Legge 7/3/1996 n. 108

Legge 7/3/1996 n. 108

Redazione

Modifiche al codice penale

S.O. 9/3/1996 n. 58

Versione PDF del documento

1. L’articolo 644 del codice penale è sostituito dal seguente: "Art. 644. (Usura). Chiunque, fuori dei casi previsti dall’articolo 643, si fa dare o promettere, sotto qualsiasi forma, per sé o per altri, in corrispettivo di una prestazione di denaro o di altra utilità, interessi o altri vantaggi usurari, è punito con la reclusione da uno a sei anni e con la multa da euro 3.098 (lire sei milioni) a euro 15.493 (lire trenta milioni). Alla stessa pena soggiace chi, fuori del caso di concorso nel delitto previsto dal primo comma, procura a taluno una somma di denaro od altra utilità facendo dare o promettere, a sé o ad altri, per la mediazione, un compenso usurario. La legge stabilisce il limite oltre il quale gli interessi sono sempre usurari. Sono altresì usurari gli interessi, anche se inferiori a tale limite, e gli altri vantaggi o compensi che, avuto riguardo alle concrete modalità del fatto e al tasso medio praticato per operazioni similari, risultano comunque sproporzionati rispetto alla prestazione di denaro o di altra utilità, ovvero all’opera di mediazione, quando chi li ha dati o promessi si trova in condizioni di difficoltà economica o finanziaria. Per la determinazione del tasso di interesse usurario si tiene conto delle commissioni, remunerazioni a qualsiasi titolo e delle spese, escluse quelle per imposte e tasse, collegate alla erogazione del credito. Le pene per i fatti di cui al primo e secondo comma sono aumentate da un terzo alla metà: 1) se il colpevole ha agito nell’esercizio di una attività professionale, bancaria o di intermediazione finanziaria mobiliare; 2) se il colpevole ha richiesto in garanzia partecipazioni o quote societarie o aziendali o proprietà immobiliari; 3) se il reato è commesso in danno di chi si trova in stato di bisogno; 4) se il reato è commesso in danno di chi svolge attività imprenditoriale, professionale o artigianale; 5) se il reato è commesso da persona sottoposta con provvedimento definitivo alla misura di prevenzione della sorveglianza speciale durante il periodo previsto di applicazione e fino a tre anni dal momento in cui è cessata l’esecuzione. Nel caso di condanna, o di applicazione di pena ai sensi dell’articolo 444 del codice di procedura penale, per uno dei delitti di cui al presente articolo, è sempre ordinata la confisca dei beni che costituiscono prezzo o profitto del reato ovvero di somme di denaro, beni ed utilità di cui il reo ha la disponibilità anche per interposta persona per un importo pari al valore degli interessi o degli altri vantaggi o compensi usurari, salvi i diritti della persona offesa dal reato alle restituzioni e al risarcimento dei danni".
2. L’articolo 644-bis del codice penale è abrogato.

 

