Penale Archivi - Pagina 2 di 153

Penale

Corte di Cassazione – sez. fer. pen . – sentenza n. 36844 del 02-09-2019

Ginevra Gaspari

In materia di mandato di arresto europeo, non è necessario che lo schema astratto della norma incriminatrice dell’ordinamento straniero trovi il suo esatto corrispondente in una norma dell’ordinamento italiano ma è sufficiente che il fatto – per come in concreto descritto – corrisponda sul piano qualificatorio ad una delle ipotesi di consegna obbligatoria previste dalla legge ovvero, quanto alla condizione di cui all’art. 7 della legge in esame, che la concreta fattispecie sia punibile come reato in entrambi gli ordinamenti, a nulla rilevando l’eventuale diversità, oltre che del trattamento sanzionatorio, anche del titolo e di tutti gli elementi richiesti per la configurazione del reato.

Al giudice spetta il dovere d’accertare, in un caso, la sussistenza del requisito della doppia incriminabilità di un fatto, che, pur ricondotto nel campo dell’astrattezza, va sempre riferito ad un’ipotesi ascrivibile alla “realtà effettuale” e non a quella “virtuale”, e, dall’altro, in via alternativa, se davvero sussista una ipotesi di c.d. consegna obbligatoria di cui all’art. 8 della legge n. 69 del 2005 fermo restando che tale compito è devoluto alla Corte di appello anche nei casi in cui la questione non sia specificamente dedotta, non solo perché la Corte di merito, in tema di mandato di arresto europeo, non esercita funzioni di giudice della impugnazione, ma perché essa è tenuta a verificare che sussistano tutti i presupposti previsti dalla legge, positivi o negativi, per disporre la consegna.

In tema di mandato di arresto europeo, può essere certamente data esecuzione ad una richiesta di consegna nei confronti di persona imputata di un reato per procedere al compimento di un atto istruttorio specificamente individuato atteso che l’art. 6, comma 1, lett. c), della legge n. 69 del 2005 consente il ricorso alla procedura in esame con riferimento ad ogni provvedimento di natura coercitiva emesso dall’Autorità giudiziaria dello Stato di emissione qualunque ne siano i motivi purché inerenti al processo.

Può essere data esecuzione in Italia ad un M.A.E. emesso sulla base di un provvedimento cautelare volto ad evitare la celebrazione del processo penale in assenza dell’imputato.

Il parametro per valutare la compatibilità della normativa degli Stati dell’Unione europea ai principi costituzionali, richiamati in via generale dall’art. 2 della legge n. 69 del 2005, è rappresentato dai principi «comuni» garantiti dalle Carte sovranazionali ed in particolare dalla Cedu.

La previsione dell’art. 18, lett. e) della L. 22 aprile 2005, n. 69, che stabilisce il rifiuto della consegna «se la legislazione dello Stato membro di emissione non prevede i limiti massimi della carcerazione preventiva», va interpretata alla luce, non del sistema di garanzie previsto dall’ordinamento italiano, bensì dei principi «comuni» di cui all’art. 6 T.U.E., tra i quali si pone quello del contenimento della durata della detenzione preventiva entro «tempi ragionevoli», come garantito dall’art. 5 par. 3 CEDU fino al giudizio di primo di primo grado.

Il motivo di rifiuto basato sull’intervenuta prescrizione del reato, di cui all’art. 18, lett. n), L. 22 aprile 2005, n. 69, opera esclusivamente laddove, sussistendo in concreto le condizioni di procedibilità di cui all’art. 9 cod. pen., vi sarebbe stata effettivamente la possibilità di giudicare il fatto oggetto del m.a.e. in Italia.

Diventa autore di Diritto.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Corte di Cassazione – fer. sez. pen. – sentenza n. 36467 del 28-08-2019

Ginevra Gaspari

La destrezza è configurabile in presenza di una particolare – ossia speciale, ancorché non straordinaria – abilità, astuzia o avvedutezza dell’agente ossia in qualificazioni del suo agire che si aggiungono alla condotta furtiva in sé e per sé considerata siccome idonee a sorprendere, attenuare o eludere la sorveglianza del detentore sulla cosa.

Diventa autore di Diritto.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Corte di Cassazione – III sez. pen. – sentenza n. 36454 del 27-08-2019

Ginevra Gaspari

Spetta all’imputato fornire le indicazioni e gli elementi necessari all’accertamento di fatti e circostanze ignoti che escludono la punibilità dell’agente quali possono essere quelli inerenti le cause di giustificazione, le cause di non punibilità generali previste dal codice penale quali il caso fortuito, la forza maggiore, il costringimento fisico e l’errore di fatto nonché le cause di non punibilità speciali previste dalle leggi penali extracodicistiche

Diventa autore di Diritto.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Corte di Cassazione – III sez. pen. – sentenza n. 36447 del 27-08-2019

Ginevra Gaspari

La fattispecie di lieve entità di cui al comma quinto dell’art. 73, d.P.R. 09 ottobre 1990, n. 309 e la causa di non punibilità per particolare tenuità del fatto ex art. 131 bis cod. pen. sono fattispecie strutturalmente e teleologicamente non coincidenti, atteso che, mentre ai fini della concedibilità della prima, il giudice è tenuto a valutare i mezzi, le modalità e le circostanze dell’azione nonché la quantità e la qualità delle sostanze stupefacenti oggetto della condotta criminosa, ai fini del riconoscimento della causa di non punibilità devono essere considerate le modalità della condotta, il grado di colpevolezza da esse desumibile e l’entità del danno o del pericolo ed altresì il carattere non abituale della condotta.

Diventa autore di Diritto.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Corte di Cassazione – I sez. pen. – sentenza n. 36648 del 29-08-2019

Ginevra Gaspari

Non integra gli estremi del reato di cui al D.Lgs. n. 159 del 2011, art. 73 la condotta del soggetto sottoposto, con provvedimento definitivo, a una misura di prevenzione personale che conduca senza patente – o dopo che la patente sia stata negata, sospesa o revocata un ciclomotore, non potendo tale mezzo essere ricondotto alla categoria dei motoveicoli contemplata dalla suddetta norma.

Diventa autore di Diritto.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA

1 2 3 4 153


Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it  |  www.maggioliadv.it

Gruppo Maggioli
www.maggioli.it

Ricevi tutte le novità di Diritto della settimana 
in una pratica email  direttamente nella tua casella di posta elettronica!

Non abbandonare Diritto.it
senza iscriverti alla newsletter!