Decreto Presidente della Repubblica 3/6/1998 n. 252

Decreto Presidente della Repubblica 3/6/1998 n. 252

Redazione

Oggetto e ambito di applicazione

G.U. 30/7/1998 n. 176

Versione PDF del documento

Capo I – Disposizioni di carattere generale

Oggetto e ambito di applicazione

1. Le disposizioni del presente regolamento disciplinano le modalita’ con le quali le pubbliche amministrazioni e gli enti pubblici, gli enti e le aziende vigilati dallo Stato o da altro ente pubblico e le societa’ o imprese comunque controllate dallo Stato o da altro ente pubblico, nonche’ i concessionari di opere pubbliche possono acquisire la prescritta documentazione circa la sussistenza di una delle cause di decadenza, di divieto o di sospensione di cui all’articolo 10 della legge 31 maggio 1965, n. 575, e dei tentativi di infiltrazione mafiosa di cui all’articolo 4 del decreto legislativo 8 agosto 1994, n. 490.
2. La documentazione di cui al comma 1 non e’ comunque richiesta:
a) per i rapporti fra i soggetti pubblici di cui al comma 1;
b) per i rapporti fra i soggetti pubblici di cui alla lettera a) ed altri soggetti, anche privati, i cui organi rappresentativi e quelli aventi funzioni di amministrazione e di controllo sono sottoposti, per disposizione di legge o di regolamento, alla verifica di particolari requisiti di onorabilita’ tali da escludere la sussistenza di una delle cause di sospensione, di decadenza o di divieto previste dall’articolo 10 della legge 31 maggio 1965, n. 575;
c) per il rilascio o rinnovo delle autorizzazioni o licenze di polizia di competenza delle autorita’ nazionali e provinciali di pubblica sicurezza;
d) per la stipulazione o approvazione di contratti e per la concessione di erogazioni a favore di chi esercita attivita’ agricole
professionali, non organizzate in forma di impresa, nonche’ a favore di chi esercita attivita’ artigiana in forma di impresa individuale;
e) per i provvedimenti gli atti, i contratti e le erogazioni il cui valore complessivo non supera i 300 milioni di lire.

Capo I – Disposizioni di carattere generale

Validita’ e ambiti soggettivi della documentazione antimafia

1. La documentazione prevista dal presente regolamento e’ utilizzabile per un periodo di sei mesi dalla data del rilascio, anche per altri procedimenti riguardanti i medesimi soggetti. E’ consentito all’interessato di utilizzare la comunicazione di cui all’articolo 3, in corso di validita’ conseguita per altro procedimento, anche in copia autentica.
2. I soggetti di cui all’articolo 1, comma 1, d’ora in avanti indicati come “amministrazioni”, che acquisiscono la documentazione prevista dal presente regolamento, di data non anteriore a sei mesi, adottano ilprovvedimento richiesto e gli atti conseguenti o esecutivi, compresi i pagamenti, anche se il provvedimento o gli atti sono perfezionati o eseguiti in data successiva alla scadenza di validita’ della predetta documentazione.
3. Quando si tratta di associazioni, imprese, societa’ e consorzi, la documentazione prevista dal presente regolamento deve riferirsi, oltre che all’interessato:
a) alle societa’;
b) per le societa’ di capitali anche consortili ai sensi dell’articolo 2615-ter del codice civile, per le societa’ cooperative, di consorzi cooperativi, per i consorzi di cui al libro V, titolo X, capo II, sezione II, del codice civile, al legale rappresentante e agli eventuali altri componenti l’organo di amministrazione, nonche’ a ciascuno dei consorziati che nei consorzi e nelle societa’ consortili detenga una partecipazione superiore al 10 per cento, ed ai soci o consorziati per conto dei quali le societa’ consortili o i consorzi operino in modo esclusivo nei confronti della pubblica amministrazione;
c) per i consorzi di cui all’articolo 2602 del codice civile, a chi ne ha la rappresentanza e agli imprenditori o societa’ consorziate;
d) per le societa’ in nome collettivo, a tutti i soci;
e) per le societa’ in accomandita semplice, ai soci accomandatari;
f) per le societa’ di cui all’articolo 2506 del codice civile, a coloro che le rappresentano stabilmente nel territorio dello Stato.

