I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo sito. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. [Leggi i dettagli] [OK]
Diritto.it

ISSN 1127-8579

Pubblicato dal 04/04/2017

All'indirizzo http://www.diritto.it/docs/39244-i-condomini-sono-parti-originarie-del-processo-instaurato-dall-amministratore

Autore: Graziotto Fulvio

I condomini sono parti originarie del processo instaurato dall'amministratore

I condomini sono parti originarie del processo instaurato dall'amministratore

Pubblicato in Diritto civile e commerciale, Diritto processuale civile il 04/04/2017

Autore

50130 Graziotto Fulvio

Qui la sentenza n. 4436/2017 - 4/4/2017 - Corte di Cassazione - Civile, II

Pagina: 1 2 di 2

I condomini sono parti originarie del processo instaurato dall'amministratore Il condominio è un ente di gestione sfornito di personalità giuridica distinta da quella dei singoli condomini
L'amministratore lo rappresenta nella sua interezza ed unitarietà, e i condomini sono pertanto parti originarie del processo instaurato dall'amministratore: per eccepire la mancanza di responsabilità a loro carico, devono intervenire nel in giudizio.
 
Decisione: Sentenza n. 4436/2017 Cassazione Civile - Sezione II
Classificazione: Amministrativo, Civile, Commerciale, Penale, Societario, Tributario
Parole chiave: #amministratoredicondominio, #condominio, #legittimazione, #opposizionediterzo, #fulviograziotto, #scudolegale
 
Il caso.
Il Tribunale condannava un condominio, in solido con la società che gestiva la manutenzione degli ascensori, e con condanna alla compagnia assicurativa in manleva della società, al pagamento di circa 750 mila euro per i danni subiti da una bambina precipitata nel vano ascensore riportando lesioni gravissime.
La Corte di Appello riformava la sentenza del Tribunale, ravvisando la esclusiva responsabilità condominiale, assolveva la società; condannava il condominio a pagare, e la danneggiata a restituire le somme corrisposte dalla compagnia assicurativa.
Alcuni condomini proponevano successivamente opposizione di terzo, ex art. 404 codice di procedura ciivile, deducendo che ilcondominio era un edificio composto da quattro scale indipendenti, e che pertanto sussisteva un condominio parziale; di conseguenza, ritenevano che i condomini tenuti a pagare fossero solo quelli della scala interessata dall'incidente.
In via subordinata, chiedevano di veder dichiarato che la
sentenza fosse a carico del condominio, e non solidalmente né nominativamente, a carico dei singoli condomini.
La Corte di Appello dichiarava inammissibile l'opposizione di terzo per carenza dei presupposti di cui all'art. 404 c.p.c., non essendo i condomini terzi rispetto alla pronuncia opposta.
Avverso tale decisione proponevano ricorso per cassazione i condomini delle altre scale, ma la Suprema Corte rigetta il ricorso.
 
La decisione.
La Cassazione riassume le richieste dei ricorrenti, e quindi passa ad esaminare i vari motivi di ricorso, tra i quali quello relativo alla legittimazione dei condomini a proporre opposizione di terzo.
Il Collegio rileva che «per costante giurisprudenza, la legittimazione ad impugnare la sentenza con l'opposizione di terzo ordinaria (art. 404, primo comma, cod. proc. civ.) presuppone in capo all'opponente la titolarità di un diritto autonomo la cui tutela sia incompatibile con la situazione giuridica risultante

Libro in evidenza

Guida operativa al recupero crediti

Guida operativa al recupero crediti


L’opera è uno strumento pratico e operativo che soddisfa le esigenze del professionista, chiamato quotidianamente, fuori e dentro le aule di giustizia, a orientarsi nel disarticolato insieme di disposizioni normative sul recupero del  credito. Il volume risulta aggiornato alle più recenti novità...

50.00 € 40.00 € Scopri di più

su www.maggiolieditore.it

risultante dalla sentenza pronunciata tra altre parti (Cass., Sez. III, 13 marzo 2009, n. 6179; Cass., Sez. Lav., 14 aprile 2010, n. 8888). Va inoltre ribadito che il giudicato formatosi all'esito di un processo in cui sia stato parte l'amministratore di un condominio, fa stato anche nei confronti dei singoli condomini, pure se non intervenuti in giudizio, atteso che il condominio è ente di gestione sfornito di personalità giuridica distinta da quella dei singoli condomini (Cass., Sez. II, 22 agosto 2002, n. 12343; Cass., Sez. III, 24 luglio 2012, n. 12911). Deve pertanto essere esclusa in capo ai condomini istanti la legittimazione all'opposizione ordinaria ex art. 404 cod. proc. civ., non essendo essi terzi rispetto alla situazione giuridica affermata con la sentenza passata in giudicato».
E precisa la natura di parte dei condomini: «I condomini opponenti sono parti originarie rispetto alla lite conclusa con la sentenza impugnata con l'opposizione di terzo (Cass., Sez. III, 16 maggio 2011, n. 10717): infatti, è stato citato in giudizio il condominio nella sua interezza ed unitarietà e si è costituito il relativo amministratore senza sollevare eccezioni in relazione alla carenza di legittimazione passiva di una parte dei condomini (i condomini appartenenti alle scale A, B e C), i quali non hanno ritenuto di intervenire in giudizio per eccepire la mancanza di ogni responsabilità a loro carico».
Ne deriva che «I condomini opponenti avrebbero dovuto intervenire nel giudizio in cui la difesa è stata assunta dall'amministratore o anche avvalersi, in via autonoma, dei mezzi di impugnazione dell'appello o del ricorso per cassazione per evitare gli effetti sfavorevoli della sentenza pronunciata nei confronti del condominio rappresentato dall'amministratore (Cass., n. 10717 del 2011, cit.; Cass., Sez. II, 6 agosto 2015, n. 16562)».
La Cassazione ritiene infondate le censure mosse dai ricorrenti
[...]
Pagina: 1 2 di 2

Poni un quesito in materia di civile


Libri correlati

Logo_maggioliadv
Per la pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it | www.maggioliadv.it
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Logo_maggioli