Legge n. 9/2016 - testo coordinato

Legge n. 9/2016 – testo coordinato

Redazione

Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 25 novembre 2015, n. 185, recante misure urgenti per interventi nel territorio. Proroga del termine per l’esercizio delle deleghe per la revisione della struttura del bilancio dello Stato, nonche’ per il riordino della disciplina per la gestione del bilancio e il potenziamento della funzione del bilancio di cassa

G.U. n. 18 del 23 gennaio 2016

Versione PDF del documento

Testo coordinato DECRETO-LEGGE 25 novembre 2015, n. 185 e LEGGE 22 gennaio 2016, n. 9 

Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 25 novembre 2015, n. 185, recante misure urgenti per interventi nel territorio. Proroga del termine per l’esercizio delle deleghe per la revisione della struttura del bilancio dello Stato, nonche’ per il riordino della disciplina per la gestione del bilancio e il potenziamento della funzione del bilancio di cassa.

 

Capo I 
Misure finanziarie urgenti per far fronte ad esigenze in aree territoriali
 
Avvertenza: 
Il testo coordinato qui pubblicato e’ stato redatto dal Ministero della giustizia ai sensi dell’art. 11, comma 1, del testo unico delle disposizioni sulla promulgazione delle leggi, sull’emanazione dei decreti del Presidente della Repubblica e sulle pubblicazioni ufficiali della Repubblica italiana, approvato con D.P.R. 28 dicembre 1985, n. 1092, nonche’ dell’art. 10, comma 3, del medesimo testo unico, al solo fine di facilitare la lettura sia delle disposizioni del decreto-legge, integrate con le modifiche apportate dalla legge di conversione, che di quelle richiamate nel decreto, trascritte nelle note. Restano invariati il valore e l’efficacia degli atti legislativi qui riportati. Le modifiche apportate dalla legge di conversione sono stampate con caratteri corsivi. Tali modifiche sono riportate in video tra i segni (( … )). A norma dell’art. 15, comma 5, della legge 23 agosto 1988, n. 400 (Disciplina dell’attivita’ di Governo e ordinamento della Presidenza del Consiglio dei ministri), le modifiche apportate dalla legge di conversione hanno efficacia dal giorno successivo a quello della sua pubblicazione. 
Art. 1 
Disposizioni urgenti in materia di bonifica ambientale e rigenerazione urbana del comprensorio Bagnoli-Coroglio 
1. Ai fini della prima fase del programma di bonifica ambientale e di rigenerazione urbana dell’area di rilevante interesse nazionale nel comprensorio di Bagnoli-Coroglio, di cui all’articolo 33, commi 3, 6, 8, 10 e 12 del decreto-legge 12 settembre 2014, n. 133, convertito, con modificazioni, dalla legge 11 novembre 2014, n. 164, sono trasferiti immediatamente al Soggetto Attuatore 50 milioni di euro per l’anno 2015.

