I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo sito. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. [Leggi i dettagli] [OK]
Diritto.it

ISSN 1127-8579

Pubblicato dal 04/04/2017

All'indirizzo http://www.diritto.it/docs/39241-il-tribunale-di-monza-si-pronuncia-sulla-formula-per-l-usurariet-e-sull-onere-probatorio

Autore: Prof.ssa Rosanna Pagliuca (Studio Mascellaro Fanelli & Partners)

Il Tribunale di Monza si pronuncia sulla formula per l'usurarietà e sull'onere probatorio

Il Tribunale di Monza si pronuncia sulla formula per l'usurarietà e sull'onere probatorio

Pubblicato in Diritto civile e commerciale il 04/04/2017

Autore

50417 Prof.ssa Rosanna Pagliuca (Studio Mascellaro Fanelli & Partners)

Qui la sentenza n. 6/3/2017 - 6/3/2017 - Tribunale - Monza, I civile


Il Tribunale di Monza si pronuncia sulla formula per l'usurarietà e sull'onere probatorio Favorevole al ceto bancario: il Tribunale di Monza si pronuncia sulla formula per l’usurarietà e sull’onere probatorio.
 
La Banca, difesa congiuntamente dall’ Avv. FRANCESCA CLEMENTE e dal consulente tecnico della Banca, D.ssa Silvana MASCELLARO di SMF&P (STUDIO MASCELLARO-FANELLI & PARTNERS), ha ottenuto tre importanti riconoscimenti per l’intero ceto bancario.
 
Il Tribunale di Monza ha pubblicato la sentenza numero 661 del 6 marzo 2017, con cui ha precisato, tra l’altro, tre profili particolarmente interessanti in materia di: a) distribuzione dell’onere della prova; b) inammissibile una perizia di parte generica; c) formula della Banca d’Italia per la verifica dell’usurarietà, unica applicabile; d)l’Euribor non rientra nell’art. 118 TUB.
 
In tema di distribuzione dell'onere della prova, il Tribunale di Monza ha ritenuto decisiva l’omessa acquisizione preventiva ex art. 119 TUB della documentazione probante che non può essere superata mediante richiesta di esibizione.
 
Il Giudice ha inoltre contestato la perizia di parte prodotta dal correntista in quanto redatta e costruita sulla base di presupposti di fatto erronei, strutturata su di una lunga premessa teorica, priva di indicazione metodologica, errata per includere nella determinazione delle tecniche indistintamente tutti gli oneri contabilizzati negli estratti di conto corrente, in netto discostamento dalle formule della Banca d'Italia che viene confermata quale unica applicabile.
 
Altro argomento affrontato nella la sentenza
che si commenta concerne il tema della variazione del tasso di interesse. A tal a proposito, il giudicante ha affermato che "Non costituiscono variazioni rilevanti ai fini dell’art.118 TUB, i tassi di interesse indicizzati e la variazione dei parametri oggettivi e, come tali, non comportano l'obbligo della comunicazione” da parte della Banca.

Libro in evidenza

Come difendersi dalle cartelle esattoriali

Come difendersi dalle cartelle esattoriali


L’opera, con il pratico FORMULARIO (su Cd-Rom) e le TAVOLE SINOTTICHE, è un prezioso strumento di lavoro per magistrati ordinari e tributari, avvocati, dottori commercialisti e altri professionisti abilitati alla difesa davanti alle Commissioni tributarie provinciali e regionali, nonché davanti alla...

50.00 € 40.00 € Scopri di più

su www.maggiolieditore.it

Poni un quesito in materia di civile


Libri correlati

Articoli correlati

Logo_maggioliadv
Per la pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it | www.maggioliadv.it
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Logo_maggioli