I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo sito. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. [Leggi i dettagli] [OK]
Diritto.it

ISSN 1127-8579

Pubblicato dal 20/02/2017

All'indirizzo http://www.diritto.it/docs/39083-il-diritto-penale-internazionale-in-svizzera

Autore: Baiguera Altieri Andrea

Il diritto penale internazionale in Svizzera

Il diritto penale internazionale in Svizzera

Pubblicato in Diritto penale, Diritto internazionale il 20/02/2017

Autore

46524 Baiguera Altieri Andrea
Pagina: 1 2 3 4 5 6 7 di 7

Il diritto penale internazionale in Svizzera I delitti universalmente perseguibili da parte dell’AG svizzera.
 
Tutti gli Autori svizzeri definiscono come << crimini internazionali >> delitti gravi e non ordinari quali, principalmente, il genocidio, i crimini contro l’umanità, i crimini di guerra e la tortura. Solitamente, questi reati sono commessi all’interno di contesti quali i conflitti bellici, le situazioni di anarchia nazionale e la tratta di esseri umani. Gli interpreti di Diritto Penale Processuale sottolineano che il comma 3 Art. 3 StGB e l’Art. 8 StGB, a livello di esegesi giurisprudenziale, non escludono affatto la perseguibilità di un crimine contro i Diritti fondamentali dell’essere umano, anche nel caso in cui il reo abbia consumato il delitto all’estero per poi cercare l’impunità all’interno del territorio svizzero. A tal proposito è eloquente ed auto-descrittivo il cpv. 1 comma 3 Art. 3 StGB: << [ l’autore non è perseguibile all’estero ] fatta salva una grave violazione dei Principi della Costituzione federale e della Convenzione del 4 novembre 1950 per la salvaguardia dei diritti dell’uomo e delle libertà fondamentali (CEDU) >>. La medesima regola di fondo è contenuta nel comma 1 Art. 7 StGB, che si riferisce, seppur in forma implicita, ai crimini internazionali qualificabili come tali ai sensi del Diritto Internazionale Pubblico regolarmente ratificato dalla Confederazione. Del resto, lo Statuto di Roma sulla Corte Penale
Internazionale, grazie alla LF 18/06/2010 ha recato, finalmente, all’Art. 264 m StGB, il quale, a partire dallo 01/01/2011, consente alla Magistratura elvetica di punire direttamente gravi violazioni delle Convenzioni di Ginevra del 1949 (Art. 264 b StGB), crimini di guerra contro civili inermi (Art. 264 d StGB), mutilazioni genitali non giustificate (Art. 264 e StGB), reclutamento di bambini-soldato (Art. 264 f StGB), metodi di guerra vietati (Art. 264 g StGB), impiego di armi vietate (Art. 264 h StGB) e violazione di armistizio (Art. 264 i StGB). Alla luce del contesto internazionale degli Anni Duemila, molti Dottrinari hanno tentato di rinvenire Norme eccezionali pregresse allo 01/01/2011, tuttavia BGE 117 IV 369 nonché FAVRE & PELLET & STOUDMANN (2011) hanno stabilito la totale non retroattività dell’Art. 264 m StGB e di tutta la nuova Normazione introdotta dalla LF 18/06/2010.
Senza dubbio, l’Art. 6

Libro in evidenza

Codice penale e leggi complementari

Codice penale e leggi complementari


La presente edizione del Codice penale e leggi complementari è aggiornata a significativi provvedimenti, tra i quali segnaliamo:- la L. 28 luglio 2016, n. 153 (G.U. 9 agosto 2016, n. 185), recante norme per il contrasto al terrorismo, nonché ratifica ed...

15.00 € 12.75 € Scopri di più

su www.maggiolieditore.it

6 StGB non va esteso per analogia al comma 1 Art. 264 m StGB, in tanto in quanto << è punibile [ universalmente ] anche colui che ha commesso all’estero un reato previsto dai titoli XII bis, XII ter o dall’Art. 264 k, se si trova in Svizzera e non è estradato ad un altro Stato o consegnato ad un tribunale penale internazionale di cui la Svizzera riconosce la competenza >>
In Dottrina ed in svariati Precedenti del Tribunale Penale federale, l’applicazione, dal 2011, del nuovo Art. 264 m StGB esige che il reo sia materialmente presente nel territorio svizzero. Dunque, è esclusa la processabilità in contumacia, come nel caso dell’Ordinamento francese. In secondo luogo, come precisato e confermato da BGE 121 IV 145, il responsabile dei crimini pp. e pp. ex Art. 264 m StGB non dev’essere estradato o estradabile, oppure l’estradizione in Svizzera è stata negata perché lo Stato richiedente non intende avviare alcun Procedimento Penale, oppure tale Paese reca l’intenzione ufficiosa di garantire l’impunità totale, o pressoché totale, del criminale di guerra già fermato o arrestato nella Confederazione. Tuttavia, se i reati contemplati dall’Art. 264 m StGB sono stati commessi all’estero, la Svizzera è tenuta a riconoscere la competenza automatica di alcuni Tribunali internazionali, ovverosia la Corte Penale internazionale, i Tribunali ad hoc per la ex Yugoslavia ed il Rwanda, il Tribunale speciale per la Sierra Leone e tutti i Tribunali appartenenti al c.d. << Meccanismo internazionale >> ratificato ed applicato dalle Autorità federali elvetiche con l’Ordinanza dello 08/06/2012.
Il comma 2 Art. 264 m StGB impegna la Magistratura svizzera a rinunciare al perseguimento penale qualora prevalga la giurisdizione di una Corte internazionale o di un Tribunale straniero << se l’autore del reato non ha la cittadinanza svizzera e il reato
[...]
Pagina: 1 2 3 4 5 6 7 di 7

Poni un quesito in materia di penale


Libri correlati

Logo_maggioliadv
Per la pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it | www.maggioliadv.it
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Logo_maggioli