Art. 2
Interventi straordinari per la Regione Campania 
1. Al fine di dare esecuzione alle sentenze della Corte di Giustizia dell’Unione europea del 4 marzo 2010 (causa C-297/2008) e del 16 luglio 2015 (causa C-653/13), il Presidente della Regione Campania predispone un piano straordinario d’interventi riguardanti: a) lo smaltimento, ove occorra anche attraverso la messa in sicurezza permanente in situ, dei rifiuti in deposito nei diversi siti della Regione Campania risalenti al periodo emergenziale 2000/2009 e comunque non oltre il 31 dicembre 2009; b) la bonifica, la riqualificazione ambientale e il ripristino dello stato dei luoghi dei siti di cui alla lettera a) non interessati dalla messa in sicurezza permanente e l’eventuale restituzione delle aree attualmente detenute in locazione ovvero ad altro titolo. 2. Il piano di cui al comma 1, comprensivo del cronoprogramma, e’ approvato, entro trenta giorni dalla data di entrata in vigore del presente decreto, dai competenti organi regionali e costituisce variante del vigente Piano regionale di gestione dei rifiuti. Il piano approvato e’ immediatamente trasmesso alla Presidenza del Consiglio dei ministri e ai Ministeri dell’ambiente della tutela del territorio e del mare e dell’economia e delle finanze per le valutazioni di competenza che sono rese entro 20 giorni dal ricevimento. Il Piano e’ successivamente inviato dalla Presidenza del Consiglio dei ministri alla Commissione europea. 3. Ai procedimenti per il rilascio dei provvedimenti autorizzatori, ove occorrenti per l’attuazione dei singoli interventi, si applicano le disposizioni in materia di conferenza di servizi e di termini di conclusione dei procedimenti di cui all’articolo 1, comma 2, del decreto-legge 26 novembre 2010, n. 196, convertito, con modificazioni, dalla legge 24 gennaio 2011, n. 1. 4. Ai fini del finanziamento del Piano di cui al comma 1, e’ istituito presso il Ministero dell’economia e delle finanze un Fondo con una dotazione di 150 milioni di euro per l’anno 2015, di cui 70 milioni sono immediatamente trasferiti alla Regione Campania per le finalita’ di cui al comma 7 e i restanti 80 milioni sono trasferiti al bilancio autonomo della Presidenza del Consiglio dei ministri per essere successivamente trasferiti alla Regione Campania sulla base dell’attuazione del cronoprogramma come certificata dal Presidente della Regione. 5. Con decreto del Presidente del Consiglio dei ministri, su proposta del Ministro dell’economia e delle finanze, sono disciplinate le modalita’ di rendicontazione delle spese sostenute a carico delle risorse del Fondo di cui al comma 4. 6. In caso di mancata approvazione del Piano entro il termine di cui al comma 2 ovvero di mancato rispetto del cronoprogramma dell’attivita’, si applica l’articolo 41 della legge 24 dicembre 2012, n. 234. Rimane impregiudicata ogni questione riguardante le sentenze di cui al comma 1. 7. In via d’urgenza, anche nelle more dell’approvazione del piano di cui al comma 1, il Presidente della Regione Campania predispone e attua, previa approvazione della Giunta regionale, un primo stralcio operativo d’interventi per lo smaltimento di una quota non superiore al trenta per cento dei rifiuti di cui al comma 1, lettera a), mediante rimozione, trasporto e smaltimento, nonche’ mediante recupero energetico, presso impianti nazionali ed esteri, nel rispetto della normativa nazionale ed europea. A tale scopo, la Regione Campania e’ autorizzata, ove necessario, all’utilizzo diretto delle risorse del fondo nei limiti di cui al comma 4. 8. Alle procedure di gara per l’attuazione degli interventi di cui al presente articolo si applica il Protocollo stipulato dall’Autorita’ nazionale anticorruzione e dalla Regione Campania. 
Art. 3 
Finanziamento per Comune Reggio Calabria 
1. In considerazione di quanto previsto dall’articolo 6, comma 5, del decreto-legge 19 giugno 2015, n. 78, convertito, con modificazioni, dalla legge 6 agosto 2015, n. 125, per l’anno 2015 e’ attribuito al Comune di Reggio Calabria un contributo di 10.329.479,56 euro a ristoro dei rimborsi dell’anno 2015 delle anticipazioni erogate in favore del medesimo comune a valere sulla «Sezione per assicurare la liquidita’ per pagamenti dei debiti certi, liquidi ed esigibili degli enti locali» del Fondo di cui all’articolo 1, comma 10, del decreto-legge 8 aprile 2013, n. 35, convertito, con modificazioni, dalla legge 6 giugno 2013, n. 64. 
Art. 4 
Rifinanziamento fondo emergenze nazionali 
1. La dotazione del Fondo per le emergenze nazionali di cui all’articolo 5, comma 5-quinquies, della legge 24 febbraio 1992, n. 225, come rideterminata dalla tabella C della legge 23 dicembre 2014, n. 190, e’ incrementata di 50 milioni di euro per l’anno 2015. (( 1-bis. Al comma 694 dell’articolo 1 della legge 23 dicembre 2014, n. 190, e’ aggiunto, in fine, il seguente periodo: «All’assegnazione della quota di risorse destinate all’opera di ricostruzione e alla ripresa economica dei territori della regione Sardegna, di cui al periodo precedente, si provvede ai sensi della lettera e) del comma 2 dell’articolo 5 della legge 24 febbraio 1992, n. 225, e successive modificazioni». ))
Capo II 
Disposizioni finanziarie urgenti per manifestazioni ed eventi
Art. 5
Iniziative per la valorizzazione dell’area utilizzata per l’Expo 
1. Per le iniziative relative alla partecipazione dello Stato nell’attivita’ di valorizzazione delle aree in uso alla Societa’ Expo S.p.a., anche mediante partecipazione al capitale della societa’ proprietaria delle stesse, e’ autorizzata la spesa di 50 milioni di euro per l’anno 2015. 2. Nell’ambito delle iniziative di cui al comma precedente, e’ attribuito all’Istituto italiano di tecnologia (IIT) un primo contributo dell’importo di 80 milioni di euro per l’anno 2015 per la realizzazione di un progetto scientifico e di ricerca, sentiti gli enti territoriali e le principali istituzioni scientifiche interessate, da attuarsi anche utilizzando parte delle aree in uso a EXPO S.p.a. ove necessario previo loro adattamento. IIT elabora un progetto esecutivo che e’ approvato con decreto del Presidente del Consiglio dei ministri, su proposta del Ministro dell’economia e delle finanze. 3. Le iniziative finalizzate alla valorizzazione delle aree di cui al comma 1 e le relative modalita’ attuative sono definite con decreto del Presidente del Consiglio dei ministri, su proposta del Ministro dell’economia e delle finanze. La Presidenza del Consiglio dei ministri puo’ avvalersi del supporto tecnico di Cassa depositi e prestiti S.p.a. 4. E’ autorizzato, per l’anno 2015, un contributo dello Stato dell’importo di 20 milioni di euro per il concorso agli oneri di sicurezza sostenuti dalla Societa’ Expo S.p.a. in ragione della qualifica di sito sensibile per la durata dell’evento. 5. Al fine di accelerarne la messa a disposizione e l’effettiva utilizzabilita’, le risorse finalizzate alla realizzazione della riqualificazione tranvia extraurbana Milano-Limbiate, 1 lotto funzionale, sono revocate e destinate, anche in attuazione dell’articolo 1, comma 101, della legge 27 dicembre 2013, n. 147, alla Societa’ Expo S.p.a. per fare fronte al mancato contributo della Provincia di Milano.
Art. 6 
Interventi per il Giubileo 
1. Nello stato di previsione del Ministero dell’economia e delle finanze e’ istituito un Fondo per la realizzazione degli interventi Giubilari, con priorita’ per la mobilita’, il decoro urbano e la riqualificazione delle periferie, con la dotazione di 94 milioni di euro per l’anno 2015 e di 65 milioni di euro per l’anno 2016. Il Fondo e’ ripartito annualmente con uno o piu’ decreti del Presidente del Consiglio dei ministri. Le risorse del Fondo non utilizzate alla chiusura dell’esercizio 2015 sono utilizzate nell’esercizio successivo. 2. Al fine di incrementare l’offerta del servizio ferroviario regionale da e verso la stazione di Roma San Pietro e di potenziare il sistema dei servizi sanitari, in particolare gli interventi di emergenza, in concomitanza al Giubileo straordinario della Misericordia, e’ attribuito alla Regione Lazio un contributo di 47 milioni di euro per l’anno 2015, di cui 17 milioni per il potenziamento del servizio ferroviario regionale e 30 milioni per il sistema dei servizi sanitari. 
Art. 7 
Misure urgenti per il presidio del territorio in occasione del Giubileo 
1. Al fine di corrispondere alle esigenze di sicurezza connesse allo svolgimento del Giubileo straordinario della Misericordia e di quelle di alcune specifiche aree del territorio nazionale, il contingente di cui all’articolo 5-bis, comma 1, del decreto-legge 19 giugno 2015, n. 78, convertito, con modificazioni, dalla legge 6 agosto 2015, n. 125, limitatamente ai servizi di vigilanza a siti e obiettivi sensibili, e’ incrementato fino a 1.500 unita’ a partire dal 16 novembre 2015 e fino al 30 giugno 2016. Si applicano le disposizioni di cui all’articolo 7-bis, commi 1, 2 e 3, del decreto-legge 23 maggio 2008, n. 92, convertito, con modificazioni, dalla legge 24 luglio 2008, n. 125. L’impiego del predetto contingente e’ consentito nei limiti della spesa autorizzata ai sensi del comma 2. 2. Ai fini dell’attuazione del comma 1 e’ autorizzata la spesa di euro 3.764.789 per l’anno 2015 per il personale di cui al comma 74 dell’articolo 24 del decreto-legge 1° luglio 2009, n. 78, convertito, con modificazioni, dalla legge 3 agosto 2009, n. 102, nonche’ di euro 14.312.000 per l’anno 2016 con specifica destinazione di euro 14.012.000 per il personale di cui al comma 74 e di euro 300.000 per il personale di cui al comma 75, dell’articolo 24, del decreto-legge 1° luglio 2009, n. 78, convertito, con modificazioni, dalla legge 3 agosto 2009, n. 102. 3. Per le contingenti esigenze di tutela dell’ordine e della sicurezza pubblica connesse all’imminente svolgimento del Giubileo straordinario della Misericordia, in deroga a quanto previsto dall’articolo 55, comma 1, del decreto del Presidente della Repubblica 24 aprile 1982, n. 335, e fatto salvo l’articolo 88, ultimo comma, della legge 1° aprile 1981, n. 121, i trasferimenti del personale del ruolo assistenti e agenti della Polizia di Stato possono essere disposti, a domanda, anche se il dipendente non abbia maturato il requisito della permanenza, ininterrottamente per quattro anni, nella stessa sede di servizio. 4. Con provvedimento del Capo della Polizia – Direttore Generale della Pubblica Sicurezza sono definite le modalita’ attuative del comma 3. (( 4-bis. All’articolo 1, comma 5, della legge 31 dicembre 2012, n. 244, e’ aggiunto, in fine, il seguente periodo: «Una quota parte non superiore al 50 per cento dei risparmi di spesa di parte corrente di natura permanente, di cui all’articolo 4, comma 1, lettere c) e d), della presente legge, anche tenuto conto di quanto previsto dall’articolo 3, comma 155, ultimo periodo, della legge 24 dicembre 2003, n. 350, e successive modificazioni, e’ utilizzata per adottare, entro il 1° luglio 2017, ulteriori disposizioni integrative, con le medesime procedure di cui al comma 3 del presente articolo, al fine di assicurare la sostanziale equiordinazione nel rispetto dei principi di cui agli articoli 2, comma 1, e 3, comma 3, della legge 6 marzo 1992, n. 216, e dei criteri direttivi di cui all’articolo 8, comma 1, lettera a), numero 1), della legge 7 agosto 2015, n. 124». ))
Art. 8 
Made in Italy 
1. Per il potenziamento delle misure straordinarie per le imprese previste dall’articolo 30 del decreto-legge 12 settembre 2014, n. 133, convertito con modificazioni, dalla legge 11 novembre 2014, n. 164, sono stanziati ulteriori 10 milioni di euro per l’esercizio finanziario 2015 destinati ad integrare le attivita’ del Piano di promozione straordinaria del Made in Italy. 2. I fondi sono destinati alle misure di cui al comma 2, lettere b) ed f) dell’articolo 30 del decreto-legge 12 settembre 2014, n. 133, convertito, con modificazioni, dalla legge 11 novembre 2014, n. 164, in particolare quanto ad euro 2 milioni per il supporto alle piu’ rilevanti manifestazioni fieristiche italiane di livello internazionale e quanto ad euro 8 milioni per la realizzazione di campagne di promozione strategica nei mercati piu’ rilevanti e di contrasto al fenomeno dell’Italian sounding. 3. L’ICE – Agenzia per la promozione all’estero e l’internazionalizzazione delle imprese italiane provvede alla realizzazione delle misure di cui al comma 2 nell’esercizio delle proprie competenze istituzionali, ai sensi dell’articolo 30, comma 3, del decreto-legge n. 133 del 2014. 
Capo III 
Disposizioni finanziarie urgenti in materia di infrastrutture e trasporti
Art. 9 
Revoca finanziamenti interventi non attuati e abrogazioni procedure per aeroporti 
1. Al fine di garantire l’utilizzo delle risorse stanziate e di accelerare la realizzazione di opere valutate di interesse pubblico generale, all’articolo 3 del decreto-legge 12 settembre 2014, n. 133, convertito, con modificazioni, dalla legge 11 novembre 2014, n. 164, sono apportate le seguenti modificazioni: a) dopo il comma 3, e’ inserito il seguente: «3-bis. Ai fini della revoca dei finanziamenti di cui ai commi 5 e 6, le condizioni di appaltabilita’ e di cantierabilita’ si realizzano quando i relativi adempimenti, previsti dai decreti di cui al comma 2, sono compiuti entro il 31 dicembre dell’anno dell’effettiva disponibilita’ delle risorse necessarie ai fini rispettivamente corrispondenti.»; b) al comma 5 le parole: «dei termini fissati al comma 2 lettere a), b) e c) per l’appaltabilita’ e la cantierabilita’ delle opere» sono sostituite dalle seguenti: «delle condizioni fissate dal comma 3-bis» ed in fine sono aggiunte le seguenti: «secondo le tabelle di finanziamento allegate ai decreti di cui al comma 2». 2. Le disposizioni di cui al comma 1 hanno effetto per gli interventi finanziati a decorrere dall’esercizio finanziario 2014. Sono fatti salvi gli effetti degli adempimenti gia’ compiuti alla data di entrata in vigore del presente decreto. 3. Il comma 3-bis, dell’articolo 71, del decreto-legge 24 gennaio 2012, n. 1, convertito, con modificazioni, dalla (( legge 24 marzo 2012, n. 27 )), e’ abrogato. 
Art. 10
Continuita’ territoriale 
1. Al fine di garantire un completo ed efficace sistema di collegamenti aerei da e per la Sardegna, che consenta la riduzione dei disagi derivanti dalla condizione di insularita’ e assicuri la continuita’ del diritto alla mobilita’ anche ai passeggeri non residenti, e’ attribuita alla Regione Sardegna la somma di euro 30 milioni per l’anno 2015. Le predette risorse non rilevano per l’anno 2015 tra le entrate finali del saldo di cui al comma 463 dell’articolo 1 della legge 23 dicembre 2014, n. 190. Le spese effettuate nel 2016 a valere sulle risorse attribuite nel 2015 di cui al primo periodo sono escluse dai vincoli di finanza pubblica. 2. Le risorse di cui al comma 1 sono impiegate in osservanza alle vigenti disposizioni europee e nazionali in materia di oneri di servizio pubblico nei collegamenti aerei infracomunitari. (( 2-bis. Al comma 2 dell’articolo 31-bis del decreto-legge 12 settembre 2014, n. 133, convertito, con modificazioni, dalla legge 11 novembre 2014, n. 164, le parole: «un anno» sono sostituite dalle seguenti: «due anni». 2-ter. Al fine di non compromettere la continuita’ dei servizi ferroviari a media e lunga percorrenza rientranti nel perimetro del servizio universale del trasporto ferroviario di interesse nazionale, per l’anno 2016, i servizi ferroviari gia’ oggetto del contratto di servizio con Trenitalia S.p.a. continuano ad essere affidati alla medesima societa’. Il Ministero dell’economia e delle finanze e’ autorizzato a corrispondere a Trenitalia S.p.a. i corrispettivi previsti a carico del bilancio dello Stato per i servizi resi in esecuzione del predetto contratto per gli anni 2015 e 2016. ))
Art. 11
Spazi finanziari per interventi nel settore delle linee metropolitane 
