata distinzione tra il fondamento degli istituti di inabilitazione e interdizione e quello dell’amministrazione di sostegno, pensato nell’ottica di una collaborazione e non di una mera sostituzione.

Sulla base di tali argomentazioni, la Consulta ha concluso che: “Deve escludersi che la persona beneficiaria di amministrazione di sostegno possa essere privata della capacità di donare fuori dai casi espressamente stabiliti dal giudice tutelare ai sensi dell’art. 411, quarto comma, primo periodo, cod. civ, restando tale capacità integra in mancanza di diversa espressa indicazione”.

Giova evidenziare che un medesimo indirizzo era già stato elaborato dalla Corte di Cassazione, a seguito della citata ordinanza di rimessione; i Giudici di Piazza Cavour avevano riconosciuto che: “in presenza di situazioni di eccezionale gravità, tali da indurre a ritenere che il processo di formazione e manifestazione della volontà possa andare incontro a turbamenti per l’incidenza di fattori endogeni o di agenti esterni[8] il giudice tutelare potrebbe escludere d’ufficio la capacità di donare[9]. Da ciò si evince, a contrario, che in tutti gli altri casi la detta capacità è pacificamente riconosciuta in capo al beneficiario dell’amministrazione di sostegno.

Volume consigliato

La donazione al minore e l'usufrutto legale

La donazione al minore e l'usufrutto legale

L’opera affronta gli strumenti di protezione del patrimonio immobiliare della famiglia, con particolare riferimento alle ipotesi donative che coinvolgono soggetti minori di età.
Il manuale vuole essere un aiuto al professionista per affrontare le diverse ipotesi applicative e risolvere il conflitto di interessi che viene a crearsi tra genitore e figlio non ancora maggiorenne, nell’ambito dei trasferimenti immobiliari. L’Autrice offre inoltre risposte ad una serie di interrogativi legati all’usufrutto legale, istituto che si è evoluto alla luce della riforma familiare e che ancora oggi ha una propria rilevanza all’interno dell’ordinamento, ad esempio in ambito societario. L’opera analizza dunque gli aspetti e le ricadute pratiche delle operazioni donative, ripercorren- do gli orientamenti giurisprudenziali in materia.

Valeria Cianciolo Avvocato del Foro di Bologna e membro dell’Osservatorio Nazionale sul Diritto di Famiglia. Ha collaborato dal dicembre 2014 al settembre 2017 alla Rivista digitale “Questioni di Diritto di Famiglia” – Ed. Maggioli. Co-autrice e co-curatrice della monografia “Unione civile e convivenze guida commentata alla legge n. 76/2016”. Ed. Maggioli, 2016. Autrice per la casa Ed. Maggioli delle seguenti opere: “Unione civile e convivenze”, 2016; “Il Trust nel Dopo di Noi”, 2017, e-book; “La successione del coniuge superstite”, 2017, e- book. Co-autrice dell’opera “Divorzio breve, unione civile e convivenze”, Appendice al Trattato di Diritto di Famiglia, a cura di Michele A. Lupoi, Ed. Maggioli, 2017. Co-autrice del “Trattato operativo della crisi familiare”, a cura di Michele A. Lupoi, Ed. Maggioli, 2018. 

Soluzioni di Diritto è una collana che offre soluzioni operative per la pratica professionale o letture chiare di problematiche di attualità. Uno strumento di lavoro e di approfondimento spendibile quotidianamente. L’esposizione è lontana dalla banale ricostruzione manualistica degli istituti ovvero dalla sterile enunciazione di massime giurisprudenziali. Si giunge a dare esaustive soluzioni ai quesiti che gli operatori del diritto incontrano nella pratica attraverso l’analisi delle norme, itinerari dottrinali e giurisprudenziali e consigli operativi sul piano processuale.

Direzione scientifica della collana di Nicola Graziano Magistrato dal 1999. Dal 2011 svolge le funzioni di giudice delegato ai fallimenti presso la sezione fallimentare del Tribunale di Napoli. Dal 2013 ricopre anche il ruolo di Giudice presso la Commissione Tributaria Provinciale di Napoli. È autore di nu- merose pubblicazioni nei diversi settori del Diritto. Collabora con diverse riviste giuridiche a diffusione nazionale.

Leggi descrizione
Valeria Cianciolo, 2018, Maggioli Editore
18.00 € 14.40 €

Note

[1] Legge 9 gennaio 2004, n. 6– Introduzione nel libro primo, titolo XII, del codice civile del capo I, relativo all’istituzione dell’amministrazione di sostegno e modifica degli articoli 388, 414, 417, 418, 424, 426, 427 e 429 del codice civile in materia di interdizione e di inabilitazione, nonchè relative norme di attuazione, di coordinamento e finali. Al sito: https://www.camera.it/parlam/leggi/04006l.htm

[2] L. Balestra, Commentario del Codice civile, Utet, Torino, 2009, pp. 339-340.

[3] Corte Cost., sentenza 9 dicembre 2005, n. 440, al sito: http://www.giurcost.org/decisioni/2005/0440s-05.html

[4] Corte Cass. pen. Sez. I, sentenza 11 maggio 2017, n. 11536, al sito: https://www.miolegale.it/sentenze/cassazione-civile-i-11536-2017/

[5] Circa l’incoercibilità dell’obbligo di contrarre matrimonio per il beneficiario dell’amministrazione di sostegno, L. Tramontano, Itinerario di giurisprudenza. Focus ragionati di civile e penale, Wolters Kluwer, Milano. 2018.

[6] Tribunale di Vercelli, ordinanza del 19 febbraio 2018, al sito: http://www.studioaquilani.it/content/tribunale-di-vercelli-ordinanza-del-19-febbraio-2018

[7] Corte Cost., sentenza 7 marzo 2019 (dep. 19 maggio 2019), n. 114, al sito: https://www.cortecostituzionale.it/actionSchedaPronuncia.do?anno=2019&numero=114

[8] Corte Cass., civ., Sez. I, ordinanza 21 maggio 2018, n. 12460.

[9] F. Machina Grifeo, L’amministrazione di sostegno non impedisce di donare, 14 maggio 2019, in Guida al Diritto.

Diventa autore di Diritto.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA

alice-cometto

Alice Cometto

Laureata con il massimo dei voti presso l’Università degli studi di Torino, con una tesi di ricerca intitolata: “La mafia silente. La legislazione sui beni confiscati: una ricerca in Piemonte”. Ha svolto il praticantato presso un celebre studio legale di diritto civile-tributario e ha portato a termine lo stage, ex D.L. 69/2013, presso la Procura della Repubblica di Torino. Attiva come tutor e ricercatrice con riferimento ai principali ambiti giuridici, con una predilezione per la materia penale, ma con interesse per tutte le più recenti querelle dottrinali e giurisprudenziali, anche in materia di diritto civile e diritto amministrativo. Autrice di numerosi articoli di diritto su riviste online e di alcuni commenti a sentenze in: F. COPPOLA, E. SYLOS LABINI (a cura di), 2018: un anno di sentenze, Vol. penale, Giappichelli, Torino, 2019. Avvocato.


Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it  |  www.maggioliadv.it

Gruppo Maggioli
www.maggioli.it

  • Rimani aggiornato sulle novità del mondo del diritto
  • Leggi i commenti alle ultime sentenze in materia civile, penale, amministrativo
  • Acquista con lo sconto le novità editoriali – ebook, libri e corsi di formazione

Rimani sempre aggiornato iscrivendoti alle nostre newsletter!

Iscriviti alla newsletter di Diritto.it e