1. Il Ministro del tesoro, sentiti la Banca d’Italia e l’Ufficio italiano dei cambi, rileva trimestralmente il tasso effettivo globale medio, comprensivo di commissioni, di remunerazioni a qualsiasi titolo e spese, escluse quelle per imposte e tasse, riferito ad anno, degli interessi praticati dalle banche e dagli intermediari finanziari iscritti negli elenchi tenuti dall’Ufficio italiano dei cambi e dalla Banca d’Italia ai sensi degli articoli 106 e 107 del decreto legislativo 1º settembre 1993, n. 385, nel corso del trimestre precedente per operazioni della stessa natura. I valori medi derivanti da tale rilevazione, corretti in ragione delle eventuali variazioni del tasso ufficiale di sconto successive al trimestre di riferimento, sono pubblicati senza ritardo nella Gazzetta Ufficiale. (1)
2. La classificazione delle operazioni per categorie omogenee, tenuto conto della natura, dell’oggetto, dell’importo, della durata, dei rischi e delle garanzie è effettuata annualmente con decreto del Ministro del tesoro, sentiti la Banca d’Italia e l’Ufficio italiano dei cambi e pubblicata senza ritardo nella Gazzetta Ufficiale. (2)
3. Le banche e gli intermediari finanziari di cui al comma 1 ed ogni altro ente autorizzato alla erogazione del credito sono tenuti ad affiggere nella rispettiva sede, e in ciascuna delle proprie dipendenze aperte al pubblico, in modo facilmente visibile, apposito avviso contenente la classificazione delle operazioni e la rilevazione dei tassi previsti nei commi 1 e 2.
4. Il limite previsto dal terzo comma dell’articolo 644 del codice penale, oltre il quale gli interessi sono sempre usurari, è stabilito nel tasso medio risultante dall’ultima rilevazione pubblicata nella Gazzetta Ufficiale ai sensi del comma 1 relativamente alla categoria di operazioni in cui il credito è compreso, aumentato di un quarto, cui si aggiunge un margine di ulteriori quattro punti percentuali. La differenza tra il limite e il tasso medio non puo’ essere superiore a otto punti percentuali. (3)
———

(1) Per la rilevazione dei tassi globali medi vedasi il D.M. 22 marzo 1997, il D.M.24 giugno 1997, il D.M. 25 settembre 1997, il D.M. 23 dicembre 1997, il D.M. 23marzo 1998, il D.M. 24 giugno 1998, il D.M. 24 settembre 1998, il D.M. 21 dicembre1998, il D.M. 26 marzo 1999, il D.M. 19 giugno 1999, il D.M. 22 settembre 1999, ilD.M. 20 dicembre 1999, il D.M. 23 marzo 2000, il D.M. 23 giugno 2000, il D.M. 21settembre 2000, il D.M. 20 dicembre 2000, il D.M. 23 marzo 2001, il D.M. 22 giugno2001, il D.Dirig. 21 settembre 2001, il D.Dirig. 14 dicembre 2001, il D. Dirett. 22marzo 2002, il D.Dirett. 19 giugno 2002, il D. Dirett. 18 settembre 2002, il D.M. 20dicembre 2002, il Decr. 25 marzo 2003, il Decr. 23 giugno 2003, il Decr. 19 settembre2003, il Decr. 18 dicembre 2003, il Decr. 17 marzo 2004, il Decr. 22 giugno 2004, ilDecr. 17 settembre 2004, il Decr. 17 dicembre 2004, il Decr. 17 marzo 2005, il Decr. 15giugno 2005, il Decr. 21 settembre 2005, il Decr. 20 dicembre 2005, il Decr. 15 marzo2006, il Decr. 21 giugno 2006, il Decr. 21 settembre 2006, il Decr. 19 dicembre 2006, ilDecr. 20 marzo 2007, il Decr. 20 giugno 2007, il Decr. 19 settembre 2007, il Decr. 20dicembre 2007, il Decr. 18 marzo 2008, il Decr. 23 giugno 2008, il Decr. 24 settembre2008, il Decr. 19 dicembre 2008, il Decr. 26 marzo 2009, il Decr. 24 giugno 2009, ilDecr. 24 settembre 2009 e il Decr. 24 dicembre 2009.
(2) Per la classificazione delle operazioni creditizie vedasi il D.M. 23 settembre1996, il D.M. 24 settembre 1997, il D.M. 22 settembre 1998, modificato dal D.M. 4aprile 2001, il D.M. 21 settembre 1999, il D.M. 20 settembre 2000, il D.M. 20 settembre2001, il D.Dirett 16 settembre 2002, il Decr. 18 settembre 2003, il Decr. 16 settembre2004, il Decr. 20 settembre 2005, il Decr. 20 settembre 2006, il Decr. 18 settembre2007, il Decr. 23 settembre 2008 e il Decr. 23 settembre 2009.
(3) Comma modificato dall’art. 8, DL 13/5/2011, n. 70.