1. Per l’esercizio finanziario 2015, ai comuni che hanno effettuato pagamenti nell’anno 2015 con risorse proprie in cofinanziamento per interventi relativi a linee metropolitane approvati dal Comitato interministeriale per la programmazione economica nel trasporto (CIPET) ai sensi dell’articolo 5, comma 1, della legge 26 febbraio 1992, n. 211, ai fini degli adempimenti di cui all’articolo 2 della legge 29 dicembre 1969, n. 1042, sono attribuiti spazi finanziari ai fini del patto di stabilita’ interno, pari a complessivi 50 milioni di euro. 2. L’ammontare degli spazi attribuiti a ciascun comune e’ determinato con decreto del Ministro dell’economia e delle finanze, in proporzione ai pagamenti di cui al comma 1. A tal fine, entro il termine perentorio di 8 giorni successivi all’entrata in vigore del presente decreto-legge i comuni comunicano, mediante l’applicativo web del patto di stabilita’ interno, i pagamenti sostenuti nell’anno 2015. Qualora la richiesta complessiva risulti superiore agli spazi disponibili, gli spazi sono attribuiti in misura proporzionale alle singole richieste. (( 2-bis. Le misure gia’ previste dall’articolo 1, comma 294, della legge 23 dicembre 2014, n. 190, per gli anni 2016 e 2017 sono disciplinate dai commi seguenti. 2-ter. Le risorse di cui al citato comma 294 dell’articolo 1 della legge n. 190 del 2014 sono attribuite dal Ministero delle infrastrutture e dei trasporti alle imprese ferroviarie a compensazione dei costi supplementari per l’utilizzo dell’infrastruttura ferroviaria, inclusi quelli relativi al traghettamento ferroviario delle merci e ai servizi ad esso connessi, sostenuti dal trasporto ferroviario, con esclusione di ogni altra modalita’ di trasporto concorrente piu’ inquinante, per l’effettuazione di trasporti delle merci, compresi quelli transfrontalieri, aventi origine o destinazione nelle regioni Abruzzo, Molise, Lazio, Campania, Puglia, Basilicata, Calabria, Sardegna e Sicilia. La predetta compensazione e’ determinata proporzionalmente ai treni/km sviluppati dalle imprese ferroviarie da e per le destinazioni sopraindicate. Le risorse non attribuite alle imprese ferroviarie ai sensi del secondo periodo del presente comma sono destinate, nei limiti degli stanziamenti esistenti, al riconoscimento di un contributo alle imprese ferroviarie che effettuano i trasporti di merci per ferrovia sull’intera infrastruttura ferroviaria nazionale, in misura non superiore al valore di 2,5 euro a treno/km. Detto contributo, che tiene conto dei minori costi esterni rispetto ai trasporti in modalita’ stradale, e’ ripartito fra le imprese aventi diritto in maniera proporzionale ai treni/km effettuati. Con decreto del Ministero delle infrastrutture e dei trasporti sono disciplinate le modalita’ di calcolo e di attuazione delle misure di cui al presente comma. 2-quater. All’articolo 1, comma 294, della legge 23 dicembre 2014, n. 190, il quinto periodo e’ sostituito dal seguente: «Con decreto del Ministero delle infrastrutture e dei trasporti sono disciplinate le modalita’ di calcolo e di attuazione delle misure di cui al presente comma» e l’ultimo periodo e’ soppresso. ))
Capo IV 
Disposizioni finanziarie urgenti in ambito sociale e culturale
Art. 12 
Misure finanziarie urgenti per interventi in materia di servizio civile nazionale 
1. Al fine di aumentare il numero dei volontari da avviare al servizio civile nazionale, la dotazione del Fondo nazionale per il servizio civile di cui all’articolo 19 della legge 8 luglio 1998, n. 230, come rideterminata dalla tabella C della legge 23 dicembre 2014, n. 190, e’ incrementato di 100 milioni di euro per l’anno 2015. 
Art. 13 
Rifinanziamento per l’anno 2015 del Fondo sociale per l’occupazione e la formazione 
1. Per l’anno 2015, il Fondo sociale per occupazione e formazione di cui all’articolo 18, comma 1, lettera a), del decreto-legge 29 novembre 2008, n. 185, convertito, con modificazioni, dalla legge 28 gennaio 2009, n. 2, e’ incrementato di 400 milioni di euro, anche ai fini del finanziamento degli ammortizzatori sociali in deroga di cui all’articolo 2, commi 64, 65 e 66, della legge 28 giugno 2012, n. 92, e successive modificazioni. Agli oneri derivanti dal primo periodo del presente comma si provvede mediante corrispondente utilizzo delle economie accertate, relative al medesimo anno 2015, a seguito dell’attivita’ di monitoraggio e verifica concernente le complessive misure di salvaguardia dall’incremento dei requisiti di accesso al sistema pensionistico stabilito dall’articolo 24 del decreto-legge 6 dicembre 2011, n. 201, convertito, con modificazioni, dalla legge 22 dicembre 2011, n. 214 e per le quali la certificazione del diritto al beneficio e’ da ritenersi conclusa. E’ corrispondentemente ridotto per l’anno 2015 lo stanziamento del capitolo 4236 dello stato di previsione del Ministero del lavoro e delle politiche sociali. (( 1-bis. Per consentire il completamento delle procedure di cui all’articolo 1, comma 207, terzo periodo, della legge 27 dicembre 2013, n. 147, da concludere inderogabilmente entro il 31 dicembre 2016, e’ autorizzata la spesa di 50 milioni di euro per l’anno 2016, a titolo di compartecipazione dello Stato. La regione Calabria dispone con legge regionale la copertura finanziaria a carico del bilancio della regione medesima degli ulteriori oneri necessari per l’attuazione di quanto previsto dal periodo precedente e assicura la compatibilita’ dell’intervento con il raggiungimento dei propri obiettivi di finanza pubblica. All’onere derivante dal primo periodo del presente comma, pari a 50 milioni di euro per l’anno 2016, si provvede mediante destinazione, per il medesimo anno 2016, per la finalita’ di cui al primo periodo del presente comma, delle risorse di cui all’articolo 1, comma 1156, lettera g-bis), della legge 27 dicembre 2006, n. 296. ))
Art. 14
Interventi in materia di edilizia residenziale pubblica 
1. Al fine di incentivare il programma di recupero di immobili e alloggi di edilizia residenziale pubblica anche per prevenire fenomeni di occupazione abusiva, e’ autorizzata la spesa di 25 milioni di euro per l’anno 2015 da ripartire sulla base del programma redatto ai sensi dell’articolo 4 del decreto-legge 28 marzo 2014, n. 47, convertito con modificazioni, dalla legge 23 maggio 2014, n. 80. 
Art. 15 
Misure urgenti per favorire la realizzazione di impianti sportivi nelle periferie urbane 
1. Ai fini del potenziamento dell’attivita’ sportiva agonistica nazionale e dello sviluppo della relativa cultura in aree svantaggiate e zone periferiche urbane, con l’obiettivo di rimuovere gli squilibri economico sociali e incrementare la sicurezza urbana, e’ istituito sullo stato di previsione del Ministero dell’economia e delle finanze, per il successivo trasferimento al bilancio autonomo della Presidenza del Consiglio dei ministri, il Fondo «Sport e Periferie» da trasferire al Comitato olimpico nazionale italiano (CONI). A tal fine e’ autorizzata la spesa complessiva di 100 milioni di euro nel triennio 2015-2017, di cui 20 milioni nel 2015, 50 milioni di euro nel 2016 e 30 milioni di euro nel 2017. 2. Il Fondo e’ finalizzato ai seguenti interventi: a) ricognizione degli impianti sportivi esistenti sul territorio nazionale; b) realizzazione e rigenerazione di impianti sportivi con destinazione all’attivita’ agonistica nazionale, localizzati nelle aree svantaggiate del Paese e nelle periferie urbane e diffusione di attrezzature sportive nelle stesse aree con l’obiettivo di rimuovere gli squilibri economici e sociali ivi esistenti; c) completamento e adeguamento di impianti sportivi esistenti, con destinazione all’attivita’ agonistica nazionale e internazionale; d) attivita’ e interventi finalizzati alla presentazione e alla promozione della candidatura di Roma 2024. 3. Per la realizzazione degli interventi di cui al comma 2, il CONI presenta alla Presidenza del Consiglio dei ministri per l’approvazione, entro quindici giorni dalla data di entrata in vigore del presente decreto, un piano riguardante i primi interventi urgenti e, entro trenta giorni dalla data di entrata in vigore della legge di conversione del presente decreto, il piano pluriennale degli interventi, che puo’ essere rimodulato entro il 28 febbraio di ciascun anno. I piani sono approvati con decreto del Presidente del Consiglio dei ministri. Per la predisposizione e attuazione del piano pluriennale, il Comitato olimpico nazionale italiano puo’ avvalersi del personale in servizio presso altre pubbliche amministrazioni in possesso delle specifiche competenze tecniche in materia. 4. Il CONI presenta annualmente all’Autorita’ Vigilante una Relazione sull’utilizzo dei Fondi assegnati e sullo stato di realizzazione degli interventi finanziati con le risorse di cui al comma 1. (( L’Autorita’ Vigilante invia alle Camere la relazione di cui al periodo precedente )). 5. Per la realizzazione degli interventi previsti dal Piano di cui al comma 3, e’ possibile utilizzare le procedure semplificate di cui all’articolo 1 comma 304, della legge 27 dicembre 2013, n. 147. 6. Al di fuori degli interventi previsti dal Piano di cui al comma 3, le associazioni e le societa’ sportive senza fini di lucro possono presentare(( enti locali )), sul cui territorio insiste l’impianto sportivo da rigenerare, riqualificare o ammodernare, un progetto preliminare accompagnato da un piano di fattibilita’ economico finanziaria per la rigenerazione, la riqualificazione e l’ammodernamento e per la successiva gestione con la previsione di un utilizzo teso a favorire l’aggregazione sociale e giovanile. Se (( gli enti locali riconoscono )) l’interesse pubblico del progetto (( affidano )) la gestione gratuita dell’impianto all’associazione o alla societa’ sportiva per una durata proporzionalmente corrispondente al valore dell’intervento (( e comunque non inferiore a cinque anni )). 7. Le associazioni sportive o le societa’ sportive che hanno la gestione di un impianto sportivo pubblico possono aderire alle convenzioni Consip o di altro centro di aggregazione regionale per la fornitura di energia elettrica di gas o di altro combustibile al fine di garantire la gestione dello stesso impianto. 8. Per interventi di rigenerazione, ammodernamento, riqualificazione di impianti sportivi non previsti dal Piano di cui al comma 3, il Comune puo’ deliberare l’individuazione degli interventi promossi da associazioni sportive senza scopo di lucro, per l’applicazione dell’articolo 24 del decreto-legge 12 settembre 2014, n. 133, convertito, con modificazioni, dalla legge 11 novembre 2014, n. 164. 
Art. 16
Misure urgenti per il cinema 
1. Per l’esercizio finanziario 2015, il limite massimo complessivo di spesa previsto all’articolo 8, comma 3, del decreto-legge 8 agosto 2013, n. 91, convertito, con modificazioni, dalla legge 7 ottobre 2013, n. 112, e successive modificazioni, e’ aumentato ad euro 140 milioni. 
Art. 17
Disposizioni finanziarie 
1. Agli oneri derivanti dal presente decreto, ad esclusione di quelli a cui si provvede ai sensi dell’articolo 13, pari a 765,1 milioni di euro per l’anno 2015, a 129,3 milioni di euro per l’anno 2016 e 30 milioni di euro per l’anno 2017, si provvede: a) quanto a 483,8 milioni di euro per l’anno 2015, mediante riduzione delle dotazioni di competenza e di cassa relative alle missioni e ai programmi di spesa degli stati di previsione dei Ministeri come indicate nell’elenco allegato al presente decreto; b) quanto a 6 milioni di euro per l’anno 2015, mediante utilizzo delle risorse di cui all’articolo 5, comma 2, del decreto-legge 21 giugno 2013, n. 69, convertito, in legge, con modificazioni, dall’articolo 1, comma 1, della legge 9 agosto 2013, n. 98; c) quanto a 27,8 milioni di euro per l’anno 2015, mediante riduzione dell’autorizzazione di spesa di cui all’articolo 47, secondo comma, della legge 20 maggio 1985, n. 222, relativamente alla quota destinata allo Stato dell’otto per mille dell’imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF); d) quanto a 12 milioni di euro per l’anno 2015, mediante riduzione della dotazione del fondo relativo alle risorse finanziarie da destinare ad ulteriori occorrenze per l’attuazione del federalismo amministrativo di cui all’articolo 52, comma 8, della legge 23 dicembre 2000, n. 388; e) quanto a 3 milioni di euro per l’anno 2015, mediante riduzione dell’autorizzazione di spesa di cui all’articolo 41, comma 16-sexiesdecies, del decreto-legge 30 dicembre 2008, n. 207, convertito, con modificazioni, dalla legge 27 febbraio 2009, n. 14; f) quanto a 5 milioni di euro per l’anno 2015, mediante utilizzo delle risorse di cui all’articolo 1, comma 38, secondo periodo, della legge 27 dicembre 2013, n. 147, che sono ridotte di 5 milioni di euro per l’anno 2015; g) quanto a 11 milioni di euro per l’anno 2015, mediante corrispondente riduzione dello stanziamento del fondo speciale di parte corrente iscritto, ai fini del bilancio triennale 2015-2017, nell’ambito del programma «Fondi di riserva e speciali» della missione «Fondi da ripartire» dello stato di previsione del Ministero dell’economia e delle finanze per l’anno 2015, allo scopo parzialmente utilizzando l’accantonamento relativo al Ministero dell’economia e delle finanze per 1,347 milioni di euro, l’accantonamento relativo al Ministero della giustizia per 8 milioni di euro, l’accantonamento relativo al Ministero degli affari esteri e della cooperazione internazionale per 0,653 milioni di euro e l’accantonamento relativo al Ministero dell’ambiente e della tutela del territorio per 1 milione di euro; h) quanto a 85 milioni di euro per ciascuno degli anni 2015 e 2016, e a 30 milioni di euro per l’anno 2017, mediante corrispondente riduzione dello stanziamento del fondo speciale di conto capitale iscritto, ai fini del bilancio triennale 2015-2017, nell’ambito del programma «Fondi di riserva e speciali» della missione «Fondi da ripartire» dello stato di previsione del Ministero dell’economia e delle finanze per l’anno 2015, allo scopo parzialmente utilizzando l’accantonamento relativo al Ministero dell’economia e delle finanze per 53 milioni di euro per l’anno 2015, 68 milioni per l’anno 2016 e 30 milioni di euro per l’anno 2017; l’accantonamento relativo al Ministero del lavoro e delle politiche sociali per 14 milioni di euro per l’anno 2015 e 17 milioni di euro per l’anno 2016; l’accantonamento relativo al Ministero dell’interno per 10 milioni di euro per l’anno 2015; l’accantonamento relativo al Ministero dell’ambiente e della tutela del territorio e del mare per 2 milioni di euro per l’anno 2015; l’accantonamento relativo al Ministero della salute per 6 milioni di euro per l’anno 2015; i) quanto a 45 milioni di euro per l’anno 2016 mediante riduzione della dotazione del fondo relativo alle esigenze indifferibili che si manifestano nel corso della gestione di cui all’articolo 1, comma 200, della legge 23 dicembre 2014, n. 190; l) quanto a 7,9 milioni di euro per l’anno 2015, mediante utilizzo delle risorse di cui all’articolo 19-ter, comma 16, lettera e), del decreto-legge 25 settembre 2009, n. 135, convertito, con modificazioni, dalla legge 20 novembre 2009, n. 166; m) quanto a 123,6 milioni di euro per l’anno 2015 mediante corrispondente utilizzo delle ulteriori economie accertate, relative al medesimo anno 2015, a seguito dell’attivita’ di monitoraggio e verifica concernente le complessive misure di salvaguardia dall’incremento dei requisiti di accesso al sistema pensionistico stabilito dall’articolo 24 del decreto-legge 6 dicembre 2011, n. 201, convertito, con modificazioni, dalla legge 22 dicembre 2011, n. 214 e per le quali la certificazione del diritto al beneficio e’ da ritenersi conclusa rispetto a quanto utilizzato ai sensi dell’articolo 13, comma 1, secondo periodo, del presente decreto. E’ corrispondentemente ridotto per l’anno 2015 lo stanziamento del capitolo 4236 dello stato di previsione del Ministero del lavoro e delle politiche sociali; n) quanto a 0,5 milioni di euro per l’anno 2015 e 1,9 milioni di euro per l’anno 2016 mediante corrispondente riduzione del fondo per la compensazione degli effetti finanziari non previsti a legislazione vigente conseguenti all’attualizzazione di contributi pluriennali, di cui all’articolo 6, comma 2, del decreto-legge 7 ottobre 2008, n. 154, convertito, con modificazioni, dalla legge 4 dicembre 2008, n. 189, e successive modificazioni. 2. Ai fini dell’immediata attuazione delle disposizioni recate dal presente decreto, il Ministro dell’economia e delle finanze e’ autorizzato ad apportare con propri decreti, da adottare entro 10 giorni dall’entrata in vigore del presente decreto, le occorrenti variazioni di bilancio, anche in conto residui. Ove necessario, previa richiesta dell’amministrazione competente, il Ministero dell’economia e delle finanze puo’ disporre il ricorso ad anticipazioni di tesoreria, la cui regolarizzazione avviene tempestivamente con l’emissione di ordini di pagamento sui pertinenti capitoli di spesa. 
Art. 18
Entrata in vigore 
1. Il presente decreto entra in vigore il giorno stesso della sua pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana e sara’ presentato alle Camere per la conversione in legge. 