Capo II – Certificazioni e comunicazioni
Sezione I – Comunicazioni della prefettura

Comunicazioni per iscritto

1. Salvo quanto previsto dall’articolo 1, la documentazione circa la sussistenza di una delle cause di decadenza, di sospensione o di divieto di cui all’articolo 10 della legge 31 maggio 1965, n. 575, su richiesta nominativa della stessa amministrazione, anche per elenchi, e’ effettuata mediante comunicazione scritta della prefettura della provincia in cui l’amministrazione ha sede, ovvero, se richiesta dai soggetti privati interessati, dalla prefettura della provincia in cui gli stessi risiedono o hanno sede, soltanto quando:
a) i collegamenti informatici o telematici di cui all’articolo 4 non sono attivati o non sono comunque operanti, ovvero l’attestazione risultante richiede la conferma scritta della prefettura;
b) il certificato rilasciato dalla camera di commercio, industria, artigianato e agricoltura, e’ privo della dicitura antimafia di cui all’articolo 9.
2. La richiesta da parte dei soggetti privati interessati, corredata della documentazione di cui all’articolo 10, comma 3, ancorche’ priva della dicitura di cui all’articolo 9, ovvero della documentazione di cui all’articolo 10, comma 4, e’ ammessa previa informativa all’amministrazione procedente e puo’ essere effettuata da persona delegata. La delega puo’ indicare anche la persona incaricata del ritiro ed e’ sempre effettuata con atto recante sottoscrizione autenticata. La delega deve essere esibita, unitamente ad un documento di identificazione, sia all’atto della richiesta, che all’atto del ritiro. Nel caso di ritiro a mezzo di persona delegata, la comunicazione e’ rilasciata in busta chiusa a nome del richiedente.
3. La comunicazione e’ rilasciata entro quindici giorni dal ricevimento della richiesta.

Capo II – Certificazioni e comunicazioni
Sezione I – Comunicazioni della prefettura

Comunicazioni in via telematica

1. La documentazione circa la sussistenza delle cause di sospensione, di divieto o di decadenza previste dall’articolo 10 della legge 31 maggio 1965, n. 575, puo’ essere conseguita mediante l’utilizzazione di collegamenti informatici o telematici tra le amministrazioni interessate ed una o piu’ prefetture dotate di specifico archivio automatizzato, attivati sulla base di convenzioni approvate dal Ministero dell’interno, in modo da:
a) attestare con strumenti automatizzati l’inesistenza delle predette cause interdittive, allo scopo di conseguire risultati equivalenti alle comunicazioni di cui all’articolo 3;
b) rendere accessibili alle prefetture competenti le segnalazioni relative alle attestazioni prodotte.
2. Nessun provvedimento di diniego o altrimenti sfavorevole all’interessato puo’ essere adottato o eseguito sulla base delle segnalazioni trasmesse a norma del comma 1 senza specifica comunicazione di conferma da effettuarsi, a cura della prefettura competente, anche mediante elenchi cumulativi, entro quindici giorni dalla richiesta nominativa.

Capo II – Certificazioni e comunicazioni
Sezione I – Comunicazioni della prefettura

Autocertificazione

1. Fuori dei casi previsti dall’articolo 10, i contratti e subcontratti relativi a lavori o forniture dichiarati urgenti ed i provvedimenti di rinnovo conseguenti a provvedimenti gia’ disposti, sono stipulati, autorizzati o adottati previa acquisizione di apposita dichiarazione con la quale l’interessato attesti che nei propri confronti non sussistono le cause di divieto, di decadenza o di sospensione di cui all’articolo 10 della legge 31 maggio 1965, n. 575. La sottoscrizione della dichiarazione deve essere autenticata con le modalita’ dell’articolo 20 della legge 4 gennaio 1968, n. 15.
2. La predetta dichiarazione e’ resa dall’interessato anche quando gli atti e i provvedimenti della pubblica amministrazione riguardano:
a) attivita’ private, sottoposte a regime autorizzatorio, che possono essere intraprese su denuncia di inizio da parte del privato alla pubblica amministrazione competente; b) attivita’ private sottoposte alla disciplina del silenzioassenso, indicate nella tabella C annessa al regolamento approvato con decreto del Presidente della Repubblica 26 aprile 1992, n. 300, e successive modificazioni e integrazioni.

