I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo sito. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. [Leggi i dettagli] [OK]
Diritto.it

ISSN 1127-8579

Pubblicato dal 17/04/2008

All'indirizzo http://www.diritto.it/docs/25872-spiegare-come-deve-variare-la-modalit-descrittiva-delle-funzionalit-di-sicurezza-al-crescere-del-livello-di-garanzia-a-cui-viene-eseguita-una-certificazione-iso-iec-15408-common-criteria

Autore: Guzzo Antonio

Spiegare come deve variare la modalità descrittiva delle funzionalità di sicurezza al crescere del livello di garanzia a cui viene eseguita una certificazione ISO/IEC 15408 (Common Criteria).

Spiegare come deve variare la modalità descrittiva delle funzionalità di sicurezza al crescere del livello di garanzia a cui viene eseguita una certificazione ISO/IEC 15408 (Common Criteria).

Pubblicato in Informatica giuridica, Sicurezza informatica e tutela della privacy il 17/04/2008

Autore

46291 Guzzo Antonio
Pagina: 1 2 di 2

Prima di passare ad esaminare come deve variare la modalità descrittiva delle funzionalità di
sicurezza al crescere del livello di garanzia a cui viene eseguita una certificazione ISO/IEC 15408 è
necessario definire dapprima i concetti di livelli di garanzia e di funzioni di sicurezza. In un sistema
ict sicuro reale non possono essere fornite delle garanzie assolute circa la sicurezza del sistema ict.
Quello che si deve fare è fornire una garanzia non completa e graduata secondo certi livelli (livelli
di garanzia o assurance level). Questi livelli sono sostanzialmente le modalità con cui si misura
quanto si ci può fidare della sicurezza di questo sistema ICT reale. Il concetto centrale che
interviene è questo dell’assurance cioè della garanzia che può essere graduata. In realtà questi
criteri prevedono un'altra gradazione che concerne specificatamente funzioni di sicurezza, basate su
analisi di tipo probabilistico (ad es. funzioni hash o funzioni che utilizzano password). Per questi
specifici tipi di funzioni di sicurezza è prevista che venga adottata una scala di valori che serve a
misurare la robustezza di queste funzioni di sicurezza. Per quanto concerne i livelli di garanzia
dobbiamo distinguere nell’ambito dell’approccio generale due principali tipi di verifica:
Livelli di garanzia
Verifiche di tipo 1
di progettazione della sicurezza del sistema ict. Ci troviamo nello specifico nella
fase in cui
utilizzando il processo di analisi dei rischi si vanno a selezionare delle contromisure tecniche (in
particolare le funzioni di sicurezza) per contrastare minacce che potrebbero violare gli obiettivi di
sicurezza).Le verifiche di tipo 1 controllano che vi siano tutte le funzioni di sicurezza necessarie,
che siano in grado di cooperare efficacemente e che la robustezza dichiarata sia confermabile
teoricamente.
Verifiche di tipo 2
incominciare a preoccuparci di quanto possiamo fidarci di queste funzioni). Qui intervengono le
verifiche di tipo 2 dove si va a controllare, con una severità dipendente dal livello di garanzia, che il
software/hardware con cui le funzioni sono realizzate esibisca nelle effettive condizioni di utilizzo il
comportamento teorico previsto a fronte di eventi accidentali o di attacchi.
A tal proposito le verifiche di tipo 1 hanno lo scopo di controllare che non vi
vi siano errori già nella
fase di impostazione della progettazione delle funzionalità di sicurezza del sistema ICT. Un
esempio ci viene dato dall’assenza di una funzione di sicurezza. A tal proposito le verifiche di tipo 2
vengono definite graduandole in funzione del livello di garanzia e tenendo conto del fatto che la
sicurezza del sistema ICT può essere assimilata alla resistenza di una catena che dipende dalla
resistenza del suo anello più debole. Passiamo ora ad esaminare le tipologie relative alle verifiche di
tipo 2 precedentemente accennate. In particolare viene previsto che colui che chiede la
certificazione debba documentare il modo in cui le funzionalità di sicurezza sono state progettate e
realizzate. Questa documentazione che è richiesto che lui fornisca, deve essere sviluppata secondo
certi criteri che fanno si che possano esistere vari tipi di descrizioni di queste funzionalità di
sicurezza a vari livelli di generalità cioè da un livello di generalità più elevato, via via con dettagli
sempre più spinti si passa a modalità di descrizione più precise fino ad arrivare a quella ultima che
corrisponde all’implementazione delle funzionalità di sicurezza. Per cui partendo dall’alto e cioè
dalle descrizioni a più alto livello di queste funzioni di sicurezza (utilizzando una terminologia
classica dei COMMON CRITERIA) avremo una descrizione delle funzioni di sicurezza che prende
il nome di specifica delle funzioni di sicurezza (cioè una descrizione ad alto livello (ciò che un
utente può osservare dall’esterno) del comportamento e dell’interfaccia delle funzioni di sicurezza).
Quando si passa al successivo livello descrittivo definito progetto ad alto livello, già è necessario
fornire delle informazioni più precise e cioè descrivere l’insieme delle funzioni di sicurezza in
termini di sottosistemi, ossia di unità strutturali macroscopiche che a seconda dei casi possono
realizzare una funzione di sicurezza, parte di
[...]
Pagina: 1 2 di 2