Capo I 
Misure finanziarie urgenti per far fronte ad esigenze in areeterritoriali
Avvertenza: Il testo coordinato qui pubblicato e’ stato redatto dal Ministero della giustizia ai sensi dell’art. 11, comma 1, del testo unico delle disposizioni sulla promulgazione delle leggi, sull’emanazione dei decreti del Presidente della Repubblica e sulle pubblicazioni ufficiali della Repubblica italiana, approvato con D.P.R. 28 dicembre 1985, n. 1092, nonche’ dell’art. 10, comma 3, del medesimo testo unico, al solo fine di facilitare la lettura sia delle disposizioni del decreto-legge, integrate con le modifiche apportate dalla legge di conversione, che di quelle richiamate nel decreto, trascritte nelle note. Restano invariati il valore e l’efficacia degli atti legislativi qui riportati. Le modifiche apportate dalla legge di conversione sono stampate con caratteri corsivi. Tali modifiche sono riportate in video tra i segni (( … )). A norma dell’art. 15, comma 5, della legge 23 agosto 1988, n. 400 (Disciplina dell’attivita’ di Governo e ordinamento della Presidenza del Consiglio dei ministri), le modifiche apportate dalla legge di conversione hanno efficacia dal giorno successivo a quello della sua pubblicazione. 

