Le parole offensive ‘postate’ sulla ‘pagina Facebook’ di una persona, magari un ex amico, o un’ex fidanzata, o un’ex moglie, sono valutabili come diffamazione aggravata (Corte di Cassazione, 8/6/2015, n. 24431) - Diritto.it

Le parole offensive ‘postate’ sulla ‘pagina Facebook’ di una persona, magari un ex amico, o un’ex fidanzata, o un’ex moglie, sono valutabili come diffamazione aggravata (Corte di Cassazione, 8/6/2015, n. 24431)

di Redazione

Per leggere l'intero testo e consultare tutto l'archivio delle sentenze è necessario essere iscritti ad una delle nostre newsletter.

Se non sei ancora iscritto, clicca qui


Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it  |  www.maggioliadv.it

Gruppo Maggioli
www.maggioli.it

Ricevi tutte le novità di Diritto.it attraverso le nostre newsletter. Se sei interessato a un ambito specifico effettua l’iscrizione direttamente a questo indirizzo.

Non abbandonare Diritto.it
senza iscriverti alle newsletter!