I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo sito. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. [Leggi i dettagli] [OK]
Diritto.it

ISSN 1127-8579

Pubblicato dal 19/04/2017

All'indirizzo http://www.diritto.it/docs/5091620-lotta-all-estremismo-jihadista-alla-camera-nasce-il-crad-e-arrivano-figure-specializzate?source=1&tipo=news

Autori:

Lotta all’estremismo jihadista alla Camera: nasce il CRAD e arrivano figure specializzate

Lotta all’estremismo jihadista alla Camera: nasce il CRAD e arrivano figure specializzate

Pubblicato in Notizie di diritto il 19/04/2017

Lotta all’estremismo jihadista alla Camera: nasce il CRAD e arrivano figure specializzate Ieri alla camera è stata discussa la proposta di legge volta alla repressione del fenomeno jihadista tramite l'adozione di misure, interventi e programmi per prevenire fenomeni di radicalizzazione e di diffusione dell'estremismo violento di matrice jihadista nonché a favorire la deradicalizzazione e il recupero in termini di integrazione sociale, culturale e lavorativa dei soggetti coinvolti. È definita "radicalizzazione" il consolidarsi di un atteggiamento del soggetto simpatizzante o aderente manifestamente ad ideologie di matrice jihadista, ispirate all'uso della violenza e del terrorismo, politicamente o religiosamente motivati.
 

Centro Nazionale sulla Radicalizzazione e Prefetture: nuovo sistema

Al centro della proposta, vi è l'istituzione del Centro nazionale sulla radicalizzazione (CRAD) presso il Dipartimento delle libertà civili e dell'immigrazione del Ministero dell'interno, che elabora annualmente il piano strategico nazionale di prevenzione dei processi di radicalizzazione e di adesione all'estremismo violento di matrice jihadista e di recupero dei soggetti coinvolti nei fenomeni di radicalizzazione.
L’Ente sarebbe deputato a gestire i progetti, le azioni e le iniziative da realizzare per contrastare il fenomeno, anche prevedendo l'adozione di strumenti legati all'evoluzione tecnologica, tra cui la possibile istituzione di un numero verde, la promozione di progetti pilota o di poli di sperimentazione per l'individuazione delle migliori pratiche di prevenzione, nonché il possibile utilizzo dei fondi europei RAN. I progetti elaborati a livello centrale, dovrebbero poi essere realizzati dai Centri di
coordinamento regionali sulla radicalizzazione (CCR), presso le Prefetture – UTG dei capoluoghi di regione.

 

Corsi di formazione per forze armate, docenti, operatori socio-sanitari

Un'ulteriore novità è la previsione di attività di formazione specialistica, anche per la conoscenza delle lingue straniere, consistenti in particolare in programmi e corsi volti a fornire elementi di conoscenza anche in materia di dialogo interculturale e interreligioso al fine di prevenire fenomeni di radicalizzazione ed estremismo violento di matrice jihadista. La formazione è rivolta al personale delle forze di polizia, delle forze armate e dell'amministrazione penitenziaria, ai docenti e ai dirigenti di scuole e università, agli operatori dei servizi sociali e socio-sanitari.
 

Pluralismo e integrazione a scuola: l’Osservatorio

Molto importante è poi l’idea di istituire l'Osservatorio nazionale per l'integrazione degli alunni stranieri e per l'intercultura elabora, conformandosi al Piano strategico nazionale elaborato dal CRAD, linee guida sul

Libro in evidenza

Vittime di crimini violenti

Vittime di crimini violenti


L'ambito di indagine della presente opera riguarda la VITTIMOLOGIA CRIMINALE e, in particolare, le sole vittime di delitti "comuni" contro la persona aventi natura dolosa ed intenzionale. L'analisi delle problematiche è condotta sapientemente con modalità interdisciplinare, non solo sul piano giuridico...

38.00 € 32.30 € Scopri di più

su www.maggiolieditore.it

sul dialogo interculturale e interreligioso, finalizzate a diffondere una cultura del pluralismo e a prevenire episodi di radicalizzazione in ambito scolastico. Si prevede altresì la possibilità per le reti di scuole di stipulare convenzioni con università, istituzioni, enti, associazioni o agenzie presenti sul territorio, per lo sviluppo di iniziative che prevedano la presenza di esperti, secondo linee guida che devono essere definite con decreto del Ministro dell'istruzione, dell'università e della ricerca. Infine, è stabilito che, con accordo tra lo Stato e le regioni, sono individuate le modalità per l'attuazione di misure per la prevenzione della radicalizzazione e dell'estremismo violento di matrice jihadista nel sistema dell'istruzione e della formazione professionale.



Nuovi professionisti di mediazione culturale

Nasceranno, a seguito dell’eventuale approvazione, anche figure specialistiche post-universitarie, esperte nel condurre un dialogo interreligioso, nelle relazione interculturali ed economiche e nello sviluppo dei paesi di emigrazione, previsti ed organizzati da accordi di cooperazione fra università italiane e università dei paesi aderenti all'Organizzazione della cooperazione islamica, con i quali l'Italia ha stipulato accordi di cooperazione culturale, scientifica e tecnologica.
 

Detenuti, rieducazione e deradicalizzazione

Piani ad hoc anche per i detenuti, che non solo saranno sottoposti all’ordinario programma di rieducazione, ma anche a quello di deradicalizzazione. Ciò in accordo con il Garante dei detenuti e d'intesa con il CRAD, nonché individuando criteri per consentire l'accesso e la frequenza degli istituti penitenziari a quanti, in possesso di adeguate conoscenze e competenze sui fenomeni di radicalizzazione, dimostrino di potere utilmente promuovere lo sviluppo dei contatti tra la comunità carceraria e la società libera.
Fonte: http://www.camera.it/leg17/465?tema=prevenzione_dell_estremismo_jahadista

Libri correlati

Logo_maggioliadv
Per la pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it | www.maggioliadv.it
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Logo_maggioli