Concorso referendario della Corte dei Conti

Concorso Corte dei Conti: per 25 posti da referendario

Redazione

Versione PDF del documento

Le prove scritte del concorso in oggetto, per titoli ed esami, a venticinque posti di referendario nel ruolo della carriera di magistratura della Corte dei conti, indetto con Decreto Presidenziale del 27 marzo 2018, e pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana – 4^ serie speciale “Concorsi” – del 30 marzo 2018, si svolgeranno nei giorni 20, 21, 22 e 23 novembre 2018, presso l’Ergife Palace Hotel, Via Aurelia, n. 619, Roma.

Modalità di consegna codici

I candidati che desiderano consultare testi di legge, come previsto dall’art. 10 – 4° e 5° comma – del bando di concorso, sono tenuti a consegnarli nella predetta sede il giorno 19 novembre 2018, secondo il seguente calendario:

– dalle ore 9.30 alle ore 12.30, i candidati il cui cognome inizia con la lettera compresa tra la A e la L;

– dalle ore 14.00 alle ore 17.00, i candidati il cui cognome inizia con la lettera compresa tra la M e la Z.

Il candidato, munito di un documento di riconoscimento in corso di validità, dovrà recarsi al punto di identificazione seguendo le indicazioni presenti lungo il percorso. Per l’operazione di consegna dei codici e di ogni altro testo ammesso, il candidato ha facoltà di delega; in tal caso il delegato dovrà esibire, all’atto della consegna, a pena di inammissibilità della stessa, specifica delega in originale, proprio documento di riconoscimento in corso di validità e fotocopia del documento di identità del delegante. Una volta identificati, i candidati depositeranno i codici, i testi di legge e i dizionari che desiderano consultare durante le prove scritte, collocati in apposite borse o contenitori. Ogni testo deve recare ben visibile sulla copertina il nome, il cognome e la data di nascita del candidato. I testi devono essere obbligatoriamente riportati in un elenco, contenente i dati anagrafici del candidato. Non saranno ammessi i testi non contemplati nel suddetto elenco.
All’esito della verifica da parte della Commissione esaminatrice saranno esclusi tutti i testi che rechino note, commenti, annotazioni anche a mano, raffronti o richiami dottrinali e giurisprudenziali di qualsiasi genere. Pertanto ciascun candidato è tenuto ad effettuare un preventivo controllo dei testi per evitare: – lo scarto del materiale in sede di verifica da parte della Commissione, con la conseguente impossibilità di disporne durante le prove scritte; – l’esclusione dal concorso per il possesso, successivamente alla dettatura delle tracce, di testi non consentiti o di appunti.

Lo svolgimento delle prove scritte

I candidati, muniti di documento di riconoscimento in corso di validità, dovranno presentarsi alle ore 8,00; l’ingresso in aula sarà consentito fino alle ore 9,00. I candidati dovranno munirsi di una o più penne di inchiostro nero o blu, in quantità sufficiente alla redazione della singola prova, per la quale devono essere utilizzate penne dello stesso colore, atteso che l’utilizzo di penne di colore diverso sarà considerato segno di riconoscimento della prova, idoneo e sufficiente a comportare, in sede di correzione della stessa, la sua non valutabilità. E’ fatto divieto ai candidati di introdurre nella sede di esame carta per scrivere, appunti, manoscritti, quotidiani, libri o pubblicazioni di qualunque genere non previamente consegnati con le modalità di cui sopra, nonché telefoni cellulari, smartphones, iphones, agende elettroniche, tablets e simili, auricolari, cuffie, orologi abilitati alla ricezione e trasmissione, e qualsiasi strumento a tecnologia meccanica, elettrica, elettronica od informatica idoneo alla memorizzazione di informazioni ovvero alla trasmissione di dati, anche se spento. Si evidenzia che l’aula d’esame ed i locali accessori saranno sottoposti a schermatura completa della rete e che i concorrenti potranno essere sottoposti in qualsiasi momento a controlli di qualunque tipo, anche mediante metal detector o personali, da parte di personale delle Forze dell’ordine. Non è consentito introdurre in aula borse, borselli, borsellini, marsupi, portaoggetti, zaini o valigie di alcun tipo o dimensione.

Diventa autore di Diritto.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it  |  www.maggioliadv.it

Gruppo Maggioli
www.maggioli.it

Ricevi tutte le novità di Diritto della settimana 
in una pratica email  direttamente nella tua casella di posta elettronica!

Non abbandonare Diritto.it
senza iscriverti alla newsletter!