A quale età un figlio di genitori separati può decidere con chi stare

di Concas Alessandra, Referente Aree Diritto Civile, Commerciale e Fallimentare e Diritto di Famiglia
PDF

Quando una coppia di genitori decide di separarsi, una delle questioni più frequenti è rappresentata dalla scelta della cosiddetta “collocazione” del figlio, vale a dire con quale dei due genitori dovrà abitare.

Per approfondire leggi anche “La tutela giuridica del minore” di Cristina Cerrai, Stefania Ciocchetti, Patrizia La Vecchia, Ivana Enrica Pipponzi, Emanuela Vargiu.

La collocazione della prole presso l’uno o l’altro dei genitori non non incide sulle modalità di affidamento che, salvo situazioni particolari, viene di solito disposto in forma congiunta ad entrambi i genitori, ma non è neanche prevista dalla legge, che si rivolge in modo esclusivo alla necessità che il minore mantenga un “rapporto equilibrato e continuativo con ciascuno dei genitori, a norma dell’articolo 337 comma 1 del codice civile.

Il figlio, in caso di accordo tra i genitori, potrebbe non avere una collocazione prevalente, trascorrendo tempi analoghi con la mamma e il papà, i quali si dovranno organizzare per assicurare al minore uno spazio abitativo adeguato alle sue esigenze, oppure venire collocato in modo prevalente con il padre o con la madre.

Se non c’è accordo dovrà decidere il giudice. Anche in questo caso non esistono parametri codificati per la scelta della collocazione del figlio, se non quello della salvaguardia del suo esclusivo interesse morale e materiale, stando al dettato dell’articolo 337 comma 2 del codice civile. Sono importanti l’età del bambino, il tipo di attività lavorativa dei genitori, l’esistenza o no di un’abitazione che, al momento della separazione, costituiscano un fattore stabile per il minore.

Ti potrebbe interessare anche il seguente articolo: “Separazione dei coniugi, le decisioni del giudice sul collocamento dei figli

Ascolto del minore e capacità di discernimento

A norma dell’articolo 337 octies del codice civile, il giudice non potrà ignorare, specie se non ci sia accordo tra i genitori, la volontà espressa dal figlio e dovrà procedere al suo ascolto. La legge prevede che, al compimento del dodicesimo anno di età, il minore debba essere sempre ascoltato sulle questioni, diverse da quelle economiche, a lui relative. Ad esempio, la scelta della scuola da frequentare, le modalità per vedesi con il genitore con il quale non abita stabilmente.

L’ascolto potrà avvenire anche prima dei 12 anni, se il figlio sia ritenuto dal giudice capace di discernimento, vale a dire capace, secondo quella che è una categoria psico-giuridica, di elaborare idee e concetti in modo autonomo, di avere delle proprie opinioni e di comprendere gli eventi. Per valutare se questa capacità esista, il magistrato potrà decidere di disporre un primo colloquio del bambino con un esperto, cosiddetto colloquio tecnico-valutativo, una semplice scelta che potrebbe essere evitata.

La Suprema Corte di Cassazione con la sentenza n. 752/15, del 19/01/2015, ha chiarito che non si può mettere in discussione l’idoneità e l’attendibilità delle dichiarazioni di un minore esclusivamente in ragione della sua età.  Il giudice può valutare la capacità di discernimento del bambino con meno di 12 anni senza richiedere uno specifico e relativo accertamento tecnico.

La Corte afferma che l’età può rilevare quando si tratti di un minore in età prescolare, in caso di bambini scolarizzati non può essere presunta una loro incapacità di discernimento. La decisione del tribunale deve avere come unico obiettivo l’interesse morale e materiale del minore, e da questo consegue che legge non impone al giudice di assecondare sempre il desiderio manifestato dal bambino.

