L’eccessivo elogio e l’autocelebrazione violano il Codice Deontologico Forense