L’affidamento superesclusivo, quando viene disposto e in che cosa consiste

Scarica PDF Stampa
L’affidamento esclusivo viene disposto dal giudice quando ritenga che l’affidamento condiviso sia diventato dannoso per i minori. Il genitore al quale sono affidati i figli, salva diversa disposizione del giudice, ha l’esercizio esclusivo della responsabilità genitoriale su di essi. Questo succede, ad esempio, quando uno dei genitori risulta incapace di prendersi cura della prole.

L’affido esclusivo non comporta la perdita della responsabilità di genitore da parte di chi non ha ottenuto l’affidamento. Questa responsabilità si restringe per varie cause: se il genitore non è in grado prestare attenzione al figlio o se è il bambino a non volere avere rapporti con il genitore.

La mamma e il papà devono continuare insieme l’assunzione delle decisioni più importanti per i figli e, in presenza di ragioni particolarmente gravi, da rendere impossibile una decisione congiunta, il genitore affidatario potrà richiedere un provvedimento di decadenza della responsabilità genitoriale dell’altro.

Si deve anche considerare che, secondo la legge, se il papà o la mamma risultano inadeguati al compito che dovrebbero svolgere o disinteressati (materialmente e moralmente) alla vita del bambino, scatta l’affidamento superesclusivo.

A decidere delle questioni più importanti per il figlio, in relazione al suo sviluppo,  ad esempio salute, educazione e istruzione, sarà esclusivamente il genitore al quale viene affidato e non più quello che si è dimostrato inadeguato. L’affido superesclusivo viene concesso in casi molto gravi, nei quali il genitore è inadeguato al suo ruolo.

Ad esempio:

Due coniugi si separano e il marito scompare dalla vita del bambino, loro figlio.

Non gli presta attenzioni, non si preoccupa delle spese per il suo mantenimento, addossando le responsabilità alla moglie.

Altro esempio:

Due coniugi si separano.

Il marito è dedito al gioco d’azzardo e contrae un grosso debito.

Pensa di ricattare la moglie utilizzando il figlio.

Utilizza il figlio come “merce di scambio”, dicendo alla moglie di portarglielo via se non dovesse prestargli i soldi per pagare i suoi aguzzini.

Si tratta di casi limite, caratterizzati da situazioni nelle quali il genitore non affidatario rende difficile o addirittura impossibile l’esercizio delle facoltà e dei doveri connessi alle scelte di maggior interesse per i figli.

Se chi richiede l’affidamento monogenitoriale non dà la prova del comportamento pregiudizievole dell’altro genitore oppure si inventa accuse sul coniuge, potrebbe essere condannato non esclusivamente  alle spese di lite e al risarcimento dei danni ma potrebbe anche perdere l’affidamento del figlio.

Da tenere presente che il genitore non affidatario conserva, comunque, il diritto e il dovere di vigilare sul minore relativamente alla sua istruzione ed educazione. Non solo: se ritiene che l’ex abbia preso decisioni pregiudizievoli al suo interesse, può rivolgersi al giudice.

In sostanza, il genitore non affidatario conserverà:

la responsabilità genitoriale nel tempo trascorso con i figli;

il potere-dovere di vigilare sulla loro istruzione ed educazione;

il potere di fare ricorso al giudice nei casi in cui il genitore affidatario assuma delle decisioni pregiudizievoli per la prole.

Volume consigliato

L’affidamento del minore

Con taglio pratico e utili formule, l’opera è un’analisi delle criticità legate all’affidamento del minore.Attraverso il supporto degli orientamenti giurisprudenziali e di consigli operativi, si offrono le soluzioni ai principali quesiti relativi al diritto alla bigenitorialità, all’affidamento in caso di disgregazione del nucleo familiare, all’assegnazione della casa coniugale e all’utilizzo di questa quale forma di tutela della prole.Si affrontano altresì le questioni del mantenimento e dei criteri per la sua determinazione, dell’ascolto del minore e dell’alienazione parentale.Damiano MarinelliAvvocato cassazionista (marinelli@areaconsulenze.it), arbitro e mediatore, docente di diritto privato e di diritto della mediazione e dell’arbitrato presso l’università eCampus e presso corsi attivati dalle università di Padova, Firenze e Siena. È anche formatore accreditato dal ministero della giustizia. È presidente dell’Associazione Legali Italiani (www.associazionelegaliitaliani.it)Luciano Natale VinciAvvocato del Foro di Matera, svolge la professione forense dall’anno 2005, dividendosi tra i due studi di cui è titolare, in Roma e in Policoro (MT). Impegnato nel diritto di famiglia e nella tutela dei minori sin dall’inizio dell’attività professionale, dall’anno 2011 è cultore di Diritto Privato presso l’Università eCampus.Dall’aprile 2016 è Presidente della Camera Minorile Distrettuale della Lucania e vanta la partecipazione, in qualità di relatore, a numerosi convegni in materia giuridica familiare e minorile.

Damiano Marinelli, Vinci Natale Luciano | 2017 Maggioli Editore

16.00 €  15.20 €

Scrivi un commento

Accedi per poter inserire un commento