La giurisprudenza, da parte sua, attua una sorta di apertura. In passato, partendo dal presupposto che l’interesse del minore possa anche non coincidere con la volontà dallo stesso espressa in sede di ascolto, si riteneva che il momento dell’ascolto avesse una funzione essenzialmente cognitiva (Cass. sent. 6081/06; n. 17201/11 ; n. 13241/11). Si affermava che l’audizione del figlio dovesse fornire al magistrato maggiori elementi per decidere e niente di più. Il giudice, doveva considerare l’opinione del minore, ma non era vincolato alle preferenze espresse dal figlio,dovendo motivare il provvedimento che si discostasse da esse.

Con la sentenza n. 5237/14 del 5/02/2014, la Cassazione ha rivisto questo orientamento in relazione ai procedimenti nei quali si debba verificare presso quale dei genitori il minore debba abitare. Sono procedimenti nei quali l’opinione del minore viene acquisita con la finalità di dare al giudice gli elementi per decidere nel migliore modo possibile, ma soprattutto per conoscere quale sia il desiderio del bambino su dove e con chi debba andare a vivere.

In questi casi, secondo la Corte, la funzione esclusivamente cognitiva dell’ascolto va “rimeditata” dovendosi sempre tenere conto della volontà da lui espressa in sede di ascolto. Nei casi specifici nei quali si sta decidendo sulla collocazione o sulle modalità di affidamento del figlio, il giudice nella sua decisione, deve dare la precedenza alla preferenza da lui espressa in sede di ascolto.

Ad esempio, nel caso posto alla sua attenzione, la Corte ha accolto la domanda del padre di una minore che era stata collocata presso la madre contro la sua volontà. Questo non esclude che in base agli elementi acquisiti, il giudice possa lo stesso decidere di non assecondare la scelta del fanciullo. In questa ipotesi, come precisato dalla Cassazione  (Cass. sent. n . 16658 del 22.06.2014), il giudice ha un onere di motivazione direttamente proporzionale al grado di discernimento del minore ed è una diretta conseguenza dell’imprescindibilità dell’ascolto stesso.

Volume consigliato

La tutela giuridica del minore

La tutela giuridica del minore

Il volume si propone di offrire una panoramica della normativa nel particolare settore che riguarda il diritto minorile, con approfondimenti in ordine alle problematiche delle scelte dei genitori che si ripercuotono sulla vita dei figli. Nel manuale vengono affrontate le tematiche afferenti a quei diritti che affondano le radici nei principi della Convenzione Onu sui diritti dell’infanzia e dell’adolescenza. Tali diritti vengono messi in serio pericolo quando padri e madri affrontano la fine del loro rapporto e dovrebbero mantenere un costruttivo rapporto genitoriale; purtroppo, invece, la realtà ci mostra quanto sia difficile preservare le relazioni familiari. Tale difficoltà è stata recepita anche dall’Autorità garante per l’infanzia e l’adolescenza che nella neonata “Carta dei diritti dei figli nella separazione dei genitori” prevede in apertura il diritto dei figli di continuare ad amare ed essere amati da entrambi i genitori e di mantenere i loro affetti. Secondo tale documento, bambini e adolescenti hanno il diritto di essere informati e aiutati a comprendere la separazione (o fine del rapporto) dei genitori, il diritto di essere ascoltati e quello di ricevere spiegazioni sulle decisioni che li riguardano, per giungere poi all’individuazione dei diritti come quello all’ascolto e alla partecipazione, del diritto a preservare le relazioni familiari, a non essere separati dai genitori contro la propria volontà, a meno che la separazione non sia necessaria nell’interesse preminente del minorenne. Ciò premesso, è doveroso evidenziare che i principi che regolano il diritto minorile sono materia d’interpretazione da parte dei magistrati, ma la loro conoscenza è necessaria anche nella formazione degli avvocati e in coloro che operano in questo settore.

