Penale Archivi

Penale

Corte di Cassazione – V sez. pen. – sentenza n. 78 del 03-10-2020

Ginevra Gaspari

Il concomitante impegno del difensore nell’esercizio della funzione di vice procuratore onorario (ma il discorso sostanzialmente non muta per il g.o.t.) può essere assimilato all’impegno professionale in altro procedimento sempre che, tuttavia, lo stesso presenti i requisiti per costituire legittimo impedimento

Diventa autore di Diritto.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Corte di Cassazione – V sez. pen. – sentenza n. 43 del 02-01-2020

Ginevra Gaspari

Difatti, in tale pronuncia, è asserito, citandosi giurisprudenza costante formatasi sul punto, che l’inammissibilità della richiesta di revisione può essere dichiarata, oltre che con l’ordinanza prevista dall’art. 634 cod. proc. pen., anche con sentenza successivamente all’instaurazione del giudizio ai sensi dell’art. 636 cod. proc. pen..
Oltre a ciò, viene altresì evidenziato che la declaratoria di inammissibilità della richiesta per essere le “nuove prove” palesemente inidonee ad inficiare l’accertamento dei fatti posti alla base della sentenza di condanna si sottrae a censure in sede di legittimità allorché sia fondata su una motivazione adeguata ed immune da vizi logici.
Il giudizio in ordine a quanto statuito in siffatta sentenza, proprio perché fa chiarezza su tali tematiche procedurali, dunque, non può che essere positivo.

Diventa autore di Diritto.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Corte di Cassazione – V sez. pen. – sentenza n. 49 del 02-01-2020

Ginevra Gaspari

Tal che, alla luce di ciò, se ne faceva conseguire che la questione della rituale instaurazione del rito speciale può essere proposta nella fase degli atti introduttivi al dibattimento al fine di ottenere la restituzione del provvedimento emesso dal Giudice per le indagini preliminari ovvero costituire motivo di impugnazione ordinaria avverso l’eventuale sentenza di condanna resa all’esito del dibattimento illegittimamente instaurato (ibidem, n. 40673 del 2016 cit., in motivazione).

Diventa autore di Diritto.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Corte di Cassazione – Sez. Un. pen. – sentenza n. 51 del 02-01-2019

Ginevra Gaspari

Le Sezioni Unite, pertanto, alla luce delle considerazioni sin qui esposte, formulavano il seguente principio di diritto: “Il divieto di cui all’art. 270 cod. proc. pen. di utilizzazione dei risultati di intercettazioni di conversazioni in procedimenti diversi da quelli per i quali siano state autorizzate le intercettazioni – salvo che risultino indispensabili per l’accertamento di delitti per i quali è obbligatorio l’arresto in flagranza – non opera con riferimento ai risultati relativi a reati che risultino connessi ex art. 12 cod. proc. pen. a quelli in relazione ai quali l’autorizzazione era stata ab origine disposta, sempreché rientrino nei limiti di ammissibilità previsti dalla legge”.

Diventa autore di Diritto.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Corte di Cassazione – II sez. pen. – sentenza n. 188 del 07-01-2020

Ginevra Gaspari

Difatti, in tale pronuncia, richiamandosi una decisione delle Sezioni Unite del 2005 e talune sentenze emesse dalle Sezioni semplici successivamente, viene fatto presente che i disturbi della personalità possono rientrare nel concetto di “infermità” purché siano di consistenza, intensità e gravità tali da incidere concretamente sulla capacità di intendere o di volere, escludendola o scemandola grandemente e a condizione che sussista un nesso eziologico con la specifica condotta criminosa per effetto del quale il fatto di reato sia ritenuto causalmente determinato dal disturbo mentale mentre nessun rilievo, ai fini dell’imputabilità, deve essere dato ad altre anomalie caratteriali o alterazioni e disarmonie della personalità che non presentino i caratteri sopra indicati, nonché agli stati emotivi e passionali, salvo che questi ultimi non si inseriscano, eccezionalmente, in un quadro più ampio di “infermità”.

Diventa autore di Diritto.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Corte di Cassazione -V sez. pen. -sentenza n. 49429 del 05-12-2019

Ginevra Gaspari

L’aggravante dell’esposizione alla pubblica fede, di cui all’art. 625 c.p., comma 1, n. 7, sussiste anche in caso di asportazione di merce dagli scaffali di un esercizio commerciale dotato di placche antitaccheggio e di sistema di videosorveglianza quando l’agente, nell’esecuzione dell’azione di impossessamento, si sia sottratto, anche momentaneamente, al controllo diretto e costante della res, assicurato mediante i presidi di tutela all’uopo predisposti

Diventa autore di Diritto.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA

1 2 3 162


Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it  |  www.maggioliadv.it

Gruppo Maggioli
www.maggioli.it

Ricevi tutte le novità di Diritto della settimana 
in una pratica email  direttamente nella tua casella di posta elettronica!

Non abbandonare Diritto.it
senza iscriverti alla newsletter!