I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo sito. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. [Leggi i dettagli] [OK]
Diritto.it

ISSN 1127-8579

Pubblicato dal 13/04/2017

All'indirizzo http://www.diritto.it/docs/39279-danno-da-provvedimento-favorevole-riparto-di-giurisdizione-natura-responsabilit

Autore: Federica Comito

Danno da provvedimento favorevole: riparto di giurisdizione, natura responsabilità

Danno da provvedimento favorevole: riparto di giurisdizione, natura responsabilità

Pubblicato in Diritto amministrativo il 13/04/2017

Autore

50507 Federica Comito
Pagina: 1 2 3 di 3

Danno da provvedimento favorevole: riparto di giurisdizione, natura responsabilità Tra i  profili di giurisdizione più dibattuti, assoluto rilievo occupa quello riguardante le azioni risarcitorie proposte contro la PA.
Il C.P.A prevede che siano devolute alla giurisdizione amministrativa le controversie riguardanti gli interessi legittimi e nelle particolari materie indicate dalla legge, il G.A. possa conoscere dei diritti soggettivi , concernenti l’esercizio o il mancato esercizio del potere amministrativo riguardanti provvedimenti, atti , accordi o comportamenti, riconducibili anche mediatamente, all’esercizio di tale potere.
Sono inoltre, attribuite alla giurisdizione amministrativa le controversie relative al risarcimento del danno per lesione di interessi legittimi e, nelle materie di giurisdizione esclusiva,  il giudice amministrativo conosce anche ai  fini risarcitori, delle controversie nelle quali si faccia questione di diritti soggettivi.
Tali previsioni  sono conformi ai principi affermati dalla Corte Costituzionale nelle sentenza n. 204/2004 e n.191/2006.
Da tali pronunce si evince come sia da escludere che la mera partecipazione della PA al giudizio, ovvero il coinvolgimento di un pubblico interesse, sia sufficiente a radicare la giurisdizione del giudice amministrativo. Ciò che giustifica la giurisdizione amministrativa è il fatto che la PA abbia esercitato poteri autoritativi, sia con l’emanazione di atti, che di comportamenti . in quest’ultima ipotesi bisogna stabilire se la PA abbia agito con modalità autoritative o meno , distinguendo così, quelle che concretizzano comportamenti in senso stretto , sottratti alla
cognizione del giudice amministrativo e comportamenti autoritativi, ossia condotte che, pur non sfociando nell’adozione di un atto, sono legate all’esercizio del potere della PA.
La difficoltà di individuare il confine tra comportamento ed esercizio del potere si è, particolarmente, avvertita con riguardo alle domande aventi ad oggetto il danno derivante dalla lesione dell’affidamento incolpevole del privato , nella apparente validità di un provvedimento favorevole poi annullato dal giudice amministrativo , ovvero in autotutela.
Il tema ha importanti rilievi pratici in materia di giurisdizione e ha riscontrato particolare interesse nella Giurisprudenza civile e amministrativa, dando origine a contrastanti orientamenti  oggi risolti dalla recente ordinanza delle SU della Cassazione Civile.
Un primo filone giurisprudenziale aderiva alla tesi secondo cui tale domanda va proposta al giudice ordinario. A sostegno di tale posizione si evidenziava come il danno sofferto da un privato non derivi direttamente

Libro in evidenza

Manuale dellElecito amministrativo

Manuale dellEillecito amministrativo


La crisi del sistema punitivo penale rende sempre più evidente l’efficacia del diritto amministrativo punitivo, varato con la legge n. 689/1981. Di questa efficacia si rende ben conto la legislazione vigente, atteso che, dall’ampio e variegato panorama offerto dalle leggi regionali,...

58.00 € 49.30 € Scopri di più

su www.maggiolieditore.it

direttamente dal provvedimento favorevole illegittimo, ma dal comportamento della PA, che ha ingenerato un incolpevole affidamento in capo alla parte, poi frustato dall’annullamento.
Derivando il danno , non dal provvedimento amministrativo , bensì dal comportamento della PA, la giurisdizione sulle domande aventi ad oggetto il suo risarcimento dovrebbe appartenere al giudice ordinario. Questa tesi è valevole anche nelle materie a cui è attribuita la giurisdizione esclusiva poiché, come evidenziato dalla sentenza n. 204/2004, essendo il giudice amministrativo il giudice nella PA e non della PA, anche nelle materie di giurisdizione esclusiva, il GA può conoscere le sole controversie in cui il risarcimento del danno sia domandato quale rimedio per le conseguenze dannose provocate dall’atto illegittimo, restando invece devolute al giudice ordinario le controversie nelle quali l’atto amministrativo non sia sfavorevole, ma favorevole e costituisca solo  uno degli elementi che compongono il complessivo comportamento scorretto dalla PA.
I fautori di tale orientamento evidenziano come, in queste ipotesi, una volta intervenuto l’annullamento del provvedimento favorevole illegittimo, esso non rilevi più come provvedimento che rimuove un ostacolo all’esercizio di un diritto, ma rilevi soltanto quale comportamento degli organi che lo hanno rilasciato, integrando,  ex art. 2043 c.c., gli estremi di un atto illecito per violazione del neminem ledere imputabile alla PA, per avere tale atto ingenerato l’incolpevole affidamento nel privato.
Questi, invocando la tutela risarcitoria non contesa  un esercizio illegittimo del potere, ma contesta un comportamento consistito nell’emissione di atti favorevoli , poi ritirati dal giudice amministrativo o in autotutela. Al contrario, la giurisprudenza amministrativa ha da sempre criticato le ricostruzioni operate dalla giurisdizione civile.
La giurisprudenza amministrativa non riconduce il danno da provvedimento favorevole alla categoria del diritto soggettivo, escludendo che l’affidamento incolpevole possa considerarsi una situazione soggettiva autonoma. L’affidamento è un elemento che arricchisce il
[...]
Pagina: 1 2 3 di 3

Poni un quesito in materia di Diritto amministrativo


Libri correlati

Articoli correlati

Logo_maggioliadv
Per la pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it | www.maggioliadv.it
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Logo_maggioli