Cristina Cerrai, Avvocato in Livorno, patrocinante in Cassazione, ha una formazione specifica nell’ambito del diritto di famiglia e dei mi- nori. Ha ricoperto il ruolo di Coordinatore Nazionale dell’Osservatorio di Diritto di Famiglia e dei Minori della Giunta A.I.G.A. Attualmente, in qualità di Consigliera di Parità della Provincia di Livorno, è responsabile del centro di ascolto antiviolenza “Sportello VIS”.
Stefania Ciocchetti, Avvocata formata nel diritto di famiglia, si occupa di mediazione familiare dal 1995; componente Comitato degli Esperti della Scuola di Aggiornamento c/o Fondazione Scuola Forense Barese; componente Commissione Famiglia c/o COA Bari, nomina a componente Consiglio Distrettuale di Disciplina (distretto di Corte Appello Bari) per il prossimo quadriennio.
Patrizia La Vecchia, è avvocato in Siracusa con una formazione specifica nell’ambito del diritto civile ed in particolare del diritto di famiglia e dei minori; già relatrice in numerosi convegni e corsi di formazione in materia di tutela dei minori e violenza alle donne; già componente dell’osservatorio del Diritto di famiglia dell’AIGA, autrice e curatrice di diverse pubblicazioni in materia di diritto di famiglia e minorile. Oggi Vicepresidente della Sezione di Siracusa.
Ivana Enrica Pipponzi, Avvocata cassazionista, ha una formazione specifica nell’ambito del diritto di famiglia e dei minori. A seguito della sua provata esperienza specifica, ha ricoperto le cariche di componente dell’Osservatorio Nazionale di Diritto di Famiglia e dei Minori di AIGA, di responsabile nazionale del Dipartimento “Diritto di Famiglia e Persone” e di coordinatrice del Dipartimento “Persona e Tutela dei Diritti Umani” della Fondazione AIGA “Tommaso Bucciarelli. Già Commissaria Regionale per le Pari Opportunità della Regione Basilicata, è l’attuale Consigliera Regionale di Parità per la Basilicata. Coautrice di numerosi volumi editi dalla Maggioli Editore in materia di Diritto di famiglia, dei minori e Successioni.
Emanuela Vargiu, Avvocato cassazionista, formata nel diritto civile ed amministrativo; da dieci anni patrocinatore di cause innanzi alle Magistrature Superiori, esercita la professione a Cagliari. È autrice di diverse pubblicazioni giuridiche in materia di Diritto di famiglia e successioni.

Contenuti on line L’acquisto del volume include la possibilità di accedere al sito https://www.maggiolieditore.it/approfondimenti, dove sono presenti significative risorse integrative, ovvero il formulario, in formato editabile e stampabile, la giurisprudenza e la normativa di riferimento. Le indicazioni per effettuare l’accesso sono all’interno del volume.

Cristina Cerrai, Stefania Ciocchetti, Patrizia La Vecchia, Ivana Enrica Pipponzi, Emanuela Vargiu, 2019, Maggioli Editore
34.00 € 32.30 €

Diventa autore di Diritto.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA

concas-alessandra

Concas Alessandra

Giornalista iscritta all’albo dell’Ordine di Cagliari e Direttore responsabile di una redazione radiofonica web. Interprete, grafologa e criminologa. In passato insegnante di diritto e lingue straniere, alternativamente. Data la grande passione per il diritto, collabora dal 2012 con la Rivista giuridica on line Diritto.it, per la quale è altresì Coautrice della sezione delle Schede di Diritto e Referente delle sezioni attinenti al diritto commerciale e fallimentare, civile e di famiglia.


Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it  |  www.maggioliadv.it

Gruppo Maggioli
www.maggioli.it

  • Rimani aggiornato sulle novità del mondo del diritto
  • Leggi i commenti alle ultime sentenze in materia civile, penale, amministrativo
  • Acquista con lo sconto le novità editoriali – ebook, libri e corsi di formazione

Rimani sempre aggiornato iscrivendoti alle nostre newsletter!

Iscriviti alla newsletter di Diritto.it e