Amministrativa Archivi

Amministrativa

Consiglio di Stato – II sez. – sentenza n. 579 del 19-01-2021

Ginevra Gaspari

Il Consiglio di Stato, nella sentenza n. 579 del 19/01/2021, compie una panoramica giurisprudenziale sulla natura degli atti d’obbligo, giungendo ad affermare che gli atti d’obbligo, proprio in quanto “unilaterali”, pur appartenendo al più ampio genus degli atti negoziali e dispositivi coi quali il privato assume obbligazioni, si caratterizzano per essere teleologicamente orientati al rilascio del titolo edilizio nel quale sono destinati a confluire; essi non rivestono un’autonoma efficacia negoziale, ma incidono tramite la stessa sul provvedimento cui sono intimamente collegati, tanto da divenirne un “elemento accidentale”, mutuando la terminologia di cui alla nota sistematica civilistica che distingue tra essentialia e accidentalia negotii (cfr. Cons. Stato, sez. IV, 26 novembre 2013, n. 5628; Cass., Sez. Un., 11 luglio 1994, n. 6527; id. 20 aprile 2007, n. 9360).

Diventa autore di Diritto.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Consiglio di Stato – Ad. Pl. – sentenza n. 6 del 20-02-2020

Ginevra Gaspari

Il Consiglio di Stato in Adunanza Plenaria, sentenza n. 6 del 20/2/2020 si pronuncia sulla legittimazione ad esperire azioni a tutela degli interessi legittimi collettivi degli enti associativi esponenziali, iscritti nello speciale elenco delle associazioni rappresentative di utenti o consumatori o in possesso dei requisiti individuati dalla giurisprudenza.

Diventa autore di Diritto.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Consiglio di Stato – ordinanza n. 7713 del 07-12-2020

Ginevra Gaspari

Il Consiglio di Stato, con ordinanza n. 7713 del 7 dicembre 2020, ha rimesso alla Corte di Giustizia dell’Unione Europea la questione di definire, al di fuori dei casi di controllo societario, quali siano i criteri rilevanti per stabilire se il coordinamento contrattuale tra gli operatori economici formalmente autonomi e indipendenti dia luogo ad un’unica entità economica ai sensi degli artt. 101 e 102 TFUE.
Inoltre, viene richiesto alla Corte di Giustizia se nel caso di clausole di esclusiva tali clausole possano o meno essere verificate dall’Autorità posta a presidio della concorrenza.

Diventa autore di Diritto.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA

T.A.R. Lombardia – sentenza n. 1895 del 13-10-2020

Ginevra Gaspari

Non basta, dunque, imporre un generale divieto di discriminazione per sostenere lo sviluppo delle PMI; il legislatore europeo ha anche chiesto agli Stati membri di introdurre misure al fine di facilitare ed incoraggiare[1] la partecipazione delle imprese di dimensioni contenute al mercato degli appalti pubblici, cercando di rendere quanto più eguali le condizioni di partenza delle piccole e medie imprese a quelle delle macro-imprese.

 

Diventa autore di Diritto.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Consiglio di Stato – Ad. Pl. – sentenza n. 24 del 04-12-2020

Ginevra Gaspari

Compiendo un’ampia disamina dell’istituto della prescrizione e del giudizio di ottemperanza, il Consiglio di Stato, Adunanza Plenaria, sentenza n. 24 del 4/12/2020 ha affermato che il termine decennale previsto dall’articolo 114 comma 1 c.p.a. può essere interrotto anche con atto stragiudiziale volto a conseguire quanto spetta in base al giudicato.

Diventa autore di Diritto.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA

T.A.R. Puglia-Lecce – sentenza n.1321 del 27-11-2020

Ginevra Gaspari

La sentenza del Tribunale Amministrativo Regionale per la Puglia-Lecce, n.1321 del 27/11/2020, ponendosi in mutamento rispetto alle numerose precedenti pronunce dell’autorità giurisdizionale sul tema, afferma che la norma nazionale anche se in conflitto con quella europea è vincolante per la Pubblica Amministrazione in quanto il potere di disapplicazione è attribuito soltanto al giudice.

Diventa autore di Diritto.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Consiglio di Stato sentenza n. 7182 del 19-1-2020

Ginevra Gaspari

Nella sentenza in commento (cfr. Consiglio di Stato sentenza n.7182 del 19/11/2020) viene presa in esame la scelta della stazione appaltante di aggiudicare secondo il criterio del minor prezzo.

Per la giurisprudenza il legittimo ricorso al criterio del minor prezzo, ai sensi dell’art. 95, comma 4, lett. b), del Codice dei contratti pubblici, in deroga alla generale preferenza accordata al criterio di aggiudicazione costituito dall’offerta economicamente più vantaggiosa, si giustifica in relazione all’affidamento di forniture o di servizi che siano, per loro natura, strettamente vincolati a precisi e inderogabili standard tecnici o contrattuali ovvero caratterizzati da elevata ripetitività e per i quali non vi sia quindi alcuna reale necessità di far luogo all’acquisizione di offerte differenziate (cfr. Consiglio di Stato sentenza n.444 del 20/01/2020). 

Diventa autore di Diritto.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA

1 2 3 178


Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it  |  www.maggioliadv.it

Gruppo Maggioli
www.maggioli.it

Ricevi tutte le novità di Diritto.it attraverso le nostre newsletter. Se sei interessato a un ambito specifico effettua l’iscrizione direttamente a questo indirizzo.

Non abbandonare Diritto.it
senza iscriverti alle newsletter!