Spiegare come deve variare la modalità descrittiva delle funzionalità di sicurezza al crescere del livello di garanzia a cui viene eseguita una certificazione ISO/IEC 15408 (Common Criteria).


Pubblicato in

Informatica giuridica, Sicurezza informatica e tutela della privacy

in data

17/04/2008

Autore:

User Guzzo Antonio

Prima di passare ad esaminare come deve variare la modalità descrittiva delle funzionalità di
sicurezza al crescere del livello di garanzia a cui viene eseguita una certificazione ISO/IEC 15408 è
necessario definire dapprima i concetti di livelli di garanzia e di funzioni di sicurezza. In un sistema
ict sicuro reale non possono essere fornite delle garanzie assolute circa la sicurezza del sistema ict.
Quello che si deve fare è fornire una garanzia non completa e graduata secondo certi livelli (livelli
di garanzia o assurance level). Questi livelli sono sostanzialmente le modalità con cui si misura
quanto si ci può fidare della sicurezza di questo sistema ICT reale. Il concetto centrale che
interviene è questo dell’assurance cioè della garanzia che può essere graduata. In realtà questi
criteri prevedono un'altra gradazione che concerne specificatamente funzioni di sicurezza, basate su
analisi di tipo probabilistico (ad es. funzioni hash o funzioni che utilizzano password). Per questi
specifici tipi di funzioni di sicurezza è prevista che venga adottata una scala di valori che serve a
misurare la robustezza di queste funzioni di sicurezza. Per quanto concerne i livelli di garanzia
dobbiamo distinguere nell’ambito dell’approccio generale due principali tipi di verifica:
Livelli di garanzia
Verifiche di tipo 1
di progettazione della sicurezza del sistema ict. Ci troviamo nello specifico nella fase in cui
utilizzando il processo di analisi dei rischi si vanno a selezionare delle contromisure tecniche (in
particolare le funzioni di sicurezza) per contrastare minacce che potrebbero violare gli obiettivi di
sicurezza).Le verifiche di tipo 1 controllano che vi siano tutte le funzioni di sicurezza necessarie,
che siano in grado di cooperare efficacemente e che la robustezza dichiarata sia confermabile
teoricamente.
Verifiche di tipo 2
incominciare a preoccuparci di quanto possiamo fidarci di queste funzioni). Qui intervengono le
verifiche di tipo 2 dove si va a controllare, con una severità dipendente dal livello di garanzia, che il
software/hardware con cui le funzioni sono realizzate esibisca nelle effettive condizioni di utilizzo il
comportamento teorico previsto a fronte di eventi accidentali o di attacchi.
A tal proposito le verifiche di tipo 1 hanno lo scopo di controllare che non vi siano errori già nella
fase di impostazione della progettazione delle funzionalità di sicurezza del sistema ICT. Un
esempio ci viene dato dall’assenza di una funzione di sicurezza. A tal proposito le verifiche di tipo 2
vengono definite graduandole in funzione del livello di garanzia e tenendo conto del fatto che la
sicurezza del sistema ICT può essere assimilata alla resistenza di una catena che dipende dalla
resistenza del suo anello più debole. Passiamo ora ad esaminare le tipologie relative alle verifiche di
tipo 2 precedentemente accennate. In particolare viene previsto che colui che chiede la
certificazione debba documentare il modo in cui le funzionalità di sicurezza sono state progettate e
realizzate. Questa documentazione che è richiesto che lui fornisca, deve essere sviluppata secondo
certi criteri che fanno si che possano esistere vari tipi di descrizioni di queste funzionalità di
sicurezza a vari livelli di generalità cioè da un livello di generalità più elevato, via via con dettagli
sempre più spinti si passa a modalità di descrizione più precise fino ad arrivare a quella ultima che
corrisponde all’implementazione delle funzionalità di sicurezza. Per cui partendo dall’alto e cioè
