Tar Liguria – I sez. – sentenza n. 547 del 21-06-2019

Ginevra Gaspari

La concessione di una porzione di suolo pubblico per collocarvi un’isola ecologica costituisce … un provvedimento di gestione amministrativa che non implica alcuna scelta programmatica. Il principio della divisione tra le funzioni di indirizzo politico-amministrativo e l’attività di gestione, oggi sancito dall’art. 107 del d.lgs. 18 agosto 2000, n. 267, comporta che l’adozione di questo tipo di provvedimento sia riservata alla competenza dei dirigenti dell’ente locale o, nei Comuni privi di dirigenti, ai responsabili dei servizi e degli uffici, anche qualora sia richiesto l’esperimento di accertamenti o valutazioni di natura discrezionale.
Non risultando l’esistenza di specifiche previsioni statutarie che attribuiscano detto potere alla Giunta comunale, ne deriva che tale organo di governo non può essere ritenuto competente ad emanare un provvedimento di autorizzazione all’occupazione di suolo pubblico. Il vizio di incompetenza, peraltro, non è stato “sanato” dal successivo provvedimento dirigenziale, in quanto meramente riproduttivo della decisione adottata dall’organo di governo. La declaratoria di illegittimità si estende all’art. 8 del regolamento approvato con deliberazione consiliare n. 32 del 25 giugno 2014 che rimette alla Giunta comunale, non la mera formulazione di direttive in materia, bensì compiti di amministrazione attiva, naturalmente implicanti l’emanazione di provvedimenti amministrativi che la legge attribuisce in via esclusiva ai dirigenti.

Diventa autore di Diritto.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA