Civile Archivi

Civile

Corte di Cassazione – I sez. civ. – ordinanza n. 18161 del 05-07-2019

Ginevra Gaspari

La Corte di Cassazione, con l’ordinanza n. 18161 del 2019, in nome del principio di bigenitorialità, ha stabilito che in caso di riconoscimento successivo del minore da parte del padre il cognome paterno può essere anteposto a quello materno in modo tale da consentire al minore di costruirsi un’autonoma identità.

Diventa autore di Diritto.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Corte di Cassazione – Sez. Un. civ. – sentenza n. 18672 del 11-07-2019

Ginevra Gaspari

Premessa la configurazione della responsabilità del venditore come responsabilità per un’obbligazione derivante ex contractu, ritengono le Sezioni Unite che debba essere preferito il primo dei due orientamenti sopra richiamati, secondo cui deve essere attribuita efficacia interruttiva non solo alla proposizione della domanda giudiziale, ma anche agli atti stragiudiziali.

Diventa autore di Diritto.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Corte di Cassazione – Sez. Un. civ. – sentenza n. 6882 del 08-03-2019.

Ginevra Gaspari

La Cassazione a Sezioni Unite, con sentenza di rigetto emessa in data 8 marzo 2019 n. 6882, confermando il precedente orientamento, si è pronunciata a favore della validità della clausola del contratto di locazione che pone a carico del conduttore l’onere di pagare le imposte relative all’immobile locato.

Diventa autore di Diritto.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Tribunale di Roma – IV sez. civ. – sentenza n. 9889 del 13-05-2019

Ginevra Gaspari

La norma prevede un divieto per l’amministratore la cui portata abbraccia ogni tipo di riunione assembleare.Ne consegue che l’amministratore, indipendentemente dagli argomenti posti all’ordine del giorno dell’adunanza assembleare, dovrà inderogabilmente astenersi dal farsi rilasciare deleghe da uno o più condomini al fine di intervenire ed esprimere come delegato il voto in assemblea.

Diventa autore di Diritto.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Corte di Cassazione – II sez. civ. – sentenza n. 15109 del 03-06-2019

Ginevra Gaspari

In ipotesi di divisione orizzontale in due parti di un appartamento in condominio, non si determina alcuna automatica incidenza dell’opera sulle tabelle millesimali ai fini della revisione dei valori delle unità immobiliari (Cass. 24/06/2016, n. 13184; Cass. 17/10/1967, n. 2493), mentre grava sull’assemblea l’onere di provvedere a ripartire le spese tra le due nuove parti così create ed i rispettivi titolari, determinandone i valori proporzionali espressi in millesimi sulla base dei criteri sanciti dalla legge. In materia condominiale, del resto, non trova applicazione il principio dell’apparenza del diritto – non sussistendo una relazione di terzietà tra condominio e condomino – sicché le spese gravano esclusivamente sul proprietario effettivo dell’unità immobiliare, e l’amministratore è tenuto ad aggiornare i propri dati alla realtà della composizione dell’edificio, ai fini del riparto, eventualmente consultando i registri immobiliari (ex plurimis, Cass. 0/10/2017, n. 23621; Cass. 03/08/2007, n. 17039). 

Diventa autore di Diritto.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Corte di Cassazione – II sez. civ. – sentenza n. 16070 del 14-06-2019

Ginevra Gaspari

La mera circostanza che uno dei successivi atti di vendita di una singola unità immobiliare non contenga espressa menzione del trasferimento anche della comproprietà delle aree comuni non è in alcun modo sufficiente a superare la presunzione posta dall’art. 1117 c.c., la quale, al contrario, comporta che all’atto stesso consegua l’alienazione, unitamente alla porzione esclusiva, della corrispondente quota di condominio su dette parti comuni.

Diventa autore di Diritto.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA

1 2 3 219


Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it  |  www.maggioliadv.it

Gruppo Maggioli
www.maggioli.it

Ricevi tutte le novità di Diritto della settimana 
in una pratica email  direttamente nella tua casella di posta elettronica!

Non abbandonare Diritto.it
senza iscriverti alla newsletter!