Testamento biologico: perché l’atto pubblico è un’arma a doppio taglio