1. La prima classificazione di cui al comma 2 dell’articolo 2 verrà pubblicata entro il termine di centottantagiorni dalla data di entrata in vigore della presente legge. Entro i successivi centottanta giorni sarà pubblicata la prima rilevazione trimestrale di cui al comma 1 del medesimo articolo 2. Fino alla pubblicazione di cui al comma 1 dell’articolo 2 è punito a norma dell’articolo 644, primo comma, del codice penale, chiunque, fuori dei casi previsti dall’articolo 643 del codice penale, si fa dare o promettere, sotto qualsiasi forma, per sé o per altri, da soggetto in condizioni di difficoltà economica o finanziaria, in corrispettivo di una prestazione di denaro o di altra utilità, interessi o altri vantaggi che, avuto riguardo alle concrete modalità del fatto e ai tassi praticati per operazioni similari dal sistema bancario e finanziario, risultano sproporzionati rispetto alla prestazione di denaro o di altra utilità. Alla stessa pena soggiace chi, fuori del caso di concorso nel delitto previsto dall’articolo 644, primo comma, del codice penale, procura a soggetto che si trova in condizioni di difficoltà economica o finanziaria una somma di denaro o altra utilità facendo dare o promettere, a sé o ad altri, per la mediazione, un compenso che, avuto riguardo alle concrete modalità del fatto, risulta sproporzionato rispetto all’opera di mediazione.

1. Il secondo comma dell’articolo 1815 del codice civile è sostituito dal seguente:"Se sono convenuti interessi usurari, la clausola è nulla e non sono dovuti interessi".

1. Nell’articolo 132, comma 1, del decreto legislativo 1° settembre 1993, n. 385, le parole: "quattro anni" sono sostituite dalle seguenti: "cinque anni".

1. Sono fatte salve le disposizioni contenute nell’articolo 12-sexies del decreto-legge 8 giugno 1992, n. 306, convertito, con modificazioni, dallalegge 7 agosto 1992, n. 356, introdotto dall’articolo 2 del decreto-legge 20 giugno 1994, n. 399, convertito, con modificazioni, dallalegge 8 agosto 1994, n. 501.

1. Nell’articolo 32-quater del codice penale, dopo la parola: "640-bis," è inserita la seguente: "644,".

1. Nella lettera f) del comma 1 dell’articolo 266 del codice di procedura penale, dopo le parole: "reati di ingiuria, minaccia," sono inserite le seguenti: "usura, abusiva attività finanziaria,".
2. Nel comma 1 dell’articolo 10 del decreto-legge 31 dicembre 1991, n. 419, convertito, con modificazioni, dallalegge 18 febbraio 1992, n. 172, le parole: "dei delitti di cui agliarticoli 629, 648-bis e 648-ter del codice penale," sono sostituite dalle seguenti: "dei delitti di cui agli articoli 629, 644,648-bis e648-ter del codice penale,".

1. Nel comma 1 dell’articolo 14 della legge 19 marzo 1990, n. 55, e successive modificazioni, le parole: "ovvero ai soggetti indicati nel numero 2) del primo comma dell’articolo 1 della legge 27 dicembre 1956, n. 1423, quando l’attività delittuosa da cui si ritiene derivino i proventi sia una di quelle previste dagli articoli 629, 630, 648-bis o 648-ter del codice penale, ovvero quella di contrabbando." sono sostituite dalle seguenti: "ovvero ai soggetti indicati nei numeri 1) e 2) del primo comma dell’articolo 1 della legge 27 dicembre 1956, n. 1423, quando l’attività delittuosa da cui si ritiene derivino i proventi sia una di quelle previste dagli articoli 629,630, 644, 648-bis o 648-ter del codice penale, ovvero quella di contrabbando.".
2. All’articolo 3-quater della legge 31 maggio 1965, n. 575, introdotto dall’articolo 24 del decreto-legge 8 giugno 1992, n. 306, convertito, con modificazioni, dallalegge 7 agosto 1992, n. 356, sono apportate le seguenti modificazioni:
a) nel comma 1, le parole: "ovvero di persone sottoposte a procedimento penale per taluno dei delitti previsti dagli articoli 416-bis, 629, 630,648-bis e 648-ter del codice penale," sono sostituite dalle seguenti: "ovvero di persone sottoposte a procedimento penale per taluno dei delitti indicati nel comma 2,";
b) nel comma 2, le parole: "persone sottoposte a procedimento penale per taluno dei delitti previsti dagli articoli 416-bis, 629, 630, 648-bis e 648-ter del codice penale," sono sostituite dalle seguenti: "persone sottoposte a procedimento penale per taluno dei delitti previsti dagli articoli 416-bis,629, 630, 644, 648-bis e 648-ter del codice penale,".