Art. 1 Disposizioni urgenti in materia di bonifica ambientale e rigenerazione urbana del comprensorio Bagnoli-Coroglio 
1. Ai fini della prima fase del programma di bonifica ambientale e di rigenerazione urbana dell’area di rilevante interesse nazionale nel comprensorio di Bagnoli-Coroglio, di cui all’articolo 33, commi 3, 6, 8, 10 e 12 del decreto-legge 12 settembre 2014, n. 133, convertito, con modificazioni, dalla legge 11 novembre 2014, n. 164, sono trasferiti immediatamente al Soggetto Attuatore 50 milioni di euro per l’anno 2015.

Art. 2Interventi straordinari per la Regione Campania 
1. Al fine di dare esecuzione alle sentenze della Corte di Giustizia dell’Unione europea del 4 marzo 2010 (causa C-297/2008) e del 16 luglio 2015 (causa C-653/13), il Presidente della Regione Campania predispone un piano straordinario d’interventi riguardanti: a) lo smaltimento, ove occorra anche attraverso la messa in sicurezza permanente in situ, dei rifiuti in deposito nei diversi siti della Regione Campania risalenti al periodo emergenziale 2000/2009 e comunque non oltre il 31 dicembre 2009; b) la bonifica, la riqualificazione ambientale e il ripristino dello stato dei luoghi dei siti di cui alla lettera a) non interessati dalla messa in sicurezza permanente e l’eventuale restituzione delle aree attualmente detenute in locazione ovvero ad altro titolo. 2. Il piano di cui al comma 1, comprensivo del cronoprogramma, e’ approvato, entro trenta giorni dalla data di entrata in vigore del presente decreto, dai competenti organi regionali e costituisce variante del vigente Piano regionale di gestione dei rifiuti. Il piano approvato e’ immediatamente trasmesso alla Presidenza del Consiglio dei ministri e ai Ministeri dell’ambiente della tutela del territorio e del mare e dell’economia e delle finanze per le valutazioni di competenza che sono rese entro 20 giorni dal ricevimento. Il Piano e’ successivamente inviato dalla Presidenza del Consiglio dei ministri alla Commissione europea. 3. Ai procedimenti per il rilascio dei provvedimenti autorizzatori, ove occorrenti per l’attuazione dei singoli interventi, si applicano le disposizioni in materia di conferenza di servizi e di termini di conclusione dei procedimenti di cui all’articolo 1, comma 2, del decreto-legge 26 novembre 2010, n. 196, convertito, con modificazioni, dalla legge 24 gennaio 2011, n. 1. 4. Ai fini del finanziamento del Piano di cui al comma 1, e’ istituito presso il Ministero dell’economia e delle finanze un Fondo con una dotazione di 150 milioni di euro per l’anno 2015, di cui 70 milioni sono immediatamente trasferiti alla Regione Campania per le finalita’ di cui al comma 7 e i restanti 80 milioni sono trasferiti al bilancio autonomo della Presidenza del Consiglio dei ministri per essere successivamente trasferiti alla Regione Campania sulla base dell’attuazione del cronoprogramma come certificata dal Presidente della Regione. 5. Con decreto del Presidente del Consiglio dei ministri, su proposta del Ministro dell’economia e delle finanze, sono disciplinate le modalita’ di rendicontazione delle spese sostenute a carico delle risorse del Fondo di cui al comma 4. 6. In caso di mancata approvazione del Piano entro il termine di cui al comma 2 ovvero di mancato rispetto del cronoprogramma dell’attivita’, si applica l’articolo 41 della legge 24 dicembre 2012, n. 234. Rimane impregiudicata ogni questione riguardante le sentenze di cui al comma 1. 7. In via d’urgenza, anche nelle more dell’approvazione del piano di cui al comma 1, il Presidente della Regione Campania predispone e attua, previa approvazione della Giunta regionale, un primo stralcio operativo d’interventi per lo smaltimento di una quota non superiore al trenta per cento dei rifiuti di cui al comma 1, lettera a), mediante rimozione, trasporto e smaltimento, nonche’ mediante recupero energetico, presso impianti nazionali ed esteri, nel rispetto della normativa nazionale ed europea. A tale scopo, la Regione Campania e’ autorizzata, ove necessario, all’utilizzo diretto delle risorse del fondo nei limiti di cui al comma 4. 8. Alle procedure di gara per l’attuazione degli interventi di cui al presente articolo si applica il Protocollo stipulato dall’Autorita’ nazionale anticorruzione e dalla Regione Campania. 

Art. 3 Finanziamento per Comune Reggio Calabria 
1. In considerazione di quanto previsto dall’articolo 6, comma 5, del decreto-legge 19 giugno 2015, n. 78, convertito, con modificazioni, dalla legge 6 agosto 2015, n. 125, per l’anno 2015 e’ attribuito al Comune di Reggio Calabria un contributo di 10.329.479,56 euro a ristoro dei rimborsi dell’anno 2015 delle anticipazioni erogate in favore del medesimo comune a valere sulla «Sezione per assicurare la liquidita’ per pagamenti dei debiti certi, liquidi ed esigibili degli enti locali» del Fondo di cui all’articolo 1, comma 10, del decreto-legge 8 aprile 2013, n. 35, convertito, con modificazioni, dalla legge 6 giugno 2013, n. 64. 

Art. 4 Rifinanziamento fondo emergenze nazionali 
1. La dotazione del Fondo per le emergenze nazionali di cui all’articolo 5, comma 5-quinquies, della legge 24 febbraio 1992, n. 225, come rideterminata dalla tabella C della legge 23 dicembre 2014, n. 190, e’ incrementata di 50 milioni di euro per l’anno 2015. (( 1-bis. Al comma 694 dell’articolo 1 della legge 23 dicembre 2014, n. 190, e’ aggiunto, in fine, il seguente periodo: «All’assegnazione della quota di risorse destinate all’opera di ricostruzione e alla ripresa economica dei territori della regione Sardegna, di cui al periodo precedente, si provvede ai sensi della lettera e) del comma 2 dell’articolo 5 della legge 24 febbraio 1992, n. 225, e successive modificazioni». ))

Capo II 
Disposizioni finanziarie urgenti per manifestazioni ed eventi

Art. 5Iniziative per la valorizzazione dell’area utilizzata per l’Expo 
1. Per le iniziative relative alla partecipazione dello Stato nell’attivita’ di valorizzazione delle aree in uso alla Societa’ Expo S.p.a., anche mediante partecipazione al capitale della societa’ proprietaria delle stesse, e’ autorizzata la spesa di 50 milioni di euro per l’anno 2015. 2. Nell’ambito delle iniziative di cui al comma precedente, e’ attribuito all’Istituto italiano di tecnologia (IIT) un primo contributo dell’importo di 80 milioni di euro per l’anno 2015 per la realizzazione di un progetto scientifico e di ricerca, sentiti gli enti territoriali e le principali istituzioni scientifiche interessate, da attuarsi anche utilizzando parte delle aree in uso a EXPO S.p.a. ove necessario previo loro adattamento. IIT elabora un progetto esecutivo che e’ approvato con decreto del Presidente del Consiglio dei ministri, su proposta del Ministro dell’economia e delle finanze. 3. Le iniziative finalizzate alla valorizzazione delle aree di cui al comma 1 e le relative modalita’ attuative sono definite con decreto del Presidente del Consiglio dei ministri, su proposta del Ministro dell’economia e delle finanze. La Presidenza del Consiglio dei ministri puo’ avvalersi del supporto tecnico di Cassa depositi e prestiti S.p.a. 4. E’ autorizzato, per l’anno 2015, un contributo dello Stato dell’importo di 20 milioni di euro per il concorso agli oneri di sicurezza sostenuti dalla Societa’ Expo S.p.a. in ragione della qualifica di sito sensibile per la durata dell’evento. 5. Al fine di accelerarne la messa a disposizione e l’effettiva utilizzabilita’, le risorse finalizzate alla realizzazione della riqualificazione tranvia extraurbana Milano-Limbiate, 1 lotto funzionale, sono revocate e destinate, anche in attuazione dell’articolo 1, comma 101, della legge 27 dicembre 2013, n. 147, alla Societa’ Expo S.p.a. per fare fronte al mancato contributo della Provincia di Milano.

