Referendum, ha vinto il “No”: cosa succede al governo?