1. Nel giudizio penale di cui all’articolo 1 della presente legge possono costituirsi parte civile anche le associazioni e le fondazioni di cui all’articolo 15.

1. Prima dell’articolo 645 del codice penale è inserito il seguente:"Art. 644-ter. (Prescrizione del reato di usura). La prescrizione del reato di usura decorre dal giorno dell’ultima riscossione sia degli interessi che del capitale".

1. Al decreto-legge 31 dicembre 1991, n. 419, convertito, con modificazioni, dallalegge 18 febbraio 1992, n. 172, e successive modificazioni, sono apportate le seguenti modificazioni:
a) nell’articolo 1, comma 4, le parole: "alla data di entrata in vigore del presente decreto" sono sostituite dalle seguenti: "alla data del 1° gennaio 1990";
b) nell’articolo 3, comma 3, dopo le parole: "dalla data dell’evento lesivo" sono aggiunte le seguenti: "ovvero dalla data in cui l’interessato ha conoscenza che dalle indagini preliminari sono emersi elementi dai quali appare che l’evento lesivo consegue a un fatto delittuoso commesso per taluna delle finalità indicate nell’articolo 1";
c) nell’articolo 4:
1) al comma 1, secondo periodo, dopo le parole: "dell’ammontare del danno patrimoniale, dettagliatamente documentato" sono aggiunte le seguenti: ", salvo quanto previsto dal comma 2-bis";
2) dopo il comma 2, è inserito il seguente:"2-bis. L’ammontare del danno patrimoniale è determinato comprendendo la perdita subita e il mancato guadagno. Se quest’ultimo non può essere provato nel suo preciso ammontare, è valutato con equo apprezzamento delle circostanze del caso tenendo conto anche della riduzione di valore dell’avviamento commerciale";
3) al comma 4, secondo periodo, le parole: "comprovante l’impiego delle somme già corrisposte per il ripristino dei beni distrutti o danneggiati" sono sostituite dalle seguenti: "comprovante che le somme già corrisposte non sono state impiegate per finalità estranee all’esercizio dell’attività in relazione alla quale si è verificato l’evento lesivo".
2. All’onere derivante dall’attuazione del presente articolo si provvede nei limiti della dotazione finanziaria del Fondo di solidarietà per le vittime dell’estorsione di cui all’art. 5 del citato decreto-legge n. 419 del 1991, e successive modificazioni.

1. Le domande di cui all’articolo 3 del decreto-legge 31 dicembre 1991, n. 419, convertito, con modificazioni, dallalegge 18 febbraio 1992, n. 172, e successive modificazioni, il cui termine di presentazione sia spirato alla data di entrata in vigore della presente legge, possono essere presentate, a pena di decadenza, entro novanta giorni dalla stessa data.
2. Per le domande relative a fatti verificatisi tra il 1° gennaio 1990 e il 2 novembre 1991, il termine fissato dal medesimo articolo 3 del citato decreto-legge n. 419 del 1991 decorre dalla data di entrata in vigore della presente legge.
3. Anche d’ufficio, il comitato previsto dall’articolo 5, comma 2, del citato decreto-legge n. 419 del 1991 procede al nuovo esame delle domande per le quali è stato proposto o deciso il rigetto perché presentate oltre i termini fissati a pena di decadenza.
4. Su domanda che il soggetto legittimato deve presentare, a pena di decadenza, entro novanta giorni dalla data di entrata in vigore della presente legge, il comitato di cui al comma 3 procede all’esame delle domande sulle quali ha già formulato proposta al Presidente del Consiglio dei ministri senza tener conto del lucro cessante nelle valutazioni sull’ammontare del danno patrimoniale.