Capo II – Certificazioni e comunicazioni
Sezione II – Certificati camerali

Certificazioni o attestazioni delle camere di commercio, industria e artigianato

1. Le certificazioni o attestazioni delle camere di commercio, industria e artigianato, d’ora in avanti indicate come camere di commercio, recanti la dicitura di cui all’articolo 9, sono equiparate, a tutti gli effetti, alle comunicazioni delle prefetture che attestano l’insussistenza delle cause di decadenza, divieto o sospensione di cui all’articolo 10 della legge 31 maggio 1965, n. 575.
2. L’acquisizione agli atti dell’amministrazione interessata e degli altri soggetti di cui all’articolo 1 del presente regolamento, ovvero del concessionario di opere o servizi pubblici, delle certificazioni o attestazioni di cui al comma 1, munite della dicitura ivi prevista, rilasciate in data non anteriore a sei mesi, esonera dalla richiesta della comunicazione prevista dall’articolo 3 e dall’acquisizione dell’autocertificazione di cui all’articolo 5.
3. Le richieste delle certificazioni o attestazioni di cui al comma 1 devono essere presentate alle camere di commercio dalla persona interessata o da persona dalla stessa delegata a norma dell’articolo 3, comma 2.
4. Le attestazioni o certificazioni delle camere di commercio prive della dicitura di cui all’articolo 9 non implicano di per se’ la sussistenza di una delle cause di decadenza, di divieto o di sospensione di cui all’articolo 10 della legge 31 maggio 1965, n. 575, ma in tal caso deve essere richiesta la comunicazione di cui all’articolo 3.
5. Le camere di commercio, nell’esercizio della loro attivita’ amministrativa, utilizzano il collegamento telematico disciplinato dal presente regolamento per acquisire, nei casi previsti dalla legge, le comunicazioni di cui all’articolo 3.

Capo II – Certificazioni e comunicazioni
Sezione II – Certificati camerali

Collegamento telematico

1. E’ attivato un collegamento telematico tra il sistema informativo delle camere di commercio e il sistema informativo del Ministero dell’interno messo a disposizione della prefettura di Roma.
2. Il sistema informativo delle camere di commercio e’ quello di cui agli articoli 21, comma 4, e 23, comma 2, del decreto del Presidente della Repubblica 7 dicembre 1995, n. 581, operante, tra l’altro, per il trattamento automatizzato degli elenchi, ruoli, albi e registri delle camere di commercio.
3. Per le finalita’ di cui al comma 1, il centro elaborazione dati di cui all’articolo 8 della legge 1 aprile 1981, n. 121, d’ora in avanti indicato come C.E.D., costituisce un apposito archivio informatico contenente l’elenco delle persone alle quali sono stati comminati i provvedimenti di cui all’articolo 10 della legge 31 maggio 1965, n. 575.
4. Per ciascuna persona sono inseriti nell’archivio informatico i seguenti dati:
a) cognome e nome;
b) sesso;
c) data e provincia di nascita;
d) cittadinanza;
e) comune di residenza.
5. Il C.E.D. garantisce la completezza e l’aggiornamento costante dell’archivio.
6. Il C.E.D. rende accessibile, con modalita’ telematica, l’archivio di cui al comma 3 al sistema informativo messo a disposizione della prefettura di Roma e, per il tramite di questo, a quello delle camere di commercio per l’effettuazione di interrogazioni nominative o per l’acquisizione delle comunicazioni previste dagli articoli 3 e 4.