Art. 6 Interventi per il Giubileo 
1. Nello stato di previsione del Ministero dell’economia e delle finanze e’ istituito un Fondo per la realizzazione degli interventi Giubilari, con priorita’ per la mobilita’, il decoro urbano e la riqualificazione delle periferie, con la dotazione di 94 milioni di euro per l’anno 2015 e di 65 milioni di euro per l’anno 2016. Il Fondo e’ ripartito annualmente con uno o piu’ decreti del Presidente del Consiglio dei ministri. Le risorse del Fondo non utilizzate alla chiusura dell’esercizio 2015 sono utilizzate nell’esercizio successivo. 2. Al fine di incrementare l’offerta del servizio ferroviario regionale da e verso la stazione di Roma San Pietro e di potenziare il sistema dei servizi sanitari, in particolare gli interventi di emergenza, in concomitanza al Giubileo straordinario della Misericordia, e’ attribuito alla Regione Lazio un contributo di 47 milioni di euro per l’anno 2015, di cui 17 milioni per il potenziamento del servizio ferroviario regionale e 30 milioni per il sistema dei servizi sanitari. 

Art. 7 Misure urgenti per il presidio del territorio in occasione del Giubileo 
1. Al fine di corrispondere alle esigenze di sicurezza connesse allo svolgimento del Giubileo straordinario della Misericordia e di quelle di alcune specifiche aree del territorio nazionale, il contingente di cui all’articolo 5-bis, comma 1, del decreto-legge 19 giugno 2015, n. 78, convertito, con modificazioni, dalla legge 6 agosto 2015, n. 125, limitatamente ai servizi di vigilanza a siti e obiettivi sensibili, e’ incrementato fino a 1.500 unita’ a partire dal 16 novembre 2015 e fino al 30 giugno 2016. Si applicano le disposizioni di cui all’articolo 7-bis, commi 1, 2 e 3, del decreto-legge 23 maggio 2008, n. 92, convertito, con modificazioni, dalla legge 24 luglio 2008, n. 125. L’impiego del predetto contingente e’ consentito nei limiti della spesa autorizzata ai sensi del comma 2. 2. Ai fini dell’attuazione del comma 1 e’ autorizzata la spesa di euro 3.764.789 per l’anno 2015 per il personale di cui al comma 74 dell’articolo 24 del decreto-legge 1° luglio 2009, n. 78, convertito, con modificazioni, dalla legge 3 agosto 2009, n. 102, nonche’ di euro 14.312.000 per l’anno 2016 con specifica destinazione di euro 14.012.000 per il personale di cui al comma 74 e di euro 300.000 per il personale di cui al comma 75, dell’articolo 24, del decreto-legge 1° luglio 2009, n. 78, convertito, con modificazioni, dalla legge 3 agosto 2009, n. 102. 3. Per le contingenti esigenze di tutela dell’ordine e della sicurezza pubblica connesse all’imminente svolgimento del Giubileo straordinario della Misericordia, in deroga a quanto previsto dall’articolo 55, comma 1, del decreto del Presidente della Repubblica 24 aprile 1982, n. 335, e fatto salvo l’articolo 88, ultimo comma, della legge 1° aprile 1981, n. 121, i trasferimenti del personale del ruolo assistenti e agenti della Polizia di Stato possono essere disposti, a domanda, anche se il dipendente non abbia maturato il requisito della permanenza, ininterrottamente per quattro anni, nella stessa sede di servizio. 4. Con provvedimento del Capo della Polizia – Direttore Generale della Pubblica Sicurezza sono definite le modalita’ attuative del comma 3. (( 4-bis. All’articolo 1, comma 5, della legge 31 dicembre 2012, n. 244, e’ aggiunto, in fine, il seguente periodo: «Una quota parte non superiore al 50 per cento dei risparmi di spesa di parte corrente di natura permanente, di cui all’articolo 4, comma 1, lettere c) e d), della presente legge, anche tenuto conto di quanto previsto dall’articolo 3, comma 155, ultimo periodo, della legge 24 dicembre 2003, n. 350, e successive modificazioni, e’ utilizzata per adottare, entro il 1° luglio 2017, ulteriori disposizioni integrative, con le medesime procedure di cui al comma 3 del presente articolo, al fine di assicurare la sostanziale equiordinazione nel rispetto dei principi di cui agli articoli 2, comma 1, e 3, comma 3, della legge 6 marzo 1992, n. 216, e dei criteri direttivi di cui all’articolo 8, comma 1, lettera a), numero 1), della legge 7 agosto 2015, n. 124». ))

Art. 8 Made in Italy 
1. Per il potenziamento delle misure straordinarie per le imprese previste dall’articolo 30 del decreto-legge 12 settembre 2014, n. 133, convertito con modificazioni, dalla legge 11 novembre 2014, n. 164, sono stanziati ulteriori 10 milioni di euro per l’esercizio finanziario 2015 destinati ad integrare le attivita’ del Piano di promozione straordinaria del Made in Italy. 2. I fondi sono destinati alle misure di cui al comma 2, lettere b) ed f) dell’articolo 30 del decreto-legge 12 settembre 2014, n. 133, convertito, con modificazioni, dalla legge 11 novembre 2014, n. 164, in particolare quanto ad euro 2 milioni per il supporto alle piu’ rilevanti manifestazioni fieristiche italiane di livello internazionale e quanto ad euro 8 milioni per la realizzazione di campagne di promozione strategica nei mercati piu’ rilevanti e di contrasto al fenomeno dell’Italian sounding. 3. L’ICE – Agenzia per la promozione all’estero e l’internazionalizzazione delle imprese italiane provvede alla realizzazione delle misure di cui al comma 2 nell’esercizio delle proprie competenze istituzionali, ai sensi dell’articolo 30, comma 3, del decreto-legge n. 133 del 2014. 

Capo III 
Disposizioni finanziarie urgenti in materia di infrastrutture e trasporti

Art. 9 Revoca finanziamenti interventi non attuati e abrogazioni procedure per aeroporti 
1. Al fine di garantire l’utilizzo delle risorse stanziate e di accelerare la realizzazione di opere valutate di interesse pubblico generale, all’articolo 3 del decreto-legge 12 settembre 2014, n. 133, convertito, con modificazioni, dalla legge 11 novembre 2014, n. 164, sono apportate le seguenti modificazioni: a) dopo il comma 3, e’ inserito il seguente: «3-bis. Ai fini della revoca dei finanziamenti di cui ai commi 5 e 6, le condizioni di appaltabilita’ e di cantierabilita’ si realizzano quando i relativi adempimenti, previsti dai decreti di cui al comma 2, sono compiuti entro il 31 dicembre dell’anno dell’effettiva disponibilita’ delle risorse necessarie ai fini rispettivamente corrispondenti.»; b) al comma 5 le parole: «dei termini fissati al comma 2 lettere a), b) e c) per l’appaltabilita’ e la cantierabilita’ delle opere» sono sostituite dalle seguenti: «delle condizioni fissate dal comma 3-bis» ed in fine sono aggiunte le seguenti: «secondo le tabelle di finanziamento allegate ai decreti di cui al comma 2». 2. Le disposizioni di cui al comma 1 hanno effetto per gli interventi finanziati a decorrere dall’esercizio finanziario 2014. Sono fatti salvi gli effetti degli adempimenti gia’ compiuti alla data di entrata in vigore del presente decreto. 3. Il comma 3-bis, dell’articolo 71, del decreto-legge 24 gennaio 2012, n. 1, convertito, con modificazioni, dalla (( legge 24 marzo 2012, n. 27 )), e’ abrogato. 