1. È istituito presso l’ufficio del Commissario straordinario del Governo per il coordinamento delle iniziative anti-racket il «Fondo di solidarietà per le vittime dell’usura».
2. Il Fondo provvede alla erogazione di mutui senza interesse di durata non superiore al decennio a favore di soggetti che esercitano attività imprenditoriale, commerciale, artigianale o comunque economica, ovvero una libera arte o professione, i quali dichiarino di essere vittime del delitto di usura e risultino parti offese nel relativo procedimento penale. Il Fondo è surrogato, quanto all’importo dell’interesse e limitatamente a questo, nei diritti della persona offesa verso l’autore del reato. La concessione del mutuo è esente da oneri fiscali (1).
3. Il mutuo non può essere concesso prima del decreto che dispone il giudizio nel procedimento di cui al comma 2. Tuttavia, prima di tale momento, può essere concessa, previo parere favorevole del pubblico ministero, un’anticipazione non superiore al 50 per cento dell’importo erogabile a titolo di mutuo quando ricorrono situazioni di urgenza specificamente documentate; l’anticipazione può essere erogata trascorsi sei mesi dalla presentazione della denuncia ovvero dalla iscrizione dell’indagato per il delitto di usura nel registro delle notizie di reato, se il procedimento penale di cui al comma 2 è ancora in corso.
4. L’importo del mutuo è commisurato al danno subìto dalla vittima del delitto di usura per effetto degli interessi e degli altri vantaggi usurari corrisposti all’autore del reato. Il Fondo può erogare un importo maggiore quando, per le caratteristiche del prestito usurario, le sue modalità di riscossione o la sua riferibilità a organizzazioni criminali, sono derivati alla vittima del delitto di usura ulteriori rilevanti danni per perdite o mancati guadagni.
5. La domanda di concessione del mutuo deve essere presentata al Fondo entro il termine di sei mesi dalla data in cui la persona offesa ha notizia dell’inizio delle indagini per il delitto di usura. Essa deve essere corredata da un piano di investimento e utilizzo delle somme richieste che risponda alla finalità di reinserimento della vittima del delitto di usura nella economia legale. In nessun caso le somme erogate a titolo di mutuo o di anticipazione possono essere utilizzate per pagamenti a titolo di interessi o di rimborso del capitale o a qualsiasi altro titolo in favore dell’autore del reato.
6. La concessione del mutuo è deliberata dal Commissario straordinario del Governo per il coordinamento delle iniziative anti-racket sulla base della istruttoria operata dal comitato di cui all’articolo 5, comma 2, del D.L. 31 dicembre 1991, n. 419 , convertito, con modificazioni, dalla L. 18 febbraio 1992, n. 172. Il Commissario straordinario può procedere alla erogazione della provvisionale anche senza il parere di detto comitato. Può altresì valersi di consulenti.
