Civile

Corte d’Appello di Bari – sentenza n.1890 del 03-11-2020

Redazione

La Corte d’Appello di Bari con la sentenza n.1890/2020 pubblicata il 3/11/2020, con riferimento al piano di ammortamento alla francese, ha ritenuto che il regime di capitalizzazione composto degli interessi, non dichiarato in contratto, ma risultante solo dal piano di ammortamento, rende l’oggetto del contratto indeterminato con conseguente nullità della clausola e sostituzione del tasso ultralegale applicato con il c.d. tasso Bot, ai sensi del comma 7 dell’art. 117 TUB.

Diventa autore di Diritto.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Corte di Cassazione – I sez. civ. – sentenza n. 28635 del 15-12-2020

Redazione

Il tema dei presupposti di legittimità della segnalazione a sofferenza di una posizione debitoria presso la Centrale dei Rischi gestita dalla Banca d’Italia, con particolare riferimento alla nozione di “insolvenza” ricavabile dalla normativa di vigilanza, così come interpretata nel corso dell’evoluzione giurisprudenziale.

Diventa autore di Diritto.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Corte di Cassazione – I sez. civ. – ordinanza n. 993 del 20-01-2021

Redazione

La modifica, affidata alle leggi nel tempo succedutesi, delle differenti soglie dell’ammontare del credito per cui il concessionario può procedere in via esecutiva alia realizzazione del credito tributario e quindi del limite entro il quale è fatto divieto al riscossore di procedere ad iscrizione ipotecaria nei confronti del privato debitore, deve trovare applicazione, nella natura procedimentale di quel limite, rispetto ai procedimenti che siano ancora pendenti alla data dell’entrata in vigore delle norme nel tempo succedutesi nel fissare i nuovi importi ai limiti di procedibilità. Di conseguenza, il limite all’esecuzione coattiva introdotto dalla legge n. 248/2005, in quanto norma processuale che governa l’avvio del procedimento esecutivo, in difetto di disposizioni transitorie, trova applicazione, ai sensi dell’art. 11 delle “Disposizioni sulla legge in generale”, in forza del principio per il quale tempus regit actum, rispetto a procedure che siano pendenti alla data della sua entrata in vigore e quindi per i singoli atti compiuti successivamente .

Diventa autore di Diritto.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA

1 2 3 32


Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it  |  www.maggioliadv.it

Gruppo Maggioli
www.maggioli.it

Ricevi tutte le novità di Diritto.it attraverso le nostre newsletter. 

Non abbandonare Diritto.it
senza iscriverti alle newsletter!