I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo sito. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. [Leggi i dettagli] [OK]
Diritto.it

ISSN 1127-8579

Pubblicato dal 20/12/2016

All'indirizzo http://www.diritto.it/docs/38917-il-mancato-peculato-della-sala-operatoria

Autore: Stefano Casetta

Il (mancato) peculato della sala operatoria

Il (mancato) peculato della sala operatoria

Pubblicato in Diritto penale il 20/12/2016

Autore

50411 Stefano Casetta

Qui la sentenza n. 51371 - 1/12/2016 - Corte di Cassazione - Penale, VI

Pagina: 1 2 di 2

Il (mancato) peculato della sala operatoria             Il peculato è un reato molto simile all'appropriazione indebita, che si differenzia da esso principalmente per la qualifica che ricopre il soggetto agente. [1]
            La norma, infatti, punisce il pubblico ufficiale o l'incaricato di un pubblico servizio che si appropria del danaro o di altra cosa mobile altrui di cui ha il possesso, o comunque la disponibilità, per ragioni del suo ufficio o servizio. L'attuale formulazione dell'art. 314 c.p. è essenzialmente frutto della riforma del 1990 (avvenuta con Legge n. 86 del 26 aprile): con tale novella legislativa si è eliminato sia il riferimento all'appartenenza alla p.a. della res oggetto della condotta, sia al profitto proprio o altrui, che alla condotta distrattiva. [2]
            Si tratta di un reato plurioffensivo, poiché la condotta di peculato non lede solo il funzionamento ed il prestigio della p.a. ma anche (e soprattutto) gli interessi patrimoniali di quest'ultima. [3] Parte della dottrina e della Giurisprudenza, [4] tuttavia, non concordano con questa ricostruzione, argomentando che sia soltanto il buon andamento della amministrazione ad essere tutelato nella norma. [5]
            Centrale nella fattispecie è il concetto di appropriazione. Essa si concretizza allorquando si tenga sul bene o denaro un comportamento uti dominus, destinato a materializzarsi in atti incompatibili con il titolo per cui si possiede,
sì da realizzare l'interversio possessionis e l'interruzione della relazione funzionale tra il bene ed il suo legittimo proprietario. Concetto che successivi approfondimenti dottrinali [6] hanno poi consentito di precisare, argomentando sulla necessità di due momenti distinti:
  • Un primo in cui vi è “l'espropriazione” del proprietario dal rapporto con la cosa;
  • un secondo in cui vi è “l'impropriazione”, cioè la creazione della signoria di fatto tra il soggetto attivo del peculato e la cosa stessa.
 
            L'arresto in commento prende le mosse dal ricorso presentato sia dal Pubblico Ministero che dagli indagati avverso la decisione del Tribunale di Roma che, sulla base delle richieste presentate con riesame, aveva sostituito la misura cautelare degli arresti domiciliari con la misura interdittiva della sospensione dal servizio prevista dall'art. 289 c.p.p., inibendo ad entrambi gli indagati l'attività di medico ospedaliero per la

Libro in evidenza

Guida alla liquidazione economica del danno alla persona in R.C.

Guida alla liquidazione economica del danno alla persona in R.C.


La Collana “I Quaderni di Medicina e Diritto” persegue lo scopo dell’omonima Associazione: approfondire lo studio dei problemi medico-legali e giuridici, anche sotto l’aspetto assicurativo, attinenti al bene salute della persona e alle responsabilità conseguenti alla lesione, comunque intesa, di tale...

21.00 € 17.85 € Scopri di più

su www.maggiolieditore.it

la durata di un anno.
            Nel caso che occupa, infatti, tale misura interdittiva era stata applicata, quanto al primo medico, per i reati di peculato e di concorso in truffa aggravata, per aver eseguito, in qualità di direttore dell'unità operativa complessa di chirurgia plastica e grandi ustioni, un intervento chirurgico in una sala operatoria di tali reparti, su un paziente non indicato nelle liste di prenotazione e senza rispettare le procedure richieste per gli interventi in regime di convenzione (utilizzando, così, locali e avvalendosi di personale e apparecchiature ospedaliere per fini diversi da quelli istituzionali). Il secondo medico, invece, doveva rispondere, per la propria falsa attestazione di presenza in servizio (avendo fatto timbrare il suo badge ad altri, ed avendo apposto manualmente falsi orari di ingresso ed uscito sui registri cartacei), del reato di truffa aggravata e dell'art. 55 quinquies D. Lgs. 165/2001.
 
            Per quanto riguarda la presente trattazione ci si deve soffermare sulla condotta del primo sanitario, chiedendosi, così come ha fatto il Giudice di Legittimità, se sia possibile configurare il reato di cui all'art. 314 c.p. nei confronti della sala operatoria.
            A tale domanda si deve dare risposta negativa. Infatti la Suprema Corte di Cassazione  sottolinea come la sala chirurgica, da intendersi quale complesso di beni, non coincide con quanto richiede la norma incriminatrice del peculato, che si riferisce all'appropriazione di denaro o cosa mobile altrui. Per tale approccio ermeneutico, quindi, non sarebbe possibile ricondurre tale luogo ad un bene di cui l'agente si possa appropriare, dal momento che la condotta di peculato può avere ad oggetto solo beni mobili.
            Inoltre i Giudici censurano la genericità dell'ordinanza impugnata, la quale da per scontata l'esistenza di una condotta appropriativa, senza spiegare in cosa essa sia consistita. Per il
[...]
Pagina: 1 2 di 2

Poni un quesito in materia di penale


Libri correlati

Logo_maggioliadv
Per la pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it | www.maggioliadv.it
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Logo_maggioli