Capo II – Certificazioni e comunicazioni
Sezione II – Certificati camerali

Procedure per l’interrogazione dell’archivio

1. L’interrogazione nominativa di cui all’articolo 7, comma 6, e’ effettuata da dipendenti delle camere di commercio addetti alle certificazioni e attestazioni previste dal presente regolamento, appositamente abilitati dal responsabile del procedimento individuato in base alle norme organizzative delle singole camere di commercio.
2. Il sistema di collegamento deve garantire la individuazione del dipendente che effettua ciascuna interrogazione.
3. Il sistema informativo delle camere di commercio garantisce che qualora l’interrogazione nominativa di cui all’articolo 7, comma 6, corrisponda ad una iscrizione presente nell’archivio informatico di cui all’articolo 7, comma 3:
a) sia sospeso il rilascio del certificato relativo alle iscrizioni di cui all’articolo 10, comma 1, lettere d) ed e), della legge 31 maggio 1965, n. 575; b) sia consentito il rilascio del certificato relativo all’iscrizione nel registro delle imprese o ad altre iscrizioni diverse da quelle indicate nella lettera a), privo della dicitura di cui all’articolo 9.
4. Il sistema informativo delle camere di commercio garantisce, altresi’, qualora l’interrogazione nominativa di cui all’articolo 7, comma 6, risulti negativa, che venga automaticamente inserita nel testo della certificazione o attestazione richiesta la apposita dicitura di cui all’articolo 9. In ogni caso, le camere di commercio possono rilasciare le certificazioni e le attestazioni di cui al presente decreto prive della predetta dicitura quando l’interessato ne faccia espressa richiesta.
5. Nei casi previsti dal comma 3, il dipendente della camera di commercio informa l’interessato che occorre acquisire presso la competente prefettura la comunicazione di cui all’articolo 3, anche per i provvedimenti di competenza delle camere di commercio, quando deve disporsi la sospensione o cancellazione dell’iscrizione.
6. Gli elementi essenziali di ogni certificato rilasciato sono conservati in un apposito archivio informatico del sistema informativo delle camere di commercio accessibile telematicamente da parte delle prefetture interessate.
7. Il sistema informativo delle camere di commercio collabora con il C.E.D. per consentire l’abbinamento a ciascun nominativo, presente nell’archivio costituito a norma dell’articolo 7, del relativo codice fiscale.

Capo II – Certificazioni e comunicazioni
Sezione II – Certificati camerali

Dicitura antimafia

1. Le certificazioni delle camere di commercio sono equiparate alle comunicazioni qualora riportino in calce la seguente dicitura: “Nulla osta ai fini dell’articolo 10 della legge 31 maggio 1965, n. 575, e successive modificazioni. La presente certificazione e’ emessa dalla C.C.I.A.A. utilizzando il collegamento telematico con il sistema informativo utilizzato dalla prefettura di Roma”.
2. Con apposito decreto del Ministro dell’industria, del commercio e dell’artigianato, emanato a norma dell’articolo 24, comma 1, del decreto del Presidente della Repubblica 7 dicembre 1995, n. 581, sono definiti i certificati di iscrizione nel registro delle imprese, recanti la dicitura di cui al comma 1, relativi ai soggetti di cui all’articolo 2, comma 3.
3. Con lo stesso decreto sono altresi’ stabiliti i modelli di certificazione previsti dal presente regolamento e relativi agli altri registri, albi, ruoli ed elenchi tenuti dalle camere di commercio.