Art. 10Continuita’ territoriale 
1. Al fine di garantire un completo ed efficace sistema di collegamenti aerei da e per la Sardegna, che consenta la riduzione dei disagi derivanti dalla condizione di insularita’ e assicuri la continuita’ del diritto alla mobilita’ anche ai passeggeri non residenti, e’ attribuita alla Regione Sardegna la somma di euro 30 milioni per l’anno 2015. Le predette risorse non rilevano per l’anno 2015 tra le entrate finali del saldo di cui al comma 463 dell’articolo 1 della legge 23 dicembre 2014, n. 190. Le spese effettuate nel 2016 a valere sulle risorse attribuite nel 2015 di cui al primo periodo sono escluse dai vincoli di finanza pubblica. 2. Le risorse di cui al comma 1 sono impiegate in osservanza alle vigenti disposizioni europee e nazionali in materia di oneri di servizio pubblico nei collegamenti aerei infracomunitari. (( 2-bis. Al comma 2 dell’articolo 31-bis del decreto-legge 12 settembre 2014, n. 133, convertito, con modificazioni, dalla legge 11 novembre 2014, n. 164, le parole: «un anno» sono sostituite dalle seguenti: «due anni». 2-ter. Al fine di non compromettere la continuita’ dei servizi ferroviari a media e lunga percorrenza rientranti nel perimetro del servizio universale del trasporto ferroviario di interesse nazionale, per l’anno 2016, i servizi ferroviari gia’ oggetto del contratto di servizio con Trenitalia S.p.a. continuano ad essere affidati alla medesima societa’. Il Ministero dell’economia e delle finanze e’ autorizzato a corrispondere a Trenitalia S.p.a. i corrispettivi previsti a carico del bilancio dello Stato per i servizi resi in esecuzione del predetto contratto per gli anni 2015 e 2016. ))

Art. 11Spazi finanziari per interventi nel settore delle linee metropolitane 
1. Per l’esercizio finanziario 2015, ai comuni che hanno effettuato pagamenti nell’anno 2015 con risorse proprie in cofinanziamento per interventi relativi a linee metropolitane approvati dal Comitato interministeriale per la programmazione economica nel trasporto (CIPET) ai sensi dell’articolo 5, comma 1, della legge 26 febbraio 1992, n. 211, ai fini degli adempimenti di cui all’articolo 2 della legge 29 dicembre 1969, n. 1042, sono attribuiti spazi finanziari ai fini del patto di stabilita’ interno, pari a complessivi 50 milioni di euro. 2. L’ammontare degli spazi attribuiti a ciascun comune e’ determinato con decreto del Ministro dell’economia e delle finanze, in proporzione ai pagamenti di cui al comma 1. A tal fine, entro il termine perentorio di 8 giorni successivi all’entrata in vigore del presente decreto-legge i comuni comunicano, mediante l’applicativo web del patto di stabilita’ interno, i pagamenti sostenuti nell’anno 2015. Qualora la richiesta complessiva risulti superiore agli spazi disponibili, gli spazi sono attribuiti in misura proporzionale alle singole richieste. (( 2-bis. Le misure gia’ previste dall’articolo 1, comma 294, della legge 23 dicembre 2014, n. 190, per gli anni 2016 e 2017 sono disciplinate dai commi seguenti. 2-ter. Le risorse di cui al citato comma 294 dell’articolo 1 della legge n. 190 del 2014 sono attribuite dal Ministero delle infrastrutture e dei trasporti alle imprese ferroviarie a compensazione dei costi supplementari per l’utilizzo dell’infrastruttura ferroviaria, inclusi quelli relativi al traghettamento ferroviario delle merci e ai servizi ad esso connessi, sostenuti dal trasporto ferroviario, con esclusione di ogni altra modalita’ di trasporto concorrente piu’ inquinante, per l’effettuazione di trasporti delle merci, compresi quelli transfrontalieri, aventi origine o destinazione nelle regioni Abruzzo, Molise, Lazio, Campania, Puglia, Basilicata, Calabria, Sardegna e Sicilia. La predetta compensazione e’ determinata proporzionalmente ai treni/km sviluppati dalle imprese ferroviarie da e per le destinazioni sopraindicate. Le risorse non attribuite alle imprese ferroviarie ai sensi del secondo periodo del presente comma sono destinate, nei limiti degli stanziamenti esistenti, al riconoscimento di un contributo alle imprese ferroviarie che effettuano i trasporti di merci per ferrovia sull’intera infrastruttura ferroviaria nazionale, in misura non superiore al valore di 2,5 euro a treno/km. Detto contributo, che tiene conto dei minori costi esterni rispetto ai trasporti in modalita’ stradale, e’ ripartito fra le imprese aventi diritto in maniera proporzionale ai treni/km effettuati. Con decreto del Ministero delle infrastrutture e dei trasporti sono disciplinate le modalita’ di calcolo e di attuazione delle misure di cui al presente comma. 2-quater. All’articolo 1, comma 294, della legge 23 dicembre 2014, n. 190, il quinto periodo e’ sostituito dal seguente: «Con decreto del Ministero delle infrastrutture e dei trasporti sono disciplinate le modalita’ di calcolo e di attuazione delle misure di cui al presente comma» e l’ultimo periodo e’ soppresso. ))

Capo IV 
Disposizioni finanziarie urgenti in ambito sociale e culturale
Art. 12 Misure finanziarie urgenti per interventi in materia di servizio civile nazionale 
1. Al fine di aumentare il numero dei volontari da avviare al servizio civile nazionale, la dotazione del Fondo nazionale per il servizio civile di cui all’articolo 19 della legge 8 luglio 1998, n. 230, come rideterminata dalla tabella C della legge 23 dicembre 2014, n. 190, e’ incrementato di 100 milioni di euro per l’anno 2015. 

Art. 13 Rifinanziamento per l’anno 2015 del Fondo sociale per l’occupazione e la formazione 
1. Per l’anno 2015, il Fondo sociale per occupazione e formazione di cui all’articolo 18, comma 1, lettera a), del decreto-legge 29 novembre 2008, n. 185, convertito, con modificazioni, dalla legge 28 gennaio 2009, n. 2, e’ incrementato di 400 milioni di euro, anche ai fini del finanziamento degli ammortizzatori sociali in deroga di cui all’articolo 2, commi 64, 65 e 66, della legge 28 giugno 2012, n. 92, e successive modificazioni. Agli oneri derivanti dal primo periodo del presente comma si provvede mediante corrispondente utilizzo delle economie accertate, relative al medesimo anno 2015, a seguito dell’attivita’ di monitoraggio e verifica concernente le complessive misure di salvaguardia dall’incremento dei requisiti di accesso al sistema pensionistico stabilito dall’articolo 24 del decreto-legge 6 dicembre 2011, n. 201, convertito, con modificazioni, dalla legge 22 dicembre 2011, n. 214 e per le quali la certificazione del diritto al beneficio e’ da ritenersi conclusa. E’ corrispondentemente ridotto per l’anno 2015 lo stanziamento del capitolo 4236 dello stato di previsione del Ministero del lavoro e delle politiche sociali. (( 1-bis. Per consentire il completamento delle procedure di cui all’articolo 1, comma 207, terzo periodo, della legge 27 dicembre 2013, n. 147, da concludere inderogabilmente entro il 31 dicembre 2016, e’ autorizzata la spesa di 50 milioni di euro per l’anno 2016, a titolo di compartecipazione dello Stato. La regione Calabria dispone con legge regionale la copertura finanziaria a carico del bilancio della regione medesima degli ulteriori oneri necessari per l’attuazione di quanto previsto dal periodo precedente e assicura la compatibilita’ dell’intervento con il raggiungimento dei propri obiettivi di finanza pubblica. All’onere derivante dal primo periodo del presente comma, pari a 50 milioni di euro per l’anno 2016, si provvede mediante destinazione, per il medesimo anno 2016, per la finalita’ di cui al primo periodo del presente comma, delle risorse di cui all’articolo 1, comma 1156, lettera g-bis), della legge 27 dicembre 2006, n. 296. ))

Art. 14Interventi in materia di edilizia residenziale pubblica 
1. Al fine di incentivare il programma di recupero di immobili e alloggi di edilizia residenziale pubblica anche per prevenire fenomeni di occupazione abusiva, e’ autorizzata la spesa di 25 milioni di euro per l’anno 2015 da ripartire sulla base del programma redatto ai sensi dell’articolo 4 del decreto-legge 28 marzo 2014, n. 47, convertito con modificazioni, dalla legge 23 maggio 2014, n. 80. 

Art. 15 Misure urgenti per favorire la realizzazione di impianti sportivi nelle periferie urbane 
1. Ai fini del potenziamento dell’attivita’ sportiva agonistica nazionale e dello sviluppo della relativa cultura in aree svantaggiate e zone periferiche urbane, con l’obiettivo di rimuovere gli squilibri economico sociali e incrementare la sicurezza urbana, e’ istituito sullo stato di previsione del Ministero dell’economia e delle finanze, per il successivo trasferimento al bilancio autonomo della Presidenza del Consiglio dei ministri, il Fondo «Sport e Periferie» da trasferire al Comitato olimpico nazionale italiano (CONI). A tal fine e’ autorizzata la spesa complessiva di 100 milioni di euro nel triennio 2015-2017, di cui 20 milioni nel 2015, 50 milioni di euro nel 2016 e 30 milioni di euro nel 2017. 2. Il Fondo e’ finalizzato ai seguenti interventi: a) ricognizione degli impianti sportivi esistenti sul territorio nazionale; b) realizzazione e rigenerazione di impianti sportivi con destinazione all’attivita’ agonistica nazionale, localizzati nelle aree svantaggiate del Paese e nelle periferie urbane e diffusione di attrezzature sportive nelle stesse aree con l’obiettivo di rimuovere gli squilibri economici e sociali ivi esistenti; c) completamento e adeguamento di impianti sportivi esistenti, con destinazione all’attivita’ agonistica nazionale e internazionale; d) attivita’ e interventi finalizzati alla presentazione e alla promozione della candidatura di Roma 2024. 3. Per la realizzazione degli interventi di cui al comma 2, il CONI presenta alla Presidenza del Consiglio dei ministri per l’approvazione, entro quindici giorni dalla data di entrata in vigore del presente decreto, un piano riguardante i primi interventi urgenti e, entro trenta giorni dalla data di entrata in vigore della legge di conversione del presente decreto, il piano pluriennale degli interventi, che puo’ essere rimodulato entro il 28 febbraio di ciascun anno. I piani sono approvati con decreto del Presidente del Consiglio dei ministri. Per la predisposizione e attuazione del piano pluriennale, il Comitato olimpico nazionale italiano puo’ avvalersi del personale in servizio presso altre pubbliche amministrazioni in possesso delle specifiche competenze tecniche in materia. 4. Il CONI presenta annualmente all’Autorita’ Vigilante una Relazione sull’utilizzo dei Fondi assegnati e sullo stato di realizzazione degli interventi finanziati con le risorse di cui al comma 1. (( L’Autorita’ Vigilante invia alle Camere la relazione di cui al periodo precedente )). 5. Per la realizzazione degli interventi previsti dal Piano di cui al comma 3, e’ possibile utilizzare le procedure semplificate di cui all’articolo 1 comma 304, della legge 27 dicembre 2013, n. 147. 6. Al di fuori degli interventi previsti dal Piano di cui al comma 3, le associazioni e le societa’ sportive senza fini di lucro possono presentare(( enti locali )), sul cui territorio insiste l’impianto sportivo da rigenerare, riqualificare o ammodernare, un progetto preliminare accompagnato da un piano di fattibilita’ economico finanziaria per la rigenerazione, la riqualificazione e l’ammodernamento e per la successiva gestione con la previsione di un utilizzo teso a favorire l’aggregazione sociale e giovanile. Se (( gli enti locali riconoscono )) l’interesse pubblico del progetto (( affidano )) la gestione gratuita dell’impianto all’associazione o alla societa’ sportiva per una durata proporzionalmente corrispondente al valore dell’intervento (( e comunque non inferiore a cinque anni )). 7. Le associazioni sportive o le societa’ sportive che hanno la gestione di un impianto sportivo pubblico possono aderire alle convenzioni Consip o di altro centro di aggregazione regionale per la fornitura di energia elettrica di gas o di altro combustibile al fine di garantire la gestione dello stesso impianto. 8. Per interventi di rigenerazione, ammodernamento, riqualificazione di impianti sportivi non previsti dal Piano di cui al comma 3, il Comune puo’ deliberare l’individuazione degli interventi promossi da associazioni sportive senza scopo di lucro, per l’applicazione dell’articolo 24 del decreto-legge 12 settembre 2014, n. 133, convertito, con modificazioni, dalla legge 11 novembre 2014, n. 164. 