7. I mutui di cui al presente articolo non possono essere concessi a favore di soggetti condannati per il reato di usura o sottoposti a misure di prevenzione personale. Nei confronti di soggetti indagati o imputati per detto reato ovvero proposti per dette misure, la concessione del mutuo è sospesa fino all’esito dei relativi procedimenti. La concessione dei mutui è subordinata altresì al verificarsi delle condizioni di cui all’articolo 1, comma 2, lettere c) e d) del citato decreto-legge n. 419 del 1991 .
8. I soggetti indicati nel comma 2 sono esclusi dalla concessione del mutuo se nel procedimento penale per il delitto di usura in cui sono parti offese, ed in relazione al quale hanno proposto la domanda di mutuo, hanno reso dichiarazioni false o reticenti. Qualora per le dichiarazioni false o reticenti sia in corso procedimento penale, la concessione del mutuo è sospesa fino all’esito di tale procedimento.
9. Il Fondo procede alla revoca dei provvedimenti di erogazione del mutuo e della provvisionale ed al recupero delle somme già erogate nei casi seguenti:
a) se il procedimento penale per il delitto di usura in relazione al quale il mutuo o la provvisionale sono stati concessi si conclude con provvedimento di archiviazione ovvero con sentenza di non luogo a procedere, di proscioglimento o di assoluzione;
b) se le somme erogate a titolo di mutuo o di provvisionale non sono utilizzate in conformità al piano di cui al comma 5;
c) se sopravvengono le condizioni ostative alla concessione del mutuo previste nei commi 7 e 8.
10. Le disposizioni di cui al presente articolo si applicano ai fatti verificatisi a partire dal 1° gennaio 1996. Le erogazioni di cui al presente articolo sono concesse nei limiti delle disponibilità del Fondo.
11. Il Fondo è alimentato:
a) da uno stanziamento a carico del bilancio dello Stato pari a lire 10 miliardi per l’anno 1996 e a lire 20 miliardi (2) a decorrere dal 1997; al relativo onere si provvede mediante corrispondente riduzione dello stanziamento iscritto, ai fini del bilancio triennale 1996-1998, al capitolo 6856 dello stato di previsione del Ministero del tesoro per l’anno 1996, all’uopo parzialmente utilizzando l’accantonamento relativo al Ministero di grazia e giustizia. Il Ministro del tesoro è autorizzato ad apportare, con propri decreti, le occorrenti variazioni di bilancio;
b) dai beni rivenienti dalla confisca ordinaria ai sensi dell’articolo 644, sesto comma, del codice penale;
c) da donazioni e lasciti da chiunque effettuati.
12. È comunque fatto salvo il principio di unità di bilancio di cui all’art. 5, L. 5 agosto 1978, n. 468 , e successive modificazioni.
13. Il Governo adotta, ai sensi dell’articolo 17 della legge 23 agosto 1988, n. 400 , apposito regolamento di attuazione entro sei mesi dalla data di entrata in vigore della presente legge.