Capo III – Informazioni del prefetto

Informazioni del prefetto

1. Salvo quanto previsto dall’articolo 1, ed in deroga alle disposizioni dell’articolo 4 del decreto legislativo 8 agosto 1994, n. 490, fatto salvo il divieto di frazionamento di cui al comma 2 del predetto articolo, le pubbliche amministrazioni, gli enti pubblici e gli altri soggetti di cui all’articolo 1, devono acquisire le informazioni di cui al comma 2 del presente articolo, prima di stipulare, approvare o autorizzare i contratti e subcontratti, ovvero prima di rilasciare o consentire le concessioni o erogazioni indicati nell’articolo 10 della legge 31 maggio 1965, n. 575, il cui valore sia:
a) pari o superiore a quello determinato dalla legge in attuazione delle direttive comunitarie in materia di opere e lavori pubblici, servizi pubblici e pubbliche forniture, indipendentemente dai casi di esclusione ivi indicati;
b) superiore a 300 milioni di lire per le concessioni di acque pubbliche o di beni demaniali per lo svolgimento di attivita’ imprenditoriali, ovvero per la concessione di contributi, finanziamenti e agevolazioni su mutuo o altre erogazioni dello stesso tipo per lo svolgimento di attivita’ imprenditoriali;
c) superiore a 300 milioni di lire per l’autorizzazione di subcontratti, cessioni o cottimi, concernenti la realizzazione di opere o lavori pubblici o la prestazione di servizi o forniture pubbliche.
2. Quando, a seguito delle verifiche disposte dal prefetto, emergono elementi relativi a tentativi di infiltrazione mafiosa nelle societa’ o imprese interessate, le amministrazioni cui sono fornite le relative informazioni, non possono stipulare, approvare o autorizzare i contratti o subcontratti, ne’ autorizzare, rilasciare o comunque consentire le concessioni e le erogazioni.
3. Le informazioni del prefetto, sono richieste dall’amministrazione interessata, indicando l’oggetto e il valore del contratto, subcontratto, concessione o erogazione ed allegando, esclusivamente, copia del certificato di iscrizione dell’impresa presso la camera di commercio, industria, artigianato e agricoltura corredato della apposita dicitura antimafia. Nel caso di societa’ consortili o di consorzi, il certificato e’ integrato con la indicazione dei consorziati che detengono una quota superiore al 10% del capitale o del fondo consortile, nonche’ dei consorziati per conto dei quali la societa’ consortile o il consorzio opera in modo esclusivo nei confronti della pubblica amministrazione. Per le imprese di costruzioni il certificato e’ integrato con l’indicazione del direttore tecnico.
4. In luogo o ad integrazione del certificato di cui al comma 3 puo’ essere allegata una dichiarazione del legale rappresentante recante le medesime indicazioni.
5. Ai fini di cui ai commi 1 e 2, la richiesta di informazioni e’ inoltrata al prefetto della provincia nella quale hanno residenza o sede le persone fisiche, le imprese, le associazioni, le societa’ o i consorzi interessati ai contratti e subcontratti di cui al comma 1, lettere a) e c), o che siano destinatari degli atti di concessione o erogazione di cui alla lettera b) dello stesso comma 1.
6. La richiesta puo’ essere effettuata anche dal soggetto privato
interessato o da persona da questi specificamente delegata, previa comunicazione all’amministrazione destinataria di voler procedere direttamente a tale adempimento. La delega deve risultare da atto recante sottoscrizione autenticata e deve essere esibita unitamente ad un documento di identificazione personale. In ogni caso la prefettura fa pervenire le informazioni direttamente all’amministrazione indicata dal richiedente.
7. Ai fini di cui al comma 2 le situazioni relative ai tentativi di infiltrazione mafiosa sono desunte:
a) dai provvedimenti che dispongono una misura cautelare o il giudizio, ovvero che recano una condanna anche non definitiva per taluno dei delitti di cui agli articoli 629, 644, 648-bis, e 648-ter del codice penale, o dall’articolo 51, comma 3-bis, del codice di procedura penale;
b) dalla proposta o dal provvedimento di applicazione di taluna delle misure di cui agli articoli 2-bis, 2-ter, 3-bis e 3-quater della legge 31 maggio 1965, n. 575;
c) dagli accertamenti disposti dal prefetto anche avvalendosi dei poteri di accesso e di accertamento delegati dal Ministro dell’interno, ovvero richiesti ai prefetti competenti per quelli da effettuarsi in altra provincia.
8. La prefettura competente estende gli accertamenti pure ai soggetti, residenti nel territorio dello Stato, che risultano poter determinare in qualsiasi modo le scelte o gli indirizzi dell’impresa e, anche sulla documentata richiesta dell’interessato, aggiorna l’esito delle informazioni al venir meno delle circostanze rilevanti ai fini dell’accertamento dei tentativi di infiltrazione mafiosa.
9. Le disposizioni dell’articolo 1-septies del decreto-legge 6 settembre 1982, n. 629, convertito, con modificazioni, dalla legge 12 ottobre 1982, n. 726, come successivamente integrato dalla legge 15 novembre 1988, n. 486, non si applicano alle informazioni previste dal presente articolo, salvo che gli elementi o le altre indicazioni fornite siano rilevanti ai fini delle valutazioni discrezionali ammesse dalla legge. Sono fatte salve le procedure di selezione previste dalle disposizioni in vigore in materia di appalti, comprese quelle di recepimento di direttive europee.