Art. 16Misure urgenti per il cinema 
1. Per l’esercizio finanziario 2015, il limite massimo complessivo di spesa previsto all’articolo 8, comma 3, del decreto-legge 8 agosto 2013, n. 91, convertito, con modificazioni, dalla legge 7 ottobre 2013, n. 112, e successive modificazioni, e’ aumentato ad euro 140 milioni. 

Art. 17Disposizioni finanziarie 
1. Agli oneri derivanti dal presente decreto, ad esclusione di quelli a cui si provvede ai sensi dell’articolo 13, pari a 765,1 milioni di euro per l’anno 2015, a 129,3 milioni di euro per l’anno 2016 e 30 milioni di euro per l’anno 2017, si provvede: a) quanto a 483,8 milioni di euro per l’anno 2015, mediante riduzione delle dotazioni di competenza e di cassa relative alle missioni e ai programmi di spesa degli stati di previsione dei Ministeri come indicate nell’elenco allegato al presente decreto; b) quanto a 6 milioni di euro per l’anno 2015, mediante utilizzo delle risorse di cui all’articolo 5, comma 2, del decreto-legge 21 giugno 2013, n. 69, convertito, in legge, con modificazioni, dall’articolo 1, comma 1, della legge 9 agosto 2013, n. 98; c) quanto a 27,8 milioni di euro per l’anno 2015, mediante riduzione dell’autorizzazione di spesa di cui all’articolo 47, secondo comma, della legge 20 maggio 1985, n. 222, relativamente alla quota destinata allo Stato dell’otto per mille dell’imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF); d) quanto a 12 milioni di euro per l’anno 2015, mediante riduzione della dotazione del fondo relativo alle risorse finanziarie da destinare ad ulteriori occorrenze per l’attuazione del federalismo amministrativo di cui all’articolo 52, comma 8, della legge 23 dicembre 2000, n. 388; e) quanto a 3 milioni di euro per l’anno 2015, mediante riduzione dell’autorizzazione di spesa di cui all’articolo 41, comma 16-sexiesdecies, del decreto-legge 30 dicembre 2008, n. 207, convertito, con modificazioni, dalla legge 27 febbraio 2009, n. 14; f) quanto a 5 milioni di euro per l’anno 2015, mediante utilizzo delle risorse di cui all’articolo 1, comma 38, secondo periodo, della legge 27 dicembre 2013, n. 147, che sono ridotte di 5 milioni di euro per l’anno 2015; g) quanto a 11 milioni di euro per l’anno 2015, mediante corrispondente riduzione dello stanziamento del fondo speciale di parte corrente iscritto, ai fini del bilancio triennale 2015-2017, nell’ambito del programma «Fondi di riserva e speciali» della missione «Fondi da ripartire» dello stato di previsione del Ministero dell’economia e delle finanze per l’anno 2015, allo scopo parzialmente utilizzando l’accantonamento relativo al Ministero dell’economia e delle finanze per 1,347 milioni di euro, l’accantonamento relativo al Ministero della giustizia per 8 milioni di euro, l’accantonamento relativo al Ministero degli affari esteri e della cooperazione internazionale per 0,653 milioni di euro e l’accantonamento relativo al Ministero dell’ambiente e della tutela del territorio per 1 milione di euro; h) quanto a 85 milioni di euro per ciascuno degli anni 2015 e 2016, e a 30 milioni di euro per l’anno 2017, mediante corrispondente riduzione dello stanziamento del fondo speciale di conto capitale iscritto, ai fini del bilancio triennale 2015-2017, nell’ambito del programma «Fondi di riserva e speciali» della missione «Fondi da ripartire» dello stato di previsione del Ministero dell’economia e delle finanze per l’anno 2015, allo scopo parzialmente utilizzando l’accantonamento relativo al Ministero dell’economia e delle finanze per 53 milioni di euro per l’anno 2015, 68 milioni per l’anno 2016 e 30 milioni di euro per l’anno 2017; l’accantonamento relativo al Ministero del lavoro e delle politiche sociali per 14 milioni di euro per l’anno 2015 e 17 milioni di euro per l’anno 2016; l’accantonamento relativo al Ministero dell’interno per 10 milioni di euro per l’anno 2015; l’accantonamento relativo al Ministero dell’ambiente e della tutela del territorio e del mare per 2 milioni di euro per l’anno 2015; l’accantonamento relativo al Ministero della salute per 6 milioni di euro per l’anno 2015; i) quanto a 45 milioni di euro per l’anno 2016 mediante riduzione della dotazione del fondo relativo alle esigenze indifferibili che si manifestano nel corso della gestione di cui all’articolo 1, comma 200, della legge 23 dicembre 2014, n. 190; l) quanto a 7,9 milioni di euro per l’anno 2015, mediante utilizzo delle risorse di cui all’articolo 19-ter, comma 16, lettera e), del decreto-legge 25 settembre 2009, n. 135, convertito, con modificazioni, dalla legge 20 novembre 2009, n. 166; m) quanto a 123,6 milioni di euro per l’anno 2015 mediante corrispondente utilizzo delle ulteriori economie accertate, relative al medesimo anno 2015, a seguito dell’attivita’ di monitoraggio e verifica concernente le complessive misure di salvaguardia dall’incremento dei requisiti di accesso al sistema pensionistico stabilito dall’articolo 24 del decreto-legge 6 dicembre 2011, n. 201, convertito, con modificazioni, dalla legge 22 dicembre 2011, n. 214 e per le quali la certificazione del diritto al beneficio e’ da ritenersi conclusa rispetto a quanto utilizzato ai sensi dell’articolo 13, comma 1, secondo periodo, del presente decreto. E’ corrispondentemente ridotto per l’anno 2015 lo stanziamento del capitolo 4236 dello stato di previsione del Ministero del lavoro e delle politiche sociali; n) quanto a 0,5 milioni di euro per l’anno 2015 e 1,9 milioni di euro per l’anno 2016 mediante corrispondente riduzione del fondo per la compensazione degli effetti finanziari non previsti a legislazione vigente conseguenti all’attualizzazione di contributi pluriennali, di cui all’articolo 6, comma 2, del decreto-legge 7 ottobre 2008, n. 154, convertito, con modificazioni, dalla legge 4 dicembre 2008, n. 189, e successive modificazioni. 2. Ai fini dell’immediata attuazione delle disposizioni recate dal presente decreto, il Ministro dell’economia e delle finanze e’ autorizzato ad apportare con propri decreti, da adottare entro 10 giorni dall’entrata in vigore del presente decreto, le occorrenti variazioni di bilancio, anche in conto residui. Ove necessario, previa richiesta dell’amministrazione competente, il Ministero dell’economia e delle finanze puo’ disporre il ricorso ad anticipazioni di tesoreria, la cui regolarizzazione avviene tempestivamente con l’emissione di ordini di pagamento sui pertinenti capitoli di spesa. 

Art. 18Entrata in vigore 
1. Il presente decreto entra in vigore il giorno stesso della sua pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana e sara’ presentato alle Camere per la conversione in legge. 

Diventa autore di Diritto.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it  |  www.maggioliadv.it

Gruppo Maggioli
www.maggioli.it

Ricevi tutte le novità di Diritto della settimana 
in una pratica email  direttamente nella tua casella di posta elettronica!

Non abbandonare Diritto.it
senza iscriverti alla newsletter!