I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo sito. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. [Leggi i dettagli] [OK]
Diritto.it

ISSN 1127-8579

Pubblicato dal 19/05/2017

All'indirizzo http://www.diritto.it/docs/39364-la-dichiarazione-di-revoca-del-decreto-di-ammissione-al-beneficio-del-gratuito-patrocinio

Autore: Sciortino Giancarlo

La dichiarazione di revoca del decreto di ammissione al beneficio del gratuito patrocinio

La dichiarazione di revoca del decreto di ammissione al beneficio del gratuito patrocinio

Pubblicato in Diritto processuale civile il 19/05/2017

Autore

49805 Sciortino Giancarlo

Qui la sentenza n. 193/2017 - 21/2/2017 - Tribunale - Termini Imerese

Pagina: 1 2 di 2

La dichiarazione di revoca del decreto di ammissione al beneficio del gratuito patrocinio Si segnala all’attenzione dei lettori il recentissimo arresto (sentenza n. 193, pubblicata il 21.02.2017), con il quale il Giudice Monocratico del Tribunale di Termini Imerese, pronunciandosi in materia locatizia, ha avuto modo di fornire alcune preziose considerazioni sulla – delicata – questione relativa la dichiarazione sanzionatoria di revoca del beneficio dell’ammissione al patrocinio a spese dello stato, nei casi di cui all’art. 136 del D.P.R. n. 115/2002.
La Curia termitana ha, con lodevole chiarezza, indicato gli attuali parametri normativi della questione, contestualizzandoli in relazione alla concreta vicenda sottoposta al suo giudizio, finendo per fornire un’utile chiave di lettura, con indicazioni pratiche degne di nota.
È noto l’attuale quadro normativo, risultante dal disposto di cui all’art. 136 del T.U. sulle Spese di Giustizia.
La norma citata, infatti, prevede che: “Se nel corso del processo sopravvengono modifiche delle condizioni reddituali rilevanti ai fini dell'ammissione al patrocinio, il magistrato che procede revoca il provvedimento di ammissione”.
Gli altri due commi, inoltre, stabiliscono come: “Con decreto il magistrato revoca l'ammissione al patrocinio provvisoriamente disposta dal consiglio dell'ordine degli avvocati, se risulta l'insussistenza dei presupposti per l'ammissione ovvero se l'interessato ha agito o resistito in giudizio con mala fede o colpa grave. La revoca ha effetto dal momento dell'accertamento delle modificazioni reddituali; in tutti gli altri casi ha efficacia retroattiva”.
La
norma de qua è stata concepita dal Legislatore soprattutto in relazione alle – non infrequenti – modificazioni reddituali, nel corso del giudizio, della parte precedentemente ammessa al beneficio del gratuito patrocinio.
Ed invero, la quasi totalità dei casi decisi dalla A.G. in ordine alla applicazione della norma de qua, inferiscono la contestazione della sussistenza dell’avvenuta modificazione – in melius – delle condizioni reddituali della parte ammessa al beneficio, successivamente revocato.
Ben più rara, viceversa, l’applicazione della disposizione dettata dai commi 2 e 3 del citato art. 136, forse anche per una malcelata, talvolta ingiustificata, ritrosia delle nostre Curie nell’applicazione del meccanismo sanzionatorio ivi dettato.
Eppure, la stessa Corte Suprema ha, nei rari casi in cui ha avuto modo di esprimersi in tema, costantemente evidenziato l’utilità della sanzione della decadenza dal beneficio del gratuito patrocinio “ogni qual volta ci si trovi dinnanzi

Libro in evidenza

SFRATTO, LOCAZIONI IMMOBILIARI E PROCESSO LOCATIZIO

SFRATTO, LOCAZIONI IMMOBILIARI E PROCESSO LOCATIZIO


Il volume è uno strumento di immediata utilità per chi si confronta con le locazioni immobiliari.Con taglio pratico e operativo, l’opera affronta le problematiche inerenti il procedimento sommario di convalida di sfratto, sia per le locazioni a uso abitativo sia per...

36.00 € 28.80 € Scopri di più

su www.maggiolieditore.it

dinnanzi a situazioni in cui sia palese la colpa grave - se non il dolo - della parte ammessa, nell’agire o nel resistere in giudizio, con il solo fine dilatorio o emulativo in danno dell’avversario” (Cass. Civ., Ordinanza n. 220/2009).
Semplice la ricostruzione fattuale dell’iter processuale.
Un soggetto, proprietario di un bene immobile, lo concedeva in locazione ad uso diverso.
Intimava, poi, lo sfratto per morosità; costituitosi l’intimato, quest’ultimo si opponeva, sollevando varie eccezioni in merito alle condizioni dell’immobile de quo, contestando, inoltre, l’esistenza di precedente contratto, a suo dire, regolante i rapporti inter partes. Il giudizio veniva istruito.
Medio tempore, stante le pessime condizioni statiche dell’immobile, l’ente comunale ordinava alle parti l’immediata esecuzione delle opere di messa in sicurezza dello stesso.
Disponibilità piena dell’attrice; totale, ingiustificato, atteggiamento di chiusura dell’avversario, che, anzi, rifiutava, per ben due volte, la possibile definizione transattiva, pure sollecitata dal Decidente.
Di qui la decisone annotata che, a parere dello scrivente, rende piena giustizia alla norma richiamata.
Con la sentenza de qua, infatti, il Tribunale, dopo aver accolto la domanda attrice ed ordinato l’immediato rilascio del bene immobile in favore del proprietario, ha significativamente applicato, a titolo sanzionatorio, l’art. 136 D.P.R. n. 115/02.
È noto che la previsione dell’istituto del patrocinio dei non abbienti sia contenuta nella stessa Costituzione, posto dal comma terzo dell'art. 24 Cost., si radica sul presupposto della “non abbienza” (art. 74 del D.P.R. n. 115 del 2002) significativamente all’interno della disposizione che afferma e garantisce il diritto di chiunque alla tutela giurisdizionale dei diritti soggettivi e degli interessi legittimi.
È intuitivo, infatti, che l’effettiva tutela di tale principio debba accompagnarsi, per i meno abbienti, con la predisposizione di strumenti e mezzi in grado di evitare che la situazione di indigenza impedisca di fatto il ricorso
[...]
Pagina: 1 2 di 2

Libri correlati

Logo_maggioliadv
Per la pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it | www.maggioliadv.it
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Logo_maggioli