Capo III – Informazioni del prefetto

Termini per il rilascio delle informazioni

1. Quando le verifiche disposte siano di particolare complessita’, il prefetto ne da’ comunicazione senza ritardo all’amministrazione interessata e fornisce le informazioni acquisite entro i successivi trenta giorni.
2. Decorso il termine di quarantacinque giorni dalla ricezione della richiesta, ovvero, nei casi d’urgenza, anche immediatamente dopo la richiesta, le amministrazioni procedono anche in assenza delle informazioni del prefetto. In tale caso, i contributi, i finanziamenti, le agevolazioni e le altre erogazioni di cui al comma 1 sono corrisposti sotto condizione risolutiva e l’amministrazione interessata puo’ revocare le autorizzazioni e le concessioni o recedere dai contratti, fatto salvo il pagamento del valore delle opere gia’ eseguite e il rimborso delle spese sostenute per l’esecuzione del rimanente, nei limiti delle utilita’ conseguite.
3. Le facolta’ di revoca e di recesso di cui al comma 2 si applicano anche quando gli elementi relativi a tentativi di infiltrazione mafiosa siano accertati successivamente alla stipula del contratto, alla concessione dei lavori o all’autorizzazione del subcontratto.
4. Il versamento delle erogazioni di cui alla lettera f) dell’articolo 10 della legge 31 maggio 1965, n. 575, puo’ essere in ogni caso sospeso fino a quando pervengono le informazioni che non sussistono le cause di divieto o di sospensione di cui all’articolo 10 della legge 31 maggio 1965, n. 575, ne’ il divieto di cui all’articolo 4, comma 6, del decreto legislativo n. 490.

Capo III – Informazioni del prefetto

Disposizioni relative ai lavori pubblici

1. Se taluna delle situazioni indicate nell’articolo 10, comma 7, interessa un’impresa diversa da quella mandataria che partecipa ad un’associazione o raggruppamento temporaneo di imprese, le cause di divieto o di sospensione di cui all’articolo 10 della legge 31 maggio 1965, n. 575, e quelle di divieto di cui all’articolo 4, comma 6, del decreto legislativo n. 490 del 1994, non operano nei confronti delle altre imprese partecipanti quando la predetta impresa sia estromessa sostituita anteriormente alla stipulazione del contratto o alla concessione dei lavori. La sostituzione puo’ essere effettuata entro trenta giorni dalla comunicazione delle informazioni del prefetto qualora esse pervengano successivamente alla stipulazione del contratto o alla concessione dei lavori.
2. Le disposizioni del comma 1 si applicano anche nel caso di consorzi non obbligatori.
3. Con decreto del Ministro dell’interno, adottato di concerto con il Ministro di grazia e giustizia e con il Ministro dei lavori pubblici, sentito il Garante per la protezione dei dati personali, sono individuate le modalita’ per l’interscambio dei dati di cui all’articolo 10, comma 7, allo scopo di raccordare le procedure di rilascio delle informazioni del prefetto e quelle relative alla tenuta dell’Albo nazionale dei costruttori, nel rispetto delle disposizioni di legge sul trattamento dei dati personali.
4. Il prefetto della provincia interessata all’esecuzione delle opere e dei lavori pubblici di cui all’articolo 4, comma 1, lettera a), del decreto legislativo n. 490 del 1994, e’ tempestivamente informato dalla stazione appaltante della pubblicazione del bando di gara e svolge gli accertamenti preliminari sulle imprese locali per le quali il rischio di tentativi di infiltrazione mafiosa, nel caso di partecipazione ai lavori, e’ ritenuto maggiore. L’accertamento di una delle situazioni indicate dall’articolo 10, comma 7, comporta il divieto dell’appalto o della concessione dell’opera pubblica, nonche’ del subappalto, degli altri subcontratti, delle cessioni o dei cottimi, comunque denominati, indipendentemente dal valore delle opere o dei lavori.

Capo III – Informazioni del prefetto

Abrogazioni

1. Ai sensi dell’articolo 20, comma 4, della legge 15 marzo 1997, n. 59, e dell’articolo 17, comma 94, della legge 15 maggio 1997, n. 127, dalla data di entrata in vigore del presente regolamento si intendono abrogati:
a) il decreto del Ministro dell’interno, di concerto con il Ministro di grazia e giustizia e con il Ministro dell’industria, del commercio e dell’artigianato, 16 dicembre 1997, n. 486;
b) gli articoli 2, 3 e 5 del decreto legislativo 8 agosto 1994, n. 490;
c) l’articolo 5 della legge 17 gennaio 1994, n. 47.

Capo III – Informazioni del prefetto

Entrata in vigore

1. Il presente regolamento entra in vigore il sessantesimo giorno successivo a quello della sua pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana.
Il presente decreto, munito del sigillo dello Stato, sara’ inserito nella Raccolta ufficiale degli atti normativi della Repubblica italiana. E’ fatto obbligo a chiunque spetti di osservarlo e di farlo osservare.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it  |  www.maggioliadv.it

Gruppo Maggioli
www.maggioli.it