———
(1) Comma modificato dall’art. 22, L. 23 febbraio 1999, n. 44 e dall’art. 145, comma 27, L. 23 dicembre 2000, n. 388.
(2) Corrispondenti a euro 10.329.137,98.

1. E’ istituito presso il Ministero del tesoro il «Fondo per la prevenzione del fenomeno dell’usura» di entità pari a lire 300 miliardi, da costituire con quote di 100 miliardi di lire per ciascuno degli anni finanziari 1996, 1997 e 1998. Il Fondo dovrà essere utilizzato quanto al 70 per cento per l’erogazione di contributi a favore di appositi fondi speciali costituiti dai confidi, di cui all’art. 13 del decreto-legge 30 settembre 2003, n. 269, e quanto al 30 per cento a favore delle fondazioni ed associazioni riconosciute per la prevenzione del fenomeno dell’usura, di cui al comma 4. (1)
2. I contributi di cui al comma 1 possono essere concessi ai Confidi alle seguenti condizioni:
a) che essi costituiscano speciali fondi antiusura, separati dai fondi rischi ordinari, destinati a garantire fino all’80 per cento le banche e gli istituti di credito che concedono finanziamenti a medio termine e all’incremento di linee di credito a breve termine a favore delle piccole e medie imprese a elevato rischio finanziario, intendendosi per tali le imprese cui sia stata rifiutata una domanda di finanziamento assistita da una garanzia pari ad almeno il 50 per cento dell’importo del finanziamento stesso pur in presenza della disponibilità del Confidi al rilascio della garanzia;
b) che i contributi di cui al comma 1 siano cumulabili con eventuali contributi concessi dalle camere di commercio, industria, artigianato e agricoltura.
3. Il Ministro del tesoro, sentito il Ministro dell’industria, del commercio e dell’artigianato, determina con decreto i requisiti patrimoniali dei fondi speciali antiusura di cui al comma 2 e i requisiti di onorabilità e di professionalità degli esponenti dei fondi medesimi.
4. Le fondazioni e le associazioni riconosciute per la prevenzione del fenomeno dell’usura sono iscritte in apposito elenco tenuto dal Ministro del tesoro. Lo scopo della prevenzione del fenomeno dell’usura, anche attraverso forme di tutela, assistenza ed informazione, deve risultare dall’atto costitutivo e dallo statuto.
5. Il Ministro del tesoro, sentiti il Ministro dell’interno ed il Ministro per gli affari sociali, determina con decreto i requisiti patrimoniali delle fondazioni e delle associazioni per la prevenzione del fenomeno dell’usura ed i requisiti di onorabilità e di professionalità degli esponenti delle medesime fondazioni e associazioni.
6. Le fondazioni e le associazioni per la prevenzione del fenomeno dell’usura prestano garanzie alle banche ed agli intermediari finanziari al fine di favorire l’erogazione di finanziamenti a soggetti che, pur essendo meritevoli in base ai criteri fissati nei relativi statuti, incontrano difficoltà di accesso al credito.
7. Fatte salve le riserve di attività previste dalla legge, le fondazioni e le associazioni per la prevenzione del fenomeno dell’usura esercitano le altre attività previste dallo statuto.
8. Per la gestione del Fondo di cui al comma 1 e l’assegnazione dei contributi, il Governo provvede, entro tre mesi dalla data di entrata in vigore della presente legge, all’istituzione di una commissione costituita da rappresentanti dei Ministeri del tesoro e dell’industria, del commercio e dell’artigianato e del Dipartimento per gli affari sociali presso la Presidenza del Consiglio dei ministri nonché all’adozione del relativo regolamento di gestione. La partecipazione alla commissione è a titolo gratuito.
9. I contributi di cui al presente articolo sono erogati nei limiti dello stanziamento previsto al comma 1.
10. All’onere derivante dall’attuazione del comma 1 si provvede mediante riduzione dello stanziamento iscritto, ai fini del bilancio triennale 1996-1998, al capitolo 6856 dello stato di previsione del Ministero del tesoro per l’anno 1996, utilizzando parzialmente l’accantonamento relativo al medesimo Ministero.

————
(1) Comma modificato dall’art. 13 DL 30/09/2003, n. 269, successivamente convertito, con modificazioni, dalla legge 24/11/03, n. 326.

[1. L’attività di mediazione o di consulenza nella concessione difinanziamenti da parte di banche o di intermediari finanziari è riservata aisoggetti iscritti in apposito albo istituito presso il Ministero del tesoro, che siavvale dell’Ufficio italiano dei cambi.
2. Con regolamento del Governo adottato ai sensi dell’articolo 17 dellalegge 23 agosto 1988, n. 400, sentiti la Banca d’Italia e l’Ufficio italiano deicambi, è specificato il contenuto dell’attività di mediazione creditizia e sonofissate le modalità per l’iscrizione e la cancellazione dall’albo, nonché leforme di pubblicità dell’albo medesimo. La cancellazione può essere dispostaper il venire meno dei requisiti indicati al comma 3 e per gravi violazionidegli obblighi indicati al comma 4. (1)
3. I requisiti di onorabilità necessari per l’iscrizione nell’albo di cui alcomma 1 sono i medesimi previsti dall’articolo 109 del decreto legislativo 1°settembre 1993, n. 385.
4. Ai soggetti che svolgono l’attività di mediazione creditizia si applicano,in quanto compatibili, le disposizioni del titolo VI del decreto legislativo1° settembre 1993, n. 385, e del decreto-legge 3 maggio 1991, n. 143, convertito,con modificazioni, dalla legge 5 luglio 1991, n. 197, e successivemodificazioni.
5. L’esercizio dell’attività di mediazione creditizia è compatibile con losvolgimento di altre attività professionali.
6. La pubblicità a mezzo stampa dell’attività di cui al comma 1 è subordinataall’indicazione, nella pubblicità medesima, degli estremi della iscrizionenell’albo di cui allo stesso comma 1.
7. Chiunque svolge l’attività di mediazione creditizia senza essere iscrittonell’albo indicato al comma 1 è punito con la reclusione da sei mesi a quattroanni e con la multa da € 2.065 a € 10.329.
8. Le disposizioni dei commi precedenti non si applicano alle banche,agli intermediari finanziari, ai promotori finanziari iscritti all’albo previstodall’articolo 5, comma 5, della legge 2 gennaio 1991, n. 1, e alle impreseassicurative.] (2)
9. Salvo che il fatto costituisca rato più grave, chi, nell’esercizio di attivitàbancaria, di intermediazione finanziaria o di mediazione creditizia, indirizzauna persona, per operazioni bancarie o finanziarie, a un soggetto nonabilitato all’esercizio dell’attività bancaria o finanziaria, è punito con l’arrestofino a due anni ovvero con l’ammenda da € 2.065 a € 10.329.
———

(1) Per il provvedimento di cui al presente comma, v. D.P.R. 28 luglio 2000, n. 287.
(2) Articolo abrogato d eccezione del comma 9, dall’art. 28, DLGS 13/8/2010, n. 141.

1. Il debitore protestato che abbia adempiuto all’obbligazione perla quale il protesto è stato levato e non abbia subìto ulteriore protesto hadiritto ad ottenere, trascorso un anno dal levato protesto, la riabilitazione.
2. La riabilitazione è accordata con decreto del Presidente del tribunalesu istanza dell’interessato corredata dai documenti giustificativi.
3. Avverso il diniego di riabilitazione il debitore può proporre reclamo,entro dieci giorni dalla comunicazione, alla Corte di appello che decide incamera di consiglio.
4. Il decreto di riabilitazione è pubblicato nel Bollettino dei protesti cambiaried è reclamabile ai sensi del comma 3 da chiunque vi abbia interesseentro dieci giorni dalla pubblicazione.
5. Nelle stesse forme di cui al comma 4 è pubblicato il provvedimentodella Corte di appello che accoglie il reclamo.
6. Per effetto della riabilitazione il protesto si considera, a tutti gli effetti,come mai avvenuto.
6-bis. Il debitore protestato e riabilitato ha diritto di ottenere la cancellazionedefinitiva dei dati relativi al protesto anche dal registro informatico dicui all’articolo 3-bis del decreto-legge 18 settembre 1995, n. 381, convertito,con modificazioni, dalla legge 15 novembre 1995, n. 480. La cancellazionedei dati del protesto è disposta dal responsabile dirigente dell’ufficio protesticompetente per territorio non oltre il termine di venti giorni dalla data dipresentazione della relativa istanza, corredata del provvedimento di riabilitazione.(1)
——-

(1) Comma inserito dall’art. 3, L. 18 agosto 2000, n. 235 e successivamente modificatodall’art. 45, L. 12 dicembre 2002, n. 273.

1. Su istanza del debitore che sia parte offesa del delitto di usura il presidente del tribunale può, con decreto non impugnabile, disporre la sospensione della pubblicazione, ovvero la cancellazione del protesto elevato a seguito di presentazione per il pagamento di un titolo di credito da parte dell’imputato del predetto delitto, direttamente o per interposta persona, quando l’imputato sia stato rinviato a giudizio. Il decreto di sospensione o cancellazione perde effetto nel caso di assoluzione dell’imputato del delitto di usura con sentenza definitiva.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it  |  www.maggioliadv.it

Gruppo Maggioli
www.maggioli.it