dalle descrizioni a più alto livello di queste funzioni di sicurezza (utilizzando una terminologia
classica dei COMMON CRITERIA) avremo una descrizione delle funzioni di sicurezza che prende
il nome di specifica delle funzioni di sicurezza (cioè una descrizione ad alto livello (ciò che un
utente può osservare dall’esterno) del comportamento e dell’interfaccia delle funzioni di sicurezza).
Quando si passa al successivo livello descrittivo definito progetto ad alto livello, già è necessario
fornire delle informazioni più precise e cioè descrivere l’insieme delle funzioni di sicurezza in
termini di sottosistemi, ossia di unità strutturali macroscopiche che a seconda dei casi possono
realizzare una funzione di sicurezza, parte di essa o più funzioni di sicurezza. Il terzo livello,
procedendo quindi ad un analisi maggiormente dettagliato, è quello relativo al progetto a basso
livello che descrive il modo di operare interno delle funzioni di sicurezza in termini di piccoli
moduli per i quali vengono specificate le operazioni svolte, le interfacce ed i modi di interazione.
L’ultimo livello è quello della vera e propria implementazione (ad esempio il codice sorgente di un
prodotto software) che descrive l’implementazione in termini di codice sorgente, firmware, disegni
hardware fornendo quindi il massimo livello di dettaglio circa il funzionamento interno delle
funzioni di sicurezza del TOE (Target of Evaluation Obiettivo di Valutazione). In questo caso
arriviamo al livello di dettaglio massimo quello in cui è possibile avere tutte le informazioni relative
alle modalità secondo cui la funzionalità di sicurezza è stata realizzata. Avendo parlato sino ad ora
di livelli di garanzia non è previsto che sempre sia necessario fornire delle indicazioni descrittive
delle funzionalità di sicurezza al livello massimo fino all’implementazione. Inoltre l’altra modalità
secondo la quale si può differenziare queste descrizioni delle funzioni di sicurezza in funzione del
livello di garanzia al quale è stata richiesta la certificazione è quello della modalità descrittiva
utilizzata ad uno di questi livelli già accennati. Per ciascuna di queste descrizioni delle funzioni di
sicurezza è prevista dalle norme di riferimento che si possa adottare uno stile diverso cioè è previsto
uno stile che può essere descritto in modo informale (indicato con i termini informal o descriptive),
semiformale e formale. Man mano che il livello di garanzia cresce non viene più accettato che le
cose si descrivano in modo ambiguo (cioè con il linguaggio naturale) ma è richiesto che si
adottino linguaggi formali o semi-formali che consentano di ridurre al minimo la possibilità di
non indicare con precisione ciò che fanno le funzionalità di sicurezza. Il primo concetto è che
si ricorrerà alle descrizioni più accurate solo quando i livelli di garanzia sono elevati, il
secondo che le descrizioni delle funzioni di sicurezza possono essere fatte tramite diversi stili
(formale-semiformale). Quindi riassumendo al crescere del livello di valutazione vengono
richieste specifiche realizzative più dettagliate (ad esempio il progetto a basso livello in luogo
di quello ad alto livello) ed il livello di rigore con il quale le specifiche devono essere descritte
aumenta (ad esempio descrizione formale invece che semiformale).
a cura del Dottor Antonio Guzzo – Responsabile CED – Sistemi Informativi del
Comune di Praia a Mare
(una volta che queste verifiche siano state previste nel sistema ict ha senso
(ad alto livello che servono ad evidenziare le eventuale presenza di errori in fase

Poni un quesito in materia di Informatica giuridica


Libri correlati

Logo_maggioliadv
Per la pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it | www.maggioliadv.